Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Sicilia: tra rifiuti, debiti miliardari, clientelismo e l’ombra di Cosa nostra
Condividi                       

Il primo stato di emergenza risale al 1999. L’ultimo vorrebbe ottenerlo a breve il neogovernatore Nello Musumeci. In mezzo c’è praticamente di tutto: commissariamenti a ritmo continuo, super consulenti dallo stipendio d’oro, enti regionali creati con il solo obiettivo di dare nuovi posti di lavoro che in tempi di elezioni diventavano voti. E, ovviamente, l’ombra lunga delle tangenti, della corruzione, di Cosa nostra.

È in questo modo che sono stati gestiti i rifiuti in Sicilia negli ultimi vent’anni. Governi di destra, sinistra e – soprattutto – centro hanno sempre promesso che avrebbero risolto la questione. Risultato? Sono stati spesi venti miliardi di euro e oggi il settore dello smaltimento sull’isola è indebitato per 1,8 miliardi. Quanto è cresciuta la differenziata nel frattempo? Lo ricorda Antonio Fraschilla sull’edizione palermitana di Repubblica: si è passato dal 3 al 15 percento. Solo per fare un esempio, nello stesso periodo la Campania è passata dal 3 al 46 percento.

Musumeci vuole potere speciali – “Dopo trenta giorni di attività del governo credo di poter dire che la situazione della gestione dei rifiuti in Sicilia è assai grave. Parlare di emergenza di fronte ad un problema che si trascina da vent’anni è fare un torto alla lingua italiana. Preferisco usare un ossimoro, un’emergenza strutturata. Domani chiederò a Gentiloni la dichiarazione di emergenza ambientale limitatamente alla discarica palermitana di Bellolampo e ai comuni che conferiscono nel sito.

Ho bisogno di poteri speciali. Se nulla dovesse cambiare, a settembre non avremo più dove mettere i rifiuti”, è l’allarme lanciato nei giorni scorsi dal presidente Musumeci. Parole che hanno sollecitato la replica stizzita di Gian Luca Galletti: “Chi è capace di fare – ha detto il ministro dell’Ambiente – ha risolto il problema, ma c’è chi ancora segue la pancia dei cittadini, non risolve il problema e lo scarica su altri. Per me è inammissibile“.

In emergenza dal 1999 – Di sicuro c’è solo che – stando alle parole di Musumeci – entro settembre le discariche dell’isola saranno piene. E dire che è addirittura dal secolo passato che in Sicilia si tenta di evitare di utilizzarle le discariche. A ripercorrere tutte le fasi della gestione dell’immondizia siciliana è la commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti. In una relazione di 362 pagine, i commissari cominciano dal principio e cioè dal 1999, quando con la prima dichiarazione dello stato di emergenza si punta a chiudere le discariche comunali.

L’allora governo di centrosinistra, guidato da Angelo Capodicasa, aveva l’obiettivo di incenerire i rifiuti in centrali a carbone. Le discariche comunali vennero effettivamente chiuse ma di centrali a carbone neanche l’ombra: ecco quindi che spuntarono subito altre discariche, addirittura più grandi.

Assunzioni e paghe d’oro – Nel 2001 viene eletto governatore per la prima volta Salvatore Cuffaro che ha un’idea geniale: creare l’Agenzia regionale per i rifiuti e l’ambiente. Un ente affidato a Felice Crosta, il superburocrate diventato famoso per la pensione da 460mila euro all’anno (cioè 1.400 euro al giorno) poi dimezzata dalla Corte dei conti. Che cosa fa l’Agenzia regionale per i rifiuti e l’ambiente? Punta tutto nella costruzione di quattro termovalorizzatori.

E intanto genera assunzioni su assunzioni. “La strategia regionale prevedeva la costituzione di 27 Ato rifiuti e delle relative società d’ambito, nate nel novembre 2002, che avevano il compito di gestire il ciclo dei rifiuti negli ambiti territoriali ottimali. Siffatto modello organizzativo ha portato la Regione siciliana ad un’emergenza finanziaria gravissima. Molti enti locali, infatti, depennarono dai propri capitoli di bilancio la voce ‘gestione dei rifiuti‘ e, attraverso accordi sindacali (2004), trasferirono alle società d’ambito il proprio personale addetto all’igiene urbana”, si legge nella relazione della commissione parlamentare.

Un dipendente ogni 400 siciliani – Quale è la prima operazione messa in campo dalle “società d’ambito”? “In molti casi – spiega sempre la commissione – sono diventate un “ammortizzatore sociale” usato dalla forze politiche per il controllo del consenso”. Tradotto: voti in cambio di assunzioni nello smaltimento rifiuti. Nel 2010 lavoravano nel settore 11.667 persone (di cui circa il 35 per cento costituito da personale amministrativo), in pratica una ogni 440 cittadini siciliani.

Una media spaventosa che è dieci volte superiore ai numeri di tutte o quasi le regioni del Nord Italia. “Questo perverso modus operandi, unito all’incapacità di fronteggiare sia l’elusione che l’evasione di Tarsu, Toa e Tasi, ha determinato l’impegno di ingenti risorse finanziarie al fine di scongiurare una gravissima emergenza occupazionale ed economica, risorse che avrebbero potuto essere investite per infrastrutture, raccolta differenziata e acquisto di mezzi ed attrezzature di servizio” spiega la commissione.

Inceneritori e Cosa nostra – Nel frattempo, ovviamente, dei quattro inceneritori non c’è traccia. Il motivo? La procura di Palermo aveva aperto un’inchiesta sulle gare per abuso di ufficio, corruzione, turbata libertà degli incanti, il tutto aggravato dal metodo mafioso.

Si parla di una maxi tangente da 38 milioni di euro, di un accordo esistente tra le società che avrebbero dovuto fare i miliardi con la costruzione degli inceneritori. “Si tratta di un procedimento di notevole complessità nel quale vengonon ipotizzati pesantissimi condizionamenti da parte della criminalità organizzata nella procedura concorsuale di cui sopra che, ove portata a compimento, avrebbe condotto alla costruzione di opere per un valore di diversi miliardi di euro”.

La criminalità organizzata in Sicilia ha un nome e un cognome: Cosa nostra. Ed è proprio per favoreggiamento a Cosa nostra – ma per un’altra vicenda – che Cuffaro verrà condannato a sette di anni di carcere. Intanto a Palazzo d’Orleans arriva Raffaele Lombardo. Sono gli anni del ribaltone, del centrodestra che governa col Pd: esperimenti politici legati a doppio filo con la partita dei rifiuti.

Anche Lombardo chiede e ottiene poteri speciali dal governo centrale, ma questa volta per bloccare il progetto degli inceneritori e ordinare l’ingrandimento delle discariche. Da allora a oggi poco è cambiato: e in Sicilia la gestione dei rifiuti vale circa 700 milioni l’anno di introiti per i gestori delle discariche private. Che da vent’anni si cerca di superare e da vent’anni sono sempre lì.

“Insomma – è la considerazione della commissione parlamentare – pare esservi un sistema che obbliga in Sicilia a conferire i rifiuti in discarica ed è talmente ben ramificato e gode di tali e tante sponde da essere capace di orchestrare sistematicamente il sabotaggio di qualunque iniziativa che possa incidere sui gruppi di potere creatisi intorno al ciclo dei rifiuti”. Un sabotaggio che dura praticamente da sempre.
5 Gennaio 2018



Figlia di PM, prima la bocciano e poi la assume il sindaco

19 Gennaio 2018- Soltanto coincidenze. Tutte fiorentine. Il 26 ottobre, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha assunto negli uffici della Città Metropolitana la 28enne Celeste Oranges, priva di esperienza professionale e con in tasca una laurea magistrale in Legge. Incidentalmente, Celeste è la figlia di Acheropita Mondera Oranges, che guida la Procura della Corte dei Conti della Toscana dopo ...continua
Italiani in estinzione Entro la fine del secolo 40 milioni di stranieri

19 Gennaio 2018- Senza immigrati la popolazione dell'Italia crollerà da 60 milioni oggi a 20 milioni entro la fine del secolo. Invece, con i flussi di immigrati attuali e previsti la metà della popolazione italiana sarà fatta di immigrati o figli di immigrati entro 60 anni, cioè entro una sola generazione. Questo significa che il numero di immigrati in Italia sta per esplodere da ...continua
Gli arretrati per gli statali arrivano a cinque giorni dal voto

19 Gennaio 2018- Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera. Aumenti ed arretrari destinati agli statali possono partire, dopo l'accordo raggiunto tra l'Aran, l'agenzia che tratta per conto del ministero, e le sigle sindacali. Quasi tutto fatto. Manca ora soltanto il vaglio della Corte dei Conti, che se dovesse dare il suo assenso acconsentirebbe così al pagamento di arretrati da ...continua
Il piano di Berlusconi: "Così creiamo posti di lavoro stabili"

19 Gennaio 2018- Tasse e lavoro. Sono queste le priorità del centrodestra in caso di vittoria alle elezioni. Lo ha ribadito Silvio Berlusconi ufficializzando con un video su Facebook l'accordo con Noi con l'Italia - Udc, la cosiddetta quarta gamba di Raffaele Fitto e Lorenzo Cesa. "Uniti si vince e la nostra sarà un'autentica rivoluzione liberale, positiva e costruttiva, basata ...continua
Giornalisti in tv sotto controllo: cosa da ubriachi

13 Gennaio 2018- di Alessandro Sallusti Campagna elettorale, a breve si entra in regime di par condicio, quella legge per cui in tv e in radio scatta il minutaggio: tanto parla il candidato di un partito tanto devono parlare i rappresentanti di tutti gli altri, a prescindere dal loro peso elettorale e interesse per il pubblico. La legge sulla par condicio è la morte del giornalismo (vale sia per ...continua
L'euro mostra i muscoli e Draghi tace

13 Gennaio 2018- Ma l'euro ipertrofico fa ancora paura alla Bce? Viene da chiederselo, visto il mutismo di Mario Draghi. L'estate scorsa, quando la moneta unica flirtava con quota 1,20 dollari, il presidente dell'Eurotower era più volte intervenuto per rimarcare i rischi di un cambio troppo forte. Ora siamo arrivati ben oltre quei valori: fino a 1,2137 ieri, un massimo da tre anni alimentato dal profilarsi in ...continua
Cgia, la ripresa rallenta. L'Italia tornerà ad essere ultima in Europa

13 Gennaio 2018- La stima della Cgia di Mestre non promette nulla di buono. Vediamo subito di cosa si tratta: la ripresa economica del 2017 (+ 1,5% circa) rischia di indebolirsi già a partire da quest'anno. Secondo l'Ufficio studi della Cgia, infatti, gli ultimi dati di previsione elaborati dalla Commissione europea per il 2018 il Pil reale dell'Italia è destinato ad aumentare ...continua
Matteo a De Benedetti: "Merkel ha rotto i c... Juncker è un cretino"

13 Gennaio 2018- A colazione si decidevano le sorti della politica italiana e si indirizzava l'azione del governo. L'ingegner Carlo De Benedetti, per il premier Matteo Renzi, era molto più di un consulente. Un tutor, si potrebbe dire. Eppure, a leggere il verbale dell'audizione dell'11 febbraio 2016 presso gli uffici milanesi della Consob pubblicato dal Sole 24 Ore, emerge anche un ...continua
Catanzaro, 170 arresti per ‘ndrangheta tra Italia e Germania.

9 Gennaio 2018- Una decina amministratori locali tra sindaci, vicesindaci, assessori e presidenti dei consigli comunali di Cirò Marina, Strongoli, Mandatoriccio, Casabona e San Giovanni in Fiore. In manette anche il presidente della Provincia di Crotone Nicodemo Parrilla, eletto esattamente un anno fa con il 62,2% dei voti. Un’inchiesta mastodontica, coordinata dalla Direzione distrettuale ...continua
Stretta di mano tra le due Coree: Pyongyang ai Giochi invernali

9 Gennaio 2018- È una stretta di mano che conta molto quella immortalata oggi dai fotografi arrivati alla Casa della pace di Panmunjom, il villaggio nella zona demilitarizzata che divide la penisola di Corea, teatro di un nuovo incontro di alto livello tra i rappresentanti di Seul e di Pyongyang. Da un lato il ministro sudcoreano Cho Myoung-gyon, delegato alle relazioni con il Nord, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Risottu chi mulinciani
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra