Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Sicilia: tra rifiuti, debiti miliardari, clientelismo e l’ombra di Cosa nostra
Condividi                       

Il primo stato di emergenza risale al 1999. L’ultimo vorrebbe ottenerlo a breve il neogovernatore Nello Musumeci. In mezzo c’è praticamente di tutto: commissariamenti a ritmo continuo, super consulenti dallo stipendio d’oro, enti regionali creati con il solo obiettivo di dare nuovi posti di lavoro che in tempi di elezioni diventavano voti. E, ovviamente, l’ombra lunga delle tangenti, della corruzione, di Cosa nostra.

È in questo modo che sono stati gestiti i rifiuti in Sicilia negli ultimi vent’anni. Governi di destra, sinistra e – soprattutto – centro hanno sempre promesso che avrebbero risolto la questione. Risultato? Sono stati spesi venti miliardi di euro e oggi il settore dello smaltimento sull’isola è indebitato per 1,8 miliardi. Quanto è cresciuta la differenziata nel frattempo? Lo ricorda Antonio Fraschilla sull’edizione palermitana di Repubblica: si è passato dal 3 al 15 percento. Solo per fare un esempio, nello stesso periodo la Campania è passata dal 3 al 46 percento.

Musumeci vuole potere speciali – “Dopo trenta giorni di attività del governo credo di poter dire che la situazione della gestione dei rifiuti in Sicilia è assai grave. Parlare di emergenza di fronte ad un problema che si trascina da vent’anni è fare un torto alla lingua italiana. Preferisco usare un ossimoro, un’emergenza strutturata. Domani chiederò a Gentiloni la dichiarazione di emergenza ambientale limitatamente alla discarica palermitana di Bellolampo e ai comuni che conferiscono nel sito.

Ho bisogno di poteri speciali. Se nulla dovesse cambiare, a settembre non avremo più dove mettere i rifiuti”, è l’allarme lanciato nei giorni scorsi dal presidente Musumeci. Parole che hanno sollecitato la replica stizzita di Gian Luca Galletti: “Chi è capace di fare – ha detto il ministro dell’Ambiente – ha risolto il problema, ma c’è chi ancora segue la pancia dei cittadini, non risolve il problema e lo scarica su altri. Per me è inammissibile“.

In emergenza dal 1999 – Di sicuro c’è solo che – stando alle parole di Musumeci – entro settembre le discariche dell’isola saranno piene. E dire che è addirittura dal secolo passato che in Sicilia si tenta di evitare di utilizzarle le discariche. A ripercorrere tutte le fasi della gestione dell’immondizia siciliana è la commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti. In una relazione di 362 pagine, i commissari cominciano dal principio e cioè dal 1999, quando con la prima dichiarazione dello stato di emergenza si punta a chiudere le discariche comunali.

L’allora governo di centrosinistra, guidato da Angelo Capodicasa, aveva l’obiettivo di incenerire i rifiuti in centrali a carbone. Le discariche comunali vennero effettivamente chiuse ma di centrali a carbone neanche l’ombra: ecco quindi che spuntarono subito altre discariche, addirittura più grandi.

Assunzioni e paghe d’oro – Nel 2001 viene eletto governatore per la prima volta Salvatore Cuffaro che ha un’idea geniale: creare l’Agenzia regionale per i rifiuti e l’ambiente. Un ente affidato a Felice Crosta, il superburocrate diventato famoso per la pensione da 460mila euro all’anno (cioè 1.400 euro al giorno) poi dimezzata dalla Corte dei conti. Che cosa fa l’Agenzia regionale per i rifiuti e l’ambiente? Punta tutto nella costruzione di quattro termovalorizzatori.

E intanto genera assunzioni su assunzioni. “La strategia regionale prevedeva la costituzione di 27 Ato rifiuti e delle relative società d’ambito, nate nel novembre 2002, che avevano il compito di gestire il ciclo dei rifiuti negli ambiti territoriali ottimali. Siffatto modello organizzativo ha portato la Regione siciliana ad un’emergenza finanziaria gravissima. Molti enti locali, infatti, depennarono dai propri capitoli di bilancio la voce ‘gestione dei rifiuti‘ e, attraverso accordi sindacali (2004), trasferirono alle società d’ambito il proprio personale addetto all’igiene urbana”, si legge nella relazione della commissione parlamentare.

Un dipendente ogni 400 siciliani – Quale è la prima operazione messa in campo dalle “società d’ambito”? “In molti casi – spiega sempre la commissione – sono diventate un “ammortizzatore sociale” usato dalla forze politiche per il controllo del consenso”. Tradotto: voti in cambio di assunzioni nello smaltimento rifiuti. Nel 2010 lavoravano nel settore 11.667 persone (di cui circa il 35 per cento costituito da personale amministrativo), in pratica una ogni 440 cittadini siciliani.

Una media spaventosa che è dieci volte superiore ai numeri di tutte o quasi le regioni del Nord Italia. “Questo perverso modus operandi, unito all’incapacità di fronteggiare sia l’elusione che l’evasione di Tarsu, Toa e Tasi, ha determinato l’impegno di ingenti risorse finanziarie al fine di scongiurare una gravissima emergenza occupazionale ed economica, risorse che avrebbero potuto essere investite per infrastrutture, raccolta differenziata e acquisto di mezzi ed attrezzature di servizio” spiega la commissione.

Inceneritori e Cosa nostra – Nel frattempo, ovviamente, dei quattro inceneritori non c’è traccia. Il motivo? La procura di Palermo aveva aperto un’inchiesta sulle gare per abuso di ufficio, corruzione, turbata libertà degli incanti, il tutto aggravato dal metodo mafioso.

Si parla di una maxi tangente da 38 milioni di euro, di un accordo esistente tra le società che avrebbero dovuto fare i miliardi con la costruzione degli inceneritori. “Si tratta di un procedimento di notevole complessità nel quale vengonon ipotizzati pesantissimi condizionamenti da parte della criminalità organizzata nella procedura concorsuale di cui sopra che, ove portata a compimento, avrebbe condotto alla costruzione di opere per un valore di diversi miliardi di euro”.

La criminalità organizzata in Sicilia ha un nome e un cognome: Cosa nostra. Ed è proprio per favoreggiamento a Cosa nostra – ma per un’altra vicenda – che Cuffaro verrà condannato a sette di anni di carcere. Intanto a Palazzo d’Orleans arriva Raffaele Lombardo. Sono gli anni del ribaltone, del centrodestra che governa col Pd: esperimenti politici legati a doppio filo con la partita dei rifiuti.

Anche Lombardo chiede e ottiene poteri speciali dal governo centrale, ma questa volta per bloccare il progetto degli inceneritori e ordinare l’ingrandimento delle discariche. Da allora a oggi poco è cambiato: e in Sicilia la gestione dei rifiuti vale circa 700 milioni l’anno di introiti per i gestori delle discariche private. Che da vent’anni si cerca di superare e da vent’anni sono sempre lì.

“Insomma – è la considerazione della commissione parlamentare – pare esservi un sistema che obbliga in Sicilia a conferire i rifiuti in discarica ed è talmente ben ramificato e gode di tali e tante sponde da essere capace di orchestrare sistematicamente il sabotaggio di qualunque iniziativa che possa incidere sui gruppi di potere creatisi intorno al ciclo dei rifiuti”. Un sabotaggio che dura praticamente da sempre.
5 Gennaio 2018



Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile

10 Luglio 2018- di Giorgio Meletti L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio ...continua
Lo stato è scappato con la cassa

10 Luglio 2018- di Nicola Porro Un nostro lettore, ex finanziere, mi scrive questa bella lettera, che in realtà è un favoloso commento contro la retorica della lotta all’evasione. Che tutti i governi vogliono combattere. Dovrebbe in realtà combattere contro se stessi: sono delle bestie che si alimentano delle nostre risorse, e ne vogliono sempre di più. A loro non basta mai. Ecco i numeri. Lettera di Marco G. ...continua
Savona avverte l'Italia: "Sia pronta al 'cigno nero'"

10 Luglio 2018- l ministro avverte: "Altri potrebbero decidere la nostra uscita dall'euro". E nei prossimi giorni incontrerà Mario Draghi Claudio Cartaldo - Mar, 10/07/2018 - 15:58 commenta "Dobbiamo essere pronti a ogni evento. In Banca d'Italia ho imparato che non ci si deve preparare a gestire la normalità, ma l'arrivo del cigno nero, lo shock". Paolo Savona torna al centro ...continua
PD: tutti contro tutti

9 Luglio 2018- Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi. Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ...continua
Nave irlandese: Sbarcati 106 migranti a Messina . Salvini: “Porti chiusi” con migranti

8 Luglio 2018- La nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è approdata sabato sera nel molo Norimberga del porto di Messina. Ad aspettarla centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all’iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell’accoglienza. Non un’imbarcazione ong, ma un pattugliatore ...continua
Il decreto Dignità è solo una pezza. Per il lavoro serve una modifica strutturale

8 Luglio 2018- di Nicola Sorgi Il decreto Dignità, sbandierato come un “colpo mortale al Jobs Act”, in realtà delude le aspettative proprio sul tema cruciale, quello del precariato. E non perché le misure proposte non siano giuste: il problema è la modalità con cui si è deciso di agire sul mercato del lavoro. Invece di cancellare veramente il Jobs Act, per proporre ...continua
Pd, partito paralizzato: il congresso slitta al 2019. Renzi: “Non vado via”.

8 Luglio 2018- Un partito che non decide e rimane in balia di Matteo Renzi. Il leader che ha perso tutto e che un giorno sì e un altro pure fa sapere che potrebbe anche andarsene. Il Partito democratico esce dall’Assemblea nazionale come ne era entrato: in preda alla confusione. A onor di cronaca un nuovo segretario è stato eletto e si chiama Maurizio Martina. Ovvero lo ...continua
Manca il lavoro o i lavoratori?

8 Luglio 2018- di Alessandro Sallusti La mancanza di lavoro è certamente un dramma di non facile soluzione, soprattutto se il governo - come sta facendo Di Maio - fa di tutto per complicare la vita a chi dovrebbe offrirlo, cioè agli imprenditori grandi e piccoli. Ma non facciamo gli ipocriti: nessuna riforma può creare un nuovo posto di lavoro, al massimo può ostacolarlo o agevolarlo. Il lavoro nasce da un libero ...continua
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita

8 Luglio 2018- L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno ...continua
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno

7 Luglio 2018- La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti «È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Spiagge
Cucina
Pallini 'i cioccolatu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra