Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Clandestini, i giudici di pace rimpatriano con voli Alitalia
Condividi                       

Sono le undici del mattino di martedì, alla Guastalla. Aula di udienza negli uffici del Giudice di pace. I poliziotti accompagnano davanti al giudice un cinese dall'aria avvilita.

Il prefetto ha firmato il giorno prima il suo ordine di rimpatrio immediato e forzato. Il giudice lo ascolta brevemente, poi guarda le carte e decide: espulsione immediata. Lo portano a Linate e lo imbarcano per la Cina. Volo Alitalia, perché non ci sono accordi con le compagnie low cost. E il cinese non viaggia da solo, perché già un'altra volta ha creato problemi, quindi è considerato a rischio: così un paio di poliziotti lo accompagnano fino in patria, lo consegnano ala polizia locale, tornano indietro.

Una scena che si ripete con frequenza, e che dà il polso di quanto complicata e costosa sia la procedura per eseguire materialmente i rimpatri dei clandestini. I numeri dicono che Milano è, da questo punto di vista, un'isola di efficienza: nel giro di quattro anni le espulsioni coatte disposte dal giudice di pace hanno vissuto un'impennata impressionante, moltiplicandosi per venti fino alle 929 dell'anno scorso; cui vanno aggiunte quelle disposte dal tribunale ordinario, competente per i cittadini comunitari, o decise direttamente dal Governo. Un totale di 1.149 espulsioni nel 2017, record assoluto in Italia.

Ma l'analisi dei dati (che ora il Viminale rifiuta di comunicare, forse per cautela pre-elettorale, ma che il questore Cardona inserì nel suo discorso di fine anno) conferma quanto si vede direttamente tastando con mano il lavoro quotidiano dei giudici di pace: gli accompagnamenti coatti svuotano il mare col cucchiaio, perché la complessità delle procedure e i costi da affrontare sono tali che a venire davvero cacciati sono solo i casi limite.

Nel corso del 2017, il Prefetto di Milano ha firmato 4.107 decreti di espulsione. Decreti, per così dire, virtuali, privi di conseguenze concrete se non si traducono in rimpatri forzati. A questi quattromila clandestini sono stati riservati in realtà trattamenti graduati in base alla loro pericolosità, valutata in base alle analisi della Questura.

A più della metà - per l'esattezza 2.068 - è stato semplicemente consegnato un invito ad andarsene dall'Italia entro sette giorni; a 568 è stato ingiunto di presentarsi periodicamente alla polizia in attesa dell'espulsione definitiva. Per 1.149 è scattato l'accompagnamento all'aeroporto più vicino. I più tranquilli sono stati messi sull'aereo da soli, dopo l'okay del comandante. Per gli altri è servita la scorta. Quanto costa tutto ciò? Il costo medio di una operazione di rimpatrio è stata calcolata nei giorni scorsi da Repubblica in quattromila euro. I conti sono presto fatti.

Ma è l'intera macchina amministrativa e giudiziaria che ruota intorno ai provvedimenti di espulsione a apparire inadatta a sopportare il peso di grandi numeri. Nel corso del 2017 i giudici di pace, su cui ricade il gran peso di queste pratiche, hanno dovuto affrontare oltre duemila fascicoli: oltre al via libera al rimpatrio forzato, infatti, devono occuparsi anche della convalida delle misure alternative come l'obbligo di firma (334 casi) e dei ricorsi contro i decreti prefettizi: 752 ricorsi in tutto, accolti mediamente in un caso ogni cinque e quasi sempre per vizi di forma.

É una macchina che lavora sei giorni su sette, e spesso con l'acqua alla gola per via delle norme: i decreti di reimpatrio coatto devono essere notificati entro 48 ore dal Prefetto al giudice, che ha altre 48 ore per decidere. Così ci sono turni a ciclo continuo di giudici, interpreti, difensori d'ufficio. Le espulsioni vengono convalidate praticamente tutte. Mediamente, vengono caricati in aereo tra i tre e i quattro clandestini al giorno. «E spesso - raccontano alla Guastalla - dobbiamo sbrigarci a fare l'udienza perché l'aereo sta per partire».

La nuova normativa ha di fatto abolito la possibilità di trattenere per trenta giorni i clandestini nei Centri di accoglienza (ma si era arrivati a 180 giorni), e chi ha visitato in passato il centro di via Corelli, ora chiuso, ha toccato con mano quanto fosse barbaro quel sistema, che di fatto chiudeva in un carcere persone che non avevano commessi reati. Ma le statistiche dei giudici di pace sembrano dire che anche il sistema attuale è irrazionale e inadeguato.
11 Febbraio 2018



Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile

10 Luglio 2018- di Giorgio Meletti L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio ...continua
Lo stato è scappato con la cassa

10 Luglio 2018- di Nicola Porro Un nostro lettore, ex finanziere, mi scrive questa bella lettera, che in realtà è un favoloso commento contro la retorica della lotta all’evasione. Che tutti i governi vogliono combattere. Dovrebbe in realtà combattere contro se stessi: sono delle bestie che si alimentano delle nostre risorse, e ne vogliono sempre di più. A loro non basta mai. Ecco i numeri. Lettera di Marco G. ...continua
Savona avverte l'Italia: "Sia pronta al 'cigno nero'"

10 Luglio 2018- l ministro avverte: "Altri potrebbero decidere la nostra uscita dall'euro". E nei prossimi giorni incontrerà Mario Draghi Claudio Cartaldo - Mar, 10/07/2018 - 15:58 commenta "Dobbiamo essere pronti a ogni evento. In Banca d'Italia ho imparato che non ci si deve preparare a gestire la normalità, ma l'arrivo del cigno nero, lo shock". Paolo Savona torna al centro ...continua
PD: tutti contro tutti

9 Luglio 2018- Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi. Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ...continua
Nave irlandese: Sbarcati 106 migranti a Messina . Salvini: “Porti chiusi” con migranti

8 Luglio 2018- La nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è approdata sabato sera nel molo Norimberga del porto di Messina. Ad aspettarla centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all’iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell’accoglienza. Non un’imbarcazione ong, ma un pattugliatore ...continua
Il decreto Dignità è solo una pezza. Per il lavoro serve una modifica strutturale

8 Luglio 2018- di Nicola Sorgi Il decreto Dignità, sbandierato come un “colpo mortale al Jobs Act”, in realtà delude le aspettative proprio sul tema cruciale, quello del precariato. E non perché le misure proposte non siano giuste: il problema è la modalità con cui si è deciso di agire sul mercato del lavoro. Invece di cancellare veramente il Jobs Act, per proporre ...continua
Pd, partito paralizzato: il congresso slitta al 2019. Renzi: “Non vado via”.

8 Luglio 2018- Un partito che non decide e rimane in balia di Matteo Renzi. Il leader che ha perso tutto e che un giorno sì e un altro pure fa sapere che potrebbe anche andarsene. Il Partito democratico esce dall’Assemblea nazionale come ne era entrato: in preda alla confusione. A onor di cronaca un nuovo segretario è stato eletto e si chiama Maurizio Martina. Ovvero lo ...continua
Manca il lavoro o i lavoratori?

8 Luglio 2018- di Alessandro Sallusti La mancanza di lavoro è certamente un dramma di non facile soluzione, soprattutto se il governo - come sta facendo Di Maio - fa di tutto per complicare la vita a chi dovrebbe offrirlo, cioè agli imprenditori grandi e piccoli. Ma non facciamo gli ipocriti: nessuna riforma può creare un nuovo posto di lavoro, al massimo può ostacolarlo o agevolarlo. Il lavoro nasce da un libero ...continua
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita

8 Luglio 2018- L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno ...continua
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno

7 Luglio 2018- La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti «È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Baccalà alla Cappuccina
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra