Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Paura della crisi e di nuove tasse: pochi investono, boom di risparmi
Condividi                       

La crisi continua a spaventare gli italiani. Ed è per questo che il denaro non circola.

Le aziende, tra l'altro, investono poco. E le famiglie, dal canto loro, ci vanno caute sulla spesa. A misurare questo stato di cose è la crescita delle riserve bancarie. Aumentate, nel corso dell'anno appena concluso, di 38 miliardi di euro. I conti correnti, quindi, stanno in buona salute: al loro interno giacciono quasi mille miliardi di euro. Entrando nello specifico - grazie a uno studio pubblicato da Unimpresa - si scopre che dal 2016 al 2017 il totale dei depositi di cittadini, aziende, assicurazioni e onlus è aumentato di circa il 3% passando da 1.261 miliardi a 1.299 miliardi. Le famiglie, insomma, non spendono e hanno lasciato in banca 19,1 miliardi in un anno (+2,08%).

Dal canto loro le aziende non investono e i loro fondi sono cresciuti di circa 13 miliardi (+6%), le imprese familiari hanno visto crescere i loro fondi di oltre 2 miliardi (+4%). Le riserve delle assicurazioni sono aumentate di oltre un miliardo (+7%). In aumento i fondi delle onlus di quasi un miliardo (+3%).

Nel censire i depositi bancari, Unimpresa registra anche l'impennata dei conti correnti, cresciuti di oltre 62 miliardi negli ultimi dodici mesi, passando da 936 miliardi a 999 miliardi. «A frenare consumi, investimenti e credito sono rispettivamente la paura di nuove tasse, l'assenza di certezze sul futuro» spiega Maria Concetta Cammarata, vicepresidente di Unimpresa.

Dati questi in linea con quanto rilevato dall'Istat sulla decisa contrazione del commercio al dettaglio nel corso dell'ultimo anno. Secondo lo studio di Unimpresa, che incrocia i dati della Banca d'Italia relativi alla raccolta delle banche, il totale dei conti delle imprese familiari è passato da 54,1 miliardi a 56,6 miliardi in salita di 2,4 miliardi (+4,57%); i depositi delle organizzazioni non lucrative (onlus) sono aumentati da 25,5 miliardi a 26,1 miliardi in crescita di 665 milioni (+2,61%); i fondi delle aziende sono saliti da 236,8 miliardi a 250,6 miliardi in aumento di 13,8 miliardi (+5,85%); i conti di assicurazioni e fondi pensione sono passati da 20 miliardi a 21,4 miliardi in aumento di 1,3 miliardi (6,84%).

Quanto all'analisi per strumento, i conti correnti registrano una variazione positiva di 62,5 miliardi (+6,67%), cresciuti da 936,9 miliardi a 999,4 miliardi. Variazione negativa per i pronti contro termine di 49,9 miliardi (-31,44%) da 158,7 miliardi a 108,8 miliardi; in calo i depositi rimborsabili con preavviso di 4,06 miliardi (-1,35%) da 299,9 miliardi a 295,9 miliardi.

Per quanto riguarda i depositi con durata prestabilita si osservano due situazioni di variazione negativa: quelli con scadenza fino a 2 anni sono calati di 16,3 miliardi (-17,67%) da 92,7 miliardi a 76,3 miliardi; quelli con scadenza oltre i due anni sono scesi di 873 milioni (-0,65%) da 134,5 miliardi a 133,7 miliardi.

«I dati mostrano che le disponibilità finanziarie delle aziende e delle famiglie italiane sono congelate - conclude Maria Concetta Cammarata -. Se i cittadini accumulano per timore di nuove tasse, le imprese non investono perché non hanno fiducia nel futuro».
7 Gennaio 2018



Figlia di PM, prima la bocciano e poi la assume il sindaco

19 Gennaio 2018- Soltanto coincidenze. Tutte fiorentine. Il 26 ottobre, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha assunto negli uffici della Città Metropolitana la 28enne Celeste Oranges, priva di esperienza professionale e con in tasca una laurea magistrale in Legge. Incidentalmente, Celeste è la figlia di Acheropita Mondera Oranges, che guida la Procura della Corte dei Conti della Toscana dopo ...continua
Italiani in estinzione Entro la fine del secolo 40 milioni di stranieri

19 Gennaio 2018- Senza immigrati la popolazione dell'Italia crollerà da 60 milioni oggi a 20 milioni entro la fine del secolo. Invece, con i flussi di immigrati attuali e previsti la metà della popolazione italiana sarà fatta di immigrati o figli di immigrati entro 60 anni, cioè entro una sola generazione. Questo significa che il numero di immigrati in Italia sta per esplodere da ...continua
Gli arretrati per gli statali arrivano a cinque giorni dal voto

19 Gennaio 2018- Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera. Aumenti ed arretrari destinati agli statali possono partire, dopo l'accordo raggiunto tra l'Aran, l'agenzia che tratta per conto del ministero, e le sigle sindacali. Quasi tutto fatto. Manca ora soltanto il vaglio della Corte dei Conti, che se dovesse dare il suo assenso acconsentirebbe così al pagamento di arretrati da ...continua
Il piano di Berlusconi: "Così creiamo posti di lavoro stabili"

19 Gennaio 2018- Tasse e lavoro. Sono queste le priorità del centrodestra in caso di vittoria alle elezioni. Lo ha ribadito Silvio Berlusconi ufficializzando con un video su Facebook l'accordo con Noi con l'Italia - Udc, la cosiddetta quarta gamba di Raffaele Fitto e Lorenzo Cesa. "Uniti si vince e la nostra sarà un'autentica rivoluzione liberale, positiva e costruttiva, basata ...continua
Giornalisti in tv sotto controllo: cosa da ubriachi

13 Gennaio 2018- di Alessandro Sallusti Campagna elettorale, a breve si entra in regime di par condicio, quella legge per cui in tv e in radio scatta il minutaggio: tanto parla il candidato di un partito tanto devono parlare i rappresentanti di tutti gli altri, a prescindere dal loro peso elettorale e interesse per il pubblico. La legge sulla par condicio è la morte del giornalismo (vale sia per ...continua
L'euro mostra i muscoli e Draghi tace

13 Gennaio 2018- Ma l'euro ipertrofico fa ancora paura alla Bce? Viene da chiederselo, visto il mutismo di Mario Draghi. L'estate scorsa, quando la moneta unica flirtava con quota 1,20 dollari, il presidente dell'Eurotower era più volte intervenuto per rimarcare i rischi di un cambio troppo forte. Ora siamo arrivati ben oltre quei valori: fino a 1,2137 ieri, un massimo da tre anni alimentato dal profilarsi in ...continua
Cgia, la ripresa rallenta. L'Italia tornerà ad essere ultima in Europa

13 Gennaio 2018- La stima della Cgia di Mestre non promette nulla di buono. Vediamo subito di cosa si tratta: la ripresa economica del 2017 (+ 1,5% circa) rischia di indebolirsi già a partire da quest'anno. Secondo l'Ufficio studi della Cgia, infatti, gli ultimi dati di previsione elaborati dalla Commissione europea per il 2018 il Pil reale dell'Italia è destinato ad aumentare ...continua
Matteo a De Benedetti: "Merkel ha rotto i c... Juncker è un cretino"

13 Gennaio 2018- A colazione si decidevano le sorti della politica italiana e si indirizzava l'azione del governo. L'ingegner Carlo De Benedetti, per il premier Matteo Renzi, era molto più di un consulente. Un tutor, si potrebbe dire. Eppure, a leggere il verbale dell'audizione dell'11 febbraio 2016 presso gli uffici milanesi della Consob pubblicato dal Sole 24 Ore, emerge anche un ...continua
Catanzaro, 170 arresti per ‘ndrangheta tra Italia e Germania.

9 Gennaio 2018- Una decina amministratori locali tra sindaci, vicesindaci, assessori e presidenti dei consigli comunali di Cirò Marina, Strongoli, Mandatoriccio, Casabona e San Giovanni in Fiore. In manette anche il presidente della Provincia di Crotone Nicodemo Parrilla, eletto esattamente un anno fa con il 62,2% dei voti. Un’inchiesta mastodontica, coordinata dalla Direzione distrettuale ...continua
Stretta di mano tra le due Coree: Pyongyang ai Giochi invernali

9 Gennaio 2018- È una stretta di mano che conta molto quella immortalata oggi dai fotografi arrivati alla Casa della pace di Panmunjom, il villaggio nella zona demilitarizzata che divide la penisola di Corea, teatro di un nuovo incontro di alto livello tra i rappresentanti di Seul e di Pyongyang. Da un lato il ministro sudcoreano Cho Myoung-gyon, delegato alle relazioni con il Nord, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Pituni
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra