Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Catanzaro, 170 arresti per ‘ndrangheta tra Italia e Germania.
Condividi                       

Una decina amministratori locali tra sindaci, vicesindaci, assessori e presidenti dei consigli comunali di Cirò Marina, Strongoli, Mandatoriccio, Casabona e San Giovanni in Fiore. In manette anche il presidente della Provincia di Crotone Nicodemo Parrilla, eletto esattamente un anno fa con il 62,2% dei voti. Un’inchiesta mastodontica, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, è stata portata a termine stanotte dai carabinieri del Ros che hanno arrestato per mafia 170 persone in Calabria: 131 sono finite in carcere e 39 agli arresti domiciliari.

Numerosi sequestri, inoltre, sono stati eseguiti dai militari del Comando provinciale di Crotone e dal Noe di Catanzaro. L’ordinanza di custodia cautelare dell’operazione “Stige” è stata firmata dal gip di Catanzaro Giulio De Gregorio su richiesta del procuratore Nicola Gratteri, dell’aggiunto Vincenzo Luberto e dei sostituti Domenico Guarascio, Fabiana Rapino e Alessandro Prontera.

Associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, favoreggiamento, turbativa d’asta e corruzione elettorale. C’è di tutto e di più nelle oltre 1300 pagine che riassumono il lavoro della Dda. Anni di indagini che hanno fatto luce sul controllo capillare del territorio, a cavallo tra le province di Crotone e Cosenza, da parte della cosca Farao-Marincola di Cirò Marina e del clan Giglio di Strongoli.

Il blitz è scattato stamattina all’alba in Calabria e in altre regioni d’Italia. Ma anche all’estero, in Germania dove la holding dei clan ha allungato i suoi tentacoli. Tredici gli arresti che gli uomini del Raggruppamento operativo speciale hanno eseguito nelle zone dell’Assia e di Stoccarda dove, grazie a una cellula distaccata delle famiglie calabresi, la cosca dei “cirotani” si è imposta nel settore della distribuzione dei prodotti vinicoli e di semilavorati per pizze.

Se la Germania è un territorio da colonizzare, il crotonese era casa loro. Soprattutto i Comuni di Cirò Marina, Cariati, Torretta di Crucoli, Strongoli e Casabona dove gli interessi della cosca vanno dal mercato ittico ai servizi portuali, dai servizi di lavanderia industriale a quelli della distribuzione di prodotti alimentari, dalla gestione dei servizi per l’accoglienza dei migranti allo smaltimento dei rifiuti, dalle agenzie di slot-machine a quelle per la distribuzione di bevande, dai servizi di onoranze funebri alla gestione dei lidi fino agli appalti per il taglio dei boschi della Sila.

Il pubblico come il privato doveva sottostare ai desiderata della ‘ndrangheta. Nelle carte della Procura, infatti, ha trovato spazio la storia di un’azienda agricola e di un frantoio che due imprenditori non sono riusciti a vendere perché il boss Salvatore Giglio ha allontanato l’ex deputato Franco Laratta e il sindaco di Petilia Policastro Amedeo Nicolazzi influenzando le trattative che questi avevano con i proprietari.

Se le estorsioni sono una costante, gli appalti arrivano dopo i voti. È tutto legato per la Dda di Catanzaro secondo cui, se alcuni politici locali sono concorrenti esterni della ‘ndrangheta, molti altri sono di fatto affiliati alla cosca Farao-Marincola. Non è un caso che, con l’operazione “Stige”, sia stata praticamente decimata l’amministrazione del Comune di Cirò Marina dove, assieme a boss e gregari, sono finiti dietro le sbarre anche il sindaco Nicodemo Parrilla che, proprio grazie “alle pressioni ‘ndranghetistiche esercitate sui consiglieri del Comune di Casabona” è stato eletto anche presidente della Provincia di Crotone.

Tramite Antonio Anania, ritenuto “tra gli esponenti più attivi della ‘ndrangheta cirotana”, per Parrilla i voti li avrebbe trovati Giuseppe Sestito, detto “Pino” uno dei plenipotenziari della cosca che, dal 2006 al 2016 ha sempre deciso chi doveva guidare il Comune.

I carabinieri hanno arrestato anche il vicesindaco Giuseppe Berardi, il presidente del Consiglio comunale Giancarlo Fuscaldo, l’ex sindaco Roberto Siciliani e il fratello Nevio che è stato anche lui ex assessore dello stesso Comune. Sono finiti in carcere pure il vicesindaco di Casabona Domenico Cerrelli, il sindaco di Mandatoriccio Angelo Donnici, il suo vice Filippo Mazza (che ha la delega ai lavori pubblici), l’ex vicesindaco di San Giovanni in Fiore Giovanbattista Benincasa e il sindaco di Strongoli Michele Laurenzano, del Pd. Quest’ultimo, secondo i pm della Dda di Catanzaro, forniva un “concreto, specifico, consapevole e volontario contributo ai componenti dell’associazione mafiosa”.
9 Gennaio 2018



Figlia di PM, prima la bocciano e poi la assume il sindaco

19 Gennaio 2018- Soltanto coincidenze. Tutte fiorentine. Il 26 ottobre, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha assunto negli uffici della Città Metropolitana la 28enne Celeste Oranges, priva di esperienza professionale e con in tasca una laurea magistrale in Legge. Incidentalmente, Celeste è la figlia di Acheropita Mondera Oranges, che guida la Procura della Corte dei Conti della Toscana dopo ...continua
Italiani in estinzione Entro la fine del secolo 40 milioni di stranieri

19 Gennaio 2018- Senza immigrati la popolazione dell'Italia crollerà da 60 milioni oggi a 20 milioni entro la fine del secolo. Invece, con i flussi di immigrati attuali e previsti la metà della popolazione italiana sarà fatta di immigrati o figli di immigrati entro 60 anni, cioè entro una sola generazione. Questo significa che il numero di immigrati in Italia sta per esplodere da ...continua
Gli arretrati per gli statali arrivano a cinque giorni dal voto

19 Gennaio 2018- Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera. Aumenti ed arretrari destinati agli statali possono partire, dopo l'accordo raggiunto tra l'Aran, l'agenzia che tratta per conto del ministero, e le sigle sindacali. Quasi tutto fatto. Manca ora soltanto il vaglio della Corte dei Conti, che se dovesse dare il suo assenso acconsentirebbe così al pagamento di arretrati da ...continua
Il piano di Berlusconi: "Così creiamo posti di lavoro stabili"

19 Gennaio 2018- Tasse e lavoro. Sono queste le priorità del centrodestra in caso di vittoria alle elezioni. Lo ha ribadito Silvio Berlusconi ufficializzando con un video su Facebook l'accordo con Noi con l'Italia - Udc, la cosiddetta quarta gamba di Raffaele Fitto e Lorenzo Cesa. "Uniti si vince e la nostra sarà un'autentica rivoluzione liberale, positiva e costruttiva, basata ...continua
Giornalisti in tv sotto controllo: cosa da ubriachi

13 Gennaio 2018- di Alessandro Sallusti Campagna elettorale, a breve si entra in regime di par condicio, quella legge per cui in tv e in radio scatta il minutaggio: tanto parla il candidato di un partito tanto devono parlare i rappresentanti di tutti gli altri, a prescindere dal loro peso elettorale e interesse per il pubblico. La legge sulla par condicio è la morte del giornalismo (vale sia per ...continua
L'euro mostra i muscoli e Draghi tace

13 Gennaio 2018- Ma l'euro ipertrofico fa ancora paura alla Bce? Viene da chiederselo, visto il mutismo di Mario Draghi. L'estate scorsa, quando la moneta unica flirtava con quota 1,20 dollari, il presidente dell'Eurotower era più volte intervenuto per rimarcare i rischi di un cambio troppo forte. Ora siamo arrivati ben oltre quei valori: fino a 1,2137 ieri, un massimo da tre anni alimentato dal profilarsi in ...continua
Cgia, la ripresa rallenta. L'Italia tornerà ad essere ultima in Europa

13 Gennaio 2018- La stima della Cgia di Mestre non promette nulla di buono. Vediamo subito di cosa si tratta: la ripresa economica del 2017 (+ 1,5% circa) rischia di indebolirsi già a partire da quest'anno. Secondo l'Ufficio studi della Cgia, infatti, gli ultimi dati di previsione elaborati dalla Commissione europea per il 2018 il Pil reale dell'Italia è destinato ad aumentare ...continua
Matteo a De Benedetti: "Merkel ha rotto i c... Juncker è un cretino"

13 Gennaio 2018- A colazione si decidevano le sorti della politica italiana e si indirizzava l'azione del governo. L'ingegner Carlo De Benedetti, per il premier Matteo Renzi, era molto più di un consulente. Un tutor, si potrebbe dire. Eppure, a leggere il verbale dell'audizione dell'11 febbraio 2016 presso gli uffici milanesi della Consob pubblicato dal Sole 24 Ore, emerge anche un ...continua
Stretta di mano tra le due Coree: Pyongyang ai Giochi invernali

9 Gennaio 2018- È una stretta di mano che conta molto quella immortalata oggi dai fotografi arrivati alla Casa della pace di Panmunjom, il villaggio nella zona demilitarizzata che divide la penisola di Corea, teatro di un nuovo incontro di alto livello tra i rappresentanti di Seul e di Pyongyang. Da un lato il ministro sudcoreano Cho Myoung-gyon, delegato alle relazioni con il Nord, ...continua
Istat, cresce occupazione Lavorano più giovani

9 Gennaio 2018- Cresce l'occupazione. Secondo i dati Istat di novembre gli occupati hanno toccato quota 23,183 milioni. Secondo l'istituto di statistica si tratta del dato più alto sulle serie storiche dal 1977. Di fatto il tasso è cresciuto di 0,2 punti attestandosi al 58,4 per cento. Di fatto rispetto allo stesso periodo del 2016 l'incremento è di 345mila unità. La crescita degli occupati riguarda i ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Turbanti 'i risu e mulinciani
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra