Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Giro di vite a Napoli contro i pm superstar «Basta fughe di notizie»
Condividi                       

Il procuratore di Napoli chiude le finestre. Niente più «spifferi» nell'ufficio giudiziario più grande d'Italia.

Niente più show a favore di telecamere e ipotesi di sentenze a mezzo stampa. Con una circolare di qualche giorno fa, ma in realtà con un modo di comportarsi che ha messo le cose in chiaro fin dal giorno del suo insediamento, Gianni Melillo vira verso un garantismo che non si era mai visto dalle parti del 41esimo parallelo vesuviano. Il capo dei pm ha infatti rigorosamente vietato la diffusione delle foto dei disgraziati di turno, incappati nelle maglie della giustizia, richiamando i magistrati alla «cura delle condizioni di efficace tutela delle dignità delle persone sottoposte ad indagini o comunque coinvolte in un procedimento penale».

Un invito che «appare prosegue Melillo, ex procuratore aggiunto antimafia nel capoluogo campano ed ex capo di gabinetto del ministro della Giustizia Andrea Orlando maggiormente meritevole di attenzione qualora la persona coinvolta versi in condizioni di particolare vulnerabilità, come nel caso in cui sia privata delle libertà personale».

La stretta voluta da Melillo è motivata da un combinato disposto che come ha spiegato Il Corriere del Mezzogiorno intreccia l'articolo 25 del codice della protezione dei dati personali (il divieto della comunicazione e diffusione dei dati personali), l'articolo 8 del codice deontologico dei giornalisti (tutela della dignità della persona) e infine l'articolo 8 della convenzione europea dei diritti dell'uomo.

«Il sistema normativo vigente si legge ancora nella circolare del procuratore impone il raggiungimento di un ponderato equilibrio tra valori diversi contrapposti, tutti di rilievo costituzionale, stante l'esigenza di un necessario contemperamento tra i diritti fondamentali della persona, il diritto dei cittadini all'informazione e l'esercizio della libertà di stampa».

Parole nuove nella procura dove ha lavorato il capitano dei carabinieri Gianpaolo Scafarto, indagato e sospeso dal servizio per aver manomesso l'informativa su Tiziano Renzi e Alfredo Romeo nel filone aperto da Henry John Woodcock, e dove le fughe di notizie, soprattutto nei procedimenti ad alto tasso mediatico, erano all'ordine del giorno.

Così com'erano all'ordine del giorno le conferenze stampa dei suoi predecessori, Giandomenico Lepore e Giovanni Colangelo, che avevano una potenza di fuoco devastante per gli indagati che dovevano affrontare prima il processo di piazza e poi quello davanti ai giudici. Con esiti non sempre corrispondenti alle ipotesi d'accusa, peraltro.

E, proprio in occasione della presentazione napoletana del libro di Annalisa Chirico, «Fino a prova contraria», Melillo, questa stortura, l'aveva stigmatizzata con parole chiare e inequivocabili che sono parse come un monito nei confronti degli inquirenti più «disinvolti» dell'ufficio.

«Ho deciso di superare ogni rappresentazione celebrativa del lavoro del pm, ho smesso di fare conferenze stampe, non faccio comunicati stampa se non per correggere informazioni errate aveva detto . Non mi sentirete mai parlare di clan disarticolati o sgominati, né di note stampa per dire che «è stato accertato», dal momento che l'unico luogo di accertamento possibile è il processo». E non le pagine dei giornali. A parecchi «magistar», star della toga, staranno fischiando le orecchie.

7 Gennaio 2018



Siria, dura reazione del Cremlino: Onu prenda provvedimenti contro Usa

14 Aprile 2018- A seguito del bombardamento in Siria, la reazione di condanna da parte del Cremlino non ha tardato ad arrivare. Putin lascia a Tass il compito di esprimere tutto il suo disappunto per l'accaduto, e chiede una immediata convocazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per discutere dell'accaduto. "L'attuale escalation della situazione in tutta la Siria ...continua
Assad: "I raid dimostrano il fallimento dell'Occidente"

14 Aprile 2018- Bashar al Assad sembra tutt'altro che preoccupato dai raid lanciati nella notte da Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia. Questa mattina ha diffuso sull'account Telegram della presidenza siriana un video in cui andava al lavoro. Poi, nel corso di un colloquio con Hassan Rohani, presidente dell'Iran, ha risposto agli attacchi sostenendo che il popolo siriano non si lascia ...continua
“L’attacco ci ha rafforzati I nostri 70 minuti sotto il fuoco Usa”

14 Aprile 2018- “Questo attacco ci ha reso più forti. Era solo una dimostrazione di forza. Crediamo che gli americani si fermeranno e che non ci attaccheranno nuovamente”. Così fonti di Damasco commentano i raid statunitensi, francesi e britannici di questa notte. In effetti, il raid di questa notte, che doveva essere devastante (almeno a sentire il presidente americano Donald Trump) è ...continua
Salvini: "Grilletto facile aiuta terroristi", Berlusconi: "Ora serve un governo"

14 Aprile 2018- A poche ore dai raid lanciati da Usa, Gran Bretagna e Francia in Siria, arriva la ferma condanna da parte di Matteo Salvini. "Stanno ancora cercando le 'armi chimiche' di Saddam, stiamo ancora pagando per la folle guerra in Libia, e qualcuno con il grilletto facile insiste 'coi missili intelligenti', aiutando peraltro i terroristi islamici quasi ...continua
Giallo su Haftar, rischio caos in Libia

14 Aprile 2018- È giallo sulla sorte di Khalifa Haftar, 75 anni, la divisa e la guerra come ragione di vita. «Sono un combattente e mi batterò fino alla fine per il mio Paese» aveva detto qualche anno fa in un'intervista a Il Giornale e ieri nel pomeriggio è arrivata la notizia che fosse spirato nel letto d'un ospedale di Parigi, abbattuto da un infarto. Nel corso della serata l'emittente Al Arabiya ha però ...continua
Attacco in Siria, la Russia è stata avvertita

14 Aprile 2018- La Russia è stata avvertita in anticipo degli attacchi militari congiunti di Usa, Regno Unito e Francia contro la Siria» ha dichiarato la ministra della Difesa francese, Florence Parly. L'Eliseo quindi conferma la strategia di "deconflicting" dietro l'attacco di questa notte: missili su obiettivi mirati e piena collaborazione con i russi per evitare l'incidente imprevisto che possa portare a ...continua
Usa, Gran Bretagna e Francia attaccano la Siria

14 Aprile 2018- Alla fine, quello che si temeva è avvenuto. Le forze di Stati Uniti, Francia e Regno Unito hanno attaccato la Siria questa notte. Secondo quanto riportano le agenzia locali, i bombardamenti hanno colpito diversi luoghi in Siria. "Poco fa, ho ordinato alle forze armate statunitensi di lanciare attacchi di precisione contro obiettivi relativi alle capacità della Siria di fabbricare ...continua
Attacco a Damasco: ecco i siti colpiti dai missili Usa

14 Aprile 2018- Il quotidiano russo "Kommersant" ha pubblicato una mappa con tutti i siti colpiti durante l'attacco missilistico occorso nella notte italiana a Damasco. Questi gli obiettivi colpiti nella notte dai missili della coalizione occidentale Secondo le fonti militari siriane consultate dal quotidiano, questi sarebbero stati gli obiettivi coinvolti nell'attacco: Nella mappa sono ...continua
Attacco in Siria, l'Ue con gli alleati. L'Onu chiede moderazione

14 Aprile 2018- È partito nella notte l'attacco alla Siria che si attendeva da giorni, coordinato dalle forze armate di Stati Uniti, Francia e Gram Bretagna e scattato dopo giorni di contatti con la Russia, per evitare una escalation della violenza che nessuna desidera, nonostante le prime dichiarazioni arrivate dopo i raid notturni possano far pensare diversamente. "L’attacco di Stati ...continua
Trump schiera le navi da guerra: una pioggia di mille missili dal Mediterraneo

13 Aprile 2018- Entro la prossima settimana gli Stati Uniti avranno nel Mar Mediterraneo una capacità missilistica di oltre mille missili Tomahawk che potrebbero potenzialmente essere lanciati contro la Siria. E’ una capacità offensiva notevole considerando che nei possibili piani d’attacco contro la triade difensiva della Corea del Nord (il paragone è prettamente ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Maccaruni 'i casa
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra