Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Gli assenteisti aumentano in ogni regione E la fanno franca
Condividi                       

Il 3 gennaio scorso il Giornale ha riportato la notizia dell'improvviso assenteismo del personale dei trasporti pubblici di Roma che ha impedito a treni, autobus e metropolitane di funzionare regolarmente la notte del 31 dicembre.

Solo un dato per capire di che cosa si sta parlando: della linea B della metropolitana, su 20 convogli disponibili hanno circolato solo 9. Gli altri non hanno potuto partire semplicemente perché il personale non si è presentato al lavoro.

Scandaloso, ma normale. Basta guardare i grafici in queste pagine per avere un quadro piuttosto preciso dello scandalo quotidiano che i cittadini devono sopportare a causa dell'assenteismo dei dipendenti pubblici e delle società a partecipazione pubblica. Un dato a caso: la richiesta di giorni di malattia aumenta o diminuisce nel corso degli anni? Che domanda! Aumenta! E aumenta moltissimo. Tra il 2012 e il 2015 i dipendenti pubblici che hanno fatto aumentare di più la percentuale di richieste di malattia sono quelli umbri e lucani: in soli 3 anni i loro certificati sono cresciuti di più di un quinto: cioè oltre il 20%.

I certificati dei campani sono aumentati del 18,4% mentre quelli dei laziali solo del 9,7%. Il dettaglio che il sito di data journalism Truenumbers.it fa notare (e che l'abitudine al peggio quando si parla di impiegati statali ci potrebbe far trascurare) è che tra il 2012 e il 2015 non c'è stata una sola regione nella quale i certificati medici siano calati. In altre parole negli ultimi tre anni deve esserci stata una specie di epidemia, non si sa di quale malattia, che ha colpito i dipendenti pubblici di tutta Italia che, tra il 2012 e il 2015 hanno visto la loro salute peggiorare drammaticamente.

Ora: a fronte di numeri così impressionanti ci si aspetterebbe un certo rigore. Il ministro della Funzione Pubblica Marianna Madia ha legato il proprio nome ad una riforma della Pa che avrebbe dovuto, tra le altre cose, punire severamente chi si assenta senza motivo, chi si dà malato il 31 dicembre, chi fa timbrare il cartellino dal collega e poi va al mare. Insomma: era stata promessa agli italiani il pugno di ferro contro i furbetti. Com'è finita? È finita che tra il 2014 e il 2015 (occhio, i due anni nei quali i malati sono aumentati) i licenziamenti di dipendenti pubblici sono diminuiti: da 273 a 210. Alla faccia del pugno duro, sono calate anche le sospensioni fino a sei mesi e sono aumentate solo le sospensioni fino a 10 giorni, cioè le punizioni meno gravi.

Per capire quanto siano ridicoli questi numeri, bisogna sempre considerare che i dipendenti pubblici sono circa 3 milioni. Ecco: la supercazzola del pugno duro contro gli assenteisti si riduce a questo. Ma, tanto per farsi del male, vogliamo vedere come è la situazione nei Comuni? Ogni dipendente del comune di Cosenza, tra permessi, ferie, malattie e congedi sta a casa 65,1 giorni l'anno. Che cosa abbiano di così diverso dai dipendenti del Comune di Avellino, che di giorni di assenza ne fanno contare appena 24,3 in un anno, non è chiaro.

Ma l'assenteismo non è una malattia solo locale. Colpisce anche le più alte sfere istituzionali. Abbiamo preso in considerazione solo tre di questi Palazzi, tre tra i più importanti di qualsiasi governo: Palazzo Chigi, ministero della Giustizia e quello dell'Economia. Sarebbe stato interessante controllare anche il tasso di assenteismo del ministero delle Infrastrutture, guidato dal renziano Graziano Delrio, ma, contravvenendo alle legge, il ministero non pubblica questi dati dal dicembre del 2016. È fermo a un anno fa. Il match dell'assenteismo istituzionale lo «vince» Palazzo Chigi: in 6 dei 12 mesi considerati è quello che mostra il tasso più alto.

Torniamo per un attimo a Roma e al Capodanno con i treni fermi. È necessario, perché oltre alla piaga dell'assenteismo, che nessun governo, tantomeno quello di Renzi, ha saputo affrontare (nonostante, come detto, le promesse), c'è un altro problema che colpisce il mondo dei dipendenti pubblici: gli scioperi. E (guarda caso), qual è il settore che nel 2016 ha proclamato il maggior numero di scioperi? Il trasporto pubblico locale. Nel 2016 l'intero comparto ha proclamato in Italia 368 astensioni dal lavoro: uno al giorno con il resto di due (il 2016 era bisestile). Al secondo posto? Il comparto dell'igiene ambientale con 340 scioperi in un anno. Scandaloso? Sì, ma niente di eccezionale.
7 Gennaio 2018



Figlia di PM, prima la bocciano e poi la assume il sindaco

19 Gennaio 2018- Soltanto coincidenze. Tutte fiorentine. Il 26 ottobre, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha assunto negli uffici della Città Metropolitana la 28enne Celeste Oranges, priva di esperienza professionale e con in tasca una laurea magistrale in Legge. Incidentalmente, Celeste è la figlia di Acheropita Mondera Oranges, che guida la Procura della Corte dei Conti della Toscana dopo ...continua
Italiani in estinzione Entro la fine del secolo 40 milioni di stranieri

19 Gennaio 2018- Senza immigrati la popolazione dell'Italia crollerà da 60 milioni oggi a 20 milioni entro la fine del secolo. Invece, con i flussi di immigrati attuali e previsti la metà della popolazione italiana sarà fatta di immigrati o figli di immigrati entro 60 anni, cioè entro una sola generazione. Questo significa che il numero di immigrati in Italia sta per esplodere da ...continua
Gli arretrati per gli statali arrivano a cinque giorni dal voto

19 Gennaio 2018- Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera. Aumenti ed arretrari destinati agli statali possono partire, dopo l'accordo raggiunto tra l'Aran, l'agenzia che tratta per conto del ministero, e le sigle sindacali. Quasi tutto fatto. Manca ora soltanto il vaglio della Corte dei Conti, che se dovesse dare il suo assenso acconsentirebbe così al pagamento di arretrati da ...continua
Il piano di Berlusconi: "Così creiamo posti di lavoro stabili"

19 Gennaio 2018- Tasse e lavoro. Sono queste le priorità del centrodestra in caso di vittoria alle elezioni. Lo ha ribadito Silvio Berlusconi ufficializzando con un video su Facebook l'accordo con Noi con l'Italia - Udc, la cosiddetta quarta gamba di Raffaele Fitto e Lorenzo Cesa. "Uniti si vince e la nostra sarà un'autentica rivoluzione liberale, positiva e costruttiva, basata ...continua
Giornalisti in tv sotto controllo: cosa da ubriachi

13 Gennaio 2018- di Alessandro Sallusti Campagna elettorale, a breve si entra in regime di par condicio, quella legge per cui in tv e in radio scatta il minutaggio: tanto parla il candidato di un partito tanto devono parlare i rappresentanti di tutti gli altri, a prescindere dal loro peso elettorale e interesse per il pubblico. La legge sulla par condicio è la morte del giornalismo (vale sia per ...continua
L'euro mostra i muscoli e Draghi tace

13 Gennaio 2018- Ma l'euro ipertrofico fa ancora paura alla Bce? Viene da chiederselo, visto il mutismo di Mario Draghi. L'estate scorsa, quando la moneta unica flirtava con quota 1,20 dollari, il presidente dell'Eurotower era più volte intervenuto per rimarcare i rischi di un cambio troppo forte. Ora siamo arrivati ben oltre quei valori: fino a 1,2137 ieri, un massimo da tre anni alimentato dal profilarsi in ...continua
Cgia, la ripresa rallenta. L'Italia tornerà ad essere ultima in Europa

13 Gennaio 2018- La stima della Cgia di Mestre non promette nulla di buono. Vediamo subito di cosa si tratta: la ripresa economica del 2017 (+ 1,5% circa) rischia di indebolirsi già a partire da quest'anno. Secondo l'Ufficio studi della Cgia, infatti, gli ultimi dati di previsione elaborati dalla Commissione europea per il 2018 il Pil reale dell'Italia è destinato ad aumentare ...continua
Matteo a De Benedetti: "Merkel ha rotto i c... Juncker è un cretino"

13 Gennaio 2018- A colazione si decidevano le sorti della politica italiana e si indirizzava l'azione del governo. L'ingegner Carlo De Benedetti, per il premier Matteo Renzi, era molto più di un consulente. Un tutor, si potrebbe dire. Eppure, a leggere il verbale dell'audizione dell'11 febbraio 2016 presso gli uffici milanesi della Consob pubblicato dal Sole 24 Ore, emerge anche un ...continua
Catanzaro, 170 arresti per ‘ndrangheta tra Italia e Germania.

9 Gennaio 2018- Una decina amministratori locali tra sindaci, vicesindaci, assessori e presidenti dei consigli comunali di Cirò Marina, Strongoli, Mandatoriccio, Casabona e San Giovanni in Fiore. In manette anche il presidente della Provincia di Crotone Nicodemo Parrilla, eletto esattamente un anno fa con il 62,2% dei voti. Un’inchiesta mastodontica, coordinata dalla Direzione distrettuale ...continua
Stretta di mano tra le due Coree: Pyongyang ai Giochi invernali

9 Gennaio 2018- È una stretta di mano che conta molto quella immortalata oggi dai fotografi arrivati alla Casa della pace di Panmunjom, il villaggio nella zona demilitarizzata che divide la penisola di Corea, teatro di un nuovo incontro di alto livello tra i rappresentanti di Seul e di Pyongyang. Da un lato il ministro sudcoreano Cho Myoung-gyon, delegato alle relazioni con il Nord, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Pignulata
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra