Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Presidente Berlusconi, noi imprenditori non ce la facciamo più
Condividi                       

Egregio direttore, mi chiamo Andrea Pasini, sono un giovane imprenditore di Trezzano sul Naviglio in provincia di Milano.

Le scrivo perché vorrei lanciare un messaggio forte alla politica. Chi fa impresa oggi in Italia è un eroe giunto al limite e non è più possibile rispettare uno Stato che non rispetta i suoi cittadini. Non è più possibile avere fiducia in una classe dirigente che obbliga gli imprenditori a fare sacrifici e mai sacrifica sé stessa per il bene altrui. Nessuno come un imprenditore sa cosa sia la rinuncia, la fatica e la voglia di riscatto. Noi abbiamo bisogno di una persona che possa capire l'importanza strategica per l'Italia delle imprese e cerchi di mettere in campo delle leggi che vadano nella direzione di poterle fare crescere in maniera sana.

Ogni giorno portiamo a termine missioni ben più impossibili di qualsiasi agente 007. I nostri nemici sono molteplici: una burocrazia pachidermica, tasse che hanno ormai raggiunto livelli vessatori, leggi che invece che facilitare la creazione di un ambiente di lavoro sereno creano sempre più difficoltà e sindacati totalmente incapaci. La pressione fiscale per le imprese ha ormai superato il 60%. Una percentuale così alta che lo Stato si può dire socio di maggioranza di ogni azienda italiana. Un socio che gode degli utili fino a che l'azienda è sana, ma quando attraversa un momento di difficoltà la abbandona facendo finta di non conoscerla. Centinaia di aziende abbassano le serrande ogni giorno. Migliaia di posti di lavoro vengono persi. I vari governi non legittimati dal voto popolare hanno promesso di restituire i soldi spettanti alle aziende, ma le promesse si sono ancora una volta dimostrate vane e alcune delle imprese interessate hanno, nell'attesa, dichiarato fallimento.

Ma può farcela l'imprenditore da solo? Certamente no! Ed infatti questo è un appello che vorrei arrivasse ad una persona alla quale l'imprenditoria scorre nel sangue. Questo uomo si chiama Silvio Berlusconi.

Signor presidente, queste elezioni sono l'occasione per ridare dignità alla piccola media impresa che rappresenta da sempre la forza economica di questa. Adesso, caro presidente, noi giovani imprenditori abbiamo più che mai bisogno di lei, perché tutti i giorni lottiamo per salvare e per mantenere vive le nostre aziende che ci sono state lasciate in eredità dai nostri genitori, i quali hanno vissuto di sacrifici e di rinunce. Uomini che hanno ogni giorno vissuto la loro azienda come una famiglia, garantendo il benessere dei propri dipendenti, paragonati a dei figli da crescere e ai quali non far mancare nulla. Bisogna con urgenza mettere mano ad una legge che consenta di abbassare drasticamente le tasse, è urgente tagliare questa burocrazia pachidermica che ci opprime quotidianamente.

E sì, caro presidente Berlusconi, adesso noi giovani imprenditori abbiamo urgente bisogno di lei per salvarci e per salvare la dignità dei nostri e garantire un salario ai nostri dipendenti che meritano di poter vivere dignitosamente, con la tranquillità di potersi alzare ogni mattina consapevoli del fatto che riusciranno con un lavoro onesto e sicuro a mantenere la propria famiglia.
9 Gennaio 2018



Figlia di PM, prima la bocciano e poi la assume il sindaco

19 Gennaio 2018- Soltanto coincidenze. Tutte fiorentine. Il 26 ottobre, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha assunto negli uffici della Città Metropolitana la 28enne Celeste Oranges, priva di esperienza professionale e con in tasca una laurea magistrale in Legge. Incidentalmente, Celeste è la figlia di Acheropita Mondera Oranges, che guida la Procura della Corte dei Conti della Toscana dopo ...continua
Italiani in estinzione Entro la fine del secolo 40 milioni di stranieri

19 Gennaio 2018- Senza immigrati la popolazione dell'Italia crollerà da 60 milioni oggi a 20 milioni entro la fine del secolo. Invece, con i flussi di immigrati attuali e previsti la metà della popolazione italiana sarà fatta di immigrati o figli di immigrati entro 60 anni, cioè entro una sola generazione. Questo significa che il numero di immigrati in Italia sta per esplodere da ...continua
Gli arretrati per gli statali arrivano a cinque giorni dal voto

19 Gennaio 2018- Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera. Aumenti ed arretrari destinati agli statali possono partire, dopo l'accordo raggiunto tra l'Aran, l'agenzia che tratta per conto del ministero, e le sigle sindacali. Quasi tutto fatto. Manca ora soltanto il vaglio della Corte dei Conti, che se dovesse dare il suo assenso acconsentirebbe così al pagamento di arretrati da ...continua
Il piano di Berlusconi: "Così creiamo posti di lavoro stabili"

19 Gennaio 2018- Tasse e lavoro. Sono queste le priorità del centrodestra in caso di vittoria alle elezioni. Lo ha ribadito Silvio Berlusconi ufficializzando con un video su Facebook l'accordo con Noi con l'Italia - Udc, la cosiddetta quarta gamba di Raffaele Fitto e Lorenzo Cesa. "Uniti si vince e la nostra sarà un'autentica rivoluzione liberale, positiva e costruttiva, basata ...continua
Giornalisti in tv sotto controllo: cosa da ubriachi

13 Gennaio 2018- di Alessandro Sallusti Campagna elettorale, a breve si entra in regime di par condicio, quella legge per cui in tv e in radio scatta il minutaggio: tanto parla il candidato di un partito tanto devono parlare i rappresentanti di tutti gli altri, a prescindere dal loro peso elettorale e interesse per il pubblico. La legge sulla par condicio è la morte del giornalismo (vale sia per ...continua
L'euro mostra i muscoli e Draghi tace

13 Gennaio 2018- Ma l'euro ipertrofico fa ancora paura alla Bce? Viene da chiederselo, visto il mutismo di Mario Draghi. L'estate scorsa, quando la moneta unica flirtava con quota 1,20 dollari, il presidente dell'Eurotower era più volte intervenuto per rimarcare i rischi di un cambio troppo forte. Ora siamo arrivati ben oltre quei valori: fino a 1,2137 ieri, un massimo da tre anni alimentato dal profilarsi in ...continua
Cgia, la ripresa rallenta. L'Italia tornerà ad essere ultima in Europa

13 Gennaio 2018- La stima della Cgia di Mestre non promette nulla di buono. Vediamo subito di cosa si tratta: la ripresa economica del 2017 (+ 1,5% circa) rischia di indebolirsi già a partire da quest'anno. Secondo l'Ufficio studi della Cgia, infatti, gli ultimi dati di previsione elaborati dalla Commissione europea per il 2018 il Pil reale dell'Italia è destinato ad aumentare ...continua
Matteo a De Benedetti: "Merkel ha rotto i c... Juncker è un cretino"

13 Gennaio 2018- A colazione si decidevano le sorti della politica italiana e si indirizzava l'azione del governo. L'ingegner Carlo De Benedetti, per il premier Matteo Renzi, era molto più di un consulente. Un tutor, si potrebbe dire. Eppure, a leggere il verbale dell'audizione dell'11 febbraio 2016 presso gli uffici milanesi della Consob pubblicato dal Sole 24 Ore, emerge anche un ...continua
Catanzaro, 170 arresti per ‘ndrangheta tra Italia e Germania.

9 Gennaio 2018- Una decina amministratori locali tra sindaci, vicesindaci, assessori e presidenti dei consigli comunali di Cirò Marina, Strongoli, Mandatoriccio, Casabona e San Giovanni in Fiore. In manette anche il presidente della Provincia di Crotone Nicodemo Parrilla, eletto esattamente un anno fa con il 62,2% dei voti. Un’inchiesta mastodontica, coordinata dalla Direzione distrettuale ...continua
Stretta di mano tra le due Coree: Pyongyang ai Giochi invernali

9 Gennaio 2018- È una stretta di mano che conta molto quella immortalata oggi dai fotografi arrivati alla Casa della pace di Panmunjom, il villaggio nella zona demilitarizzata che divide la penisola di Corea, teatro di un nuovo incontro di alto livello tra i rappresentanti di Seul e di Pyongyang. Da un lato il ministro sudcoreano Cho Myoung-gyon, delegato alle relazioni con il Nord, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Cascate
Cucina
Baccalà Mantecato
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra