Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
A Macerata cori choc contro le vittime delle foibe
Condividi                       

"Ma che belle son le foibe da Trieste in giù". Inneggiano alla tragedia degli italiani esuli dell'Istria e della Dalmazia.

E lo fanno durante quello che dovrebbe essere un corteo antifascista, contro la violenza e le discriminazioni. Durante la manifestazione a Macerata contro la folle caccia all'immigrato di Luca Traini, la sinistra ci casca ancora. E sulle note di una canzone della Carrà, gli antagonisti di "Aktion Antifaschisriche" e i centri sociali del Nord Est deturpano il Ricordo di chi fuggì dalle vessazioni del regime di Tito. Vicino a loro (senza intonare il canto) sventolano le bandiere dell’Anpi, di Emergency, di Libera, della Fiom, dell'Arci, di Rifondazione comunista, di Potere al popolo e di alcune associazioni di migranti.

Non è una novità, purtroppo. E pensare che il giorno del ricordo è stato istituito per "conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe”. Per qualcuno - è evidente - non è così. Il 10 febbraio diventa infatti ogni anno occasione per calpestare la tragedia degli italiani uccisi. Non c’é spazio per loro. Non c’é targa o minuto di silenzio per quei comptrioti massacrati dal rossissimo Tito. Rispediti (nuovamente) in quella fossa carsica che li inghiottì nel 1943.

Volete qualche esempio? Il Pd a Torino voleva impedire il raduno di CasaPound e Forza Nuova con la scusa fossero indette da associazioni "fasciste". "Chiediamo una parola netta e forte su una manifestazione che è organizzata da formazioni che hanno espresso solidarietà al pazzo di Macerata e che rischia di trasformarsi in un corteo fascista”, ha strillato il segretario provinciale del Pd Mimmo Carretta. L’Anpi gli ha fatto eco: celebrazioni da vietare “per il carattere neofascista in base alla norma della XII disposizione della Costituzione e delle leggi Scelba e Mancino”.

Ad Ancona una delegazione di centri sociali ha occupato Palazzo Camerata per fermare il comizio del partito di destra e ha chiesto l’annullamento del corteo del 10 febbraio. Certo, Debora Serracchiani ha preso le distanze dai "cori scandalosi" di Macerata, perché "calpestano morti innocenti e tradiscono gli ideali della Resistenza", ma in tutta Italia le opposizioni al giorno delle foibe sono numerosissime.

Sempre a Torino hanno ben pensato di infangare con una bomboletta di vernice la lapide in ricordo dell’esodo dei Giuliano-Dalmati: “In Istria i fasci stupravano”, hanno scritto a caratteri cubitali. A Seriano (Milano) in un volantino che pubblicizzava la conferenza indetta dall’Anpi dal titolo “Fascismo, Foibe, Esodo” si parlava delle vittime, ma non di comunismo.

A Orvieto hanno organizzato una mostra fotografica sugli orrori delle truppe di Mussolini - guarda caso - in Jugoslavia. A Tivoli invece Fratelli d’Italia è insorta ed ha espresso “sconcerto e rammarico per la condotta del sindaco Giuseppe Proietti e dei suoi consiglieri, che nonostante si fossero impegnati con una mozione votata a larga maggioranza ad intitolare una piazza o una via ai Martiri delle Foibe, ad oggi non ha ancora dato seguito agli impegni presi con i cittadini”.

Spesso se la protesta e il dialogo non bastano, si arriva addirittura alle mani. Nella città di Sant'Antonio i contestatori hanno provato ad avvicinarsi a Palazzo Nassiriya di piazza Capitaniato (dove si teneva un incontro di Fratelli d’Italia sulle foibe) e di fronte al blocco dalle forze dell’ordine sono passati all’attaccato degli agenti, anche loro considerati “fascisti”. “Si getta fango sui partigiani e gli jugoslavi, descrivendoli come assassini. Non si dice invece che gli italiani per anni hanno occupato la Jugoslavia”, ha detto una giovane di sinistra a Il Mattino di Padova.

Violenze anche a Pavia durante l’evento organizzato dall’Associazione Culturale Recordari. Un gruppo di 50 persone dei collettivi di sinistra ha tentato di aggredire un folto gruppo di persone riunite per una commemorazione. Passando per una via laterale alla piazza in cui si stava volgendo l’evento, i manifestanti hanno tentato il blitz. La polizia è riuscita ad allontanarli evitando il peggio.

Ecco: aveva ragione Gambattista Vico sui corsi e ricorsi storici. Ogni anno la stessa storia. Ma non basteranno le proteste, i monumenti oltraggiati e le violenze: il 10 febbraio non muore, vive nel ricordo.
11 Febbraio 2018



M5s-Lega, Camusso: “Non hanno una visione sociale. Ma parlano al nostro mondo”

21 Maggio 2018- “Non c’è una visione sociale. Le disuguaglianze richiedono politiche diverse”. Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, ha seguito con crescente preoccupazione i negoziati sul contratto di governo tra Lega e Cinque Stelle. Ed è rimasta stupita soprattutto dall’assenza di misure specifiche per il Mezzogiorno: “La Svimez dava già un giudizio duro sul ...continua
Venezuela sull’orlo della catastrofe: il Paese al voto tra crisi e proteste

21 Maggio 2018- “Non si può vivere in Venezuela. Mancano cibo e medicine”. “La situazione peggiora giorno dopo giorno. I prezzi continuano ad aumentano. Non c’è denaro e la gente muore di fame”. Sono le testimonianze da un Paese sull’orlo della catastrofe. Il Venezuela sta vivendo una grave crisi economica e politica che ha costretto milioni di cittadini a fuggire all’estero. ...continua
La Francia avverte l'Italia: "Si rispettino gli impegni o l'eurozona sarà a rischio"

21 Maggio 2018- Il ministro francese dell'economia, Bruno Le Maire, mette in guardia che la stabilità della zona euro sarà "messa a rischio" se il prossimo esecutivo italiano non rispetterà gli accordi. "Se il nuovo governo non rispetterà i suoi impegni sul debito, sul deficit, ma anche sul consolidamento delle banche, l'intera stabilità finanziaria della zona euro ...continua
L’Europa già pretende la manovra da 5 miliardi

21 Maggio 2018- «Niente sconti sulla riduzione del deficit» he la si chiami «manovrina» o «manovrona» il senso del messaggio che la Commissione Ue invierà all’Italia mercoledì prossimo sotto forma di raccomandazioni è comunque molto chiaro: la correzione del deficit è imprescindibile sia per il 2018 che per il 2019. Questo significa che nel documento si chiederà di effettuare un intervento per lo 0,3% ...continua
Cosa farà Berlusconi, cosa non faranno Salvini e Di Maio

14 Maggio 2018- Bentornato presidente Berlusconi. Per la verità il Cavaliere non se ne era mai andato dal palcoscenico della politica ma da ieri, per decisione del Tribunale di sorveglianza di Milano, ha riacquistato anche il diritto a candidarsi che aveva perso cinque anni fa per effetto della legge Severino, quella sui politici condannati in via definitiva. Una riabilitazione piena quindi, ...continua
Quando il mondo cambia entrano in scena gli audaci

14 Maggio 2018- di Francesco Alberoni Chi avrebbe potuto immaginare dieci anni fa che avremmo aspettato un governo nato dall'accordo fra Di Maio e Salvini? Il nostro Paese da più di mezzo secolo era diviso fra una sinistra storica di origini marxiste e una destra di impianto liberale. Fuoco del dibattito Berlusconi e i suoi processi. Nessuno allora aveva notato che Casaleggio e Grillo stavano ...continua
Oggi Lega e M5s al Quirinale. Trovato l'accordo sul premier

14 Maggio 2018- Ancora poche ore e ci sarà un governo. Ovviamente se il capo dello Stato, Sergio Mattarella, darà il via libera. Matteo Salvini e Luigi Di Maio al tavolo tecnico per il programma L'appuntamento è per questo pomeriggio. Alle 16.30 il capo dello Stato vedrà i capigruppo grillini Danilo Toninelli e Giulia Grillo, che saranno accompagnati da Luigi Di Maio. Alle 18, poi, ...continua
Trump minaccia sanzioni europee: ecco i rischi per le aziende Ue

14 Maggio 2018- Le sanzioni Usa contro il regime di Teheran potrebbero colpire anche l'Europa. La minccia arriva dal consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, il 'superfalco' John Bolton. L'amministrazione Trump non ha alcuna intenzione di fare sconti ai Paesi che non seguiranno Washington nel ripudiare l'accordo sul programma nucleare dell'Iran. A tremare sono le aziende ...continua
Air France non è Alitalia

14 Maggio 2018- di Dario Balotta Che l’Italia fosse un Paese malato era noto da tempo. Nel caso avessimo avuto bisogno di una conferma, questa è arrivata martedì scorso con lo sciopero dei controllori di volo che ha causato la cancellazione di oltre 900 voli e disagi a più di centomila passeggeri. La protesta, organizzata dalla Filt-Cgil, Uil Trasporti e Unica, dalle 10 alle 18 si è intersecata con lo sciopero indetto da ...continua
M5s-Lega, al terzo uomo del Salvimaio io dico: ‘Ti vedo e ti piango’

14 Maggio 2018- di Antonio Padellaro Già a tempo debito questo diario si era occupato del cosiddetto premier Terzo Uomo, immaginandone sembianze e caratteristiche. Mai osando sperare, tuttavia, che un simile prodigio potesse avverarsi. Da quando però ha appreso che il governo Salvini-Di Maio (d’ora in poi Salvimaio) sta per estrarre dal cilindro un premier “né Lega né Cinquestelle” ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Cascate
Cucina
Purpitteddi cu zugu d'aranciu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra