Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Due vescovi italiani "contro" il Papa su Amoris Laetitia
Condividi                       

Due vescovi italiani hanno aderito alla professione di verità sul matrimonio sacramentale. Il 2 gennaio del 2018 è stato reso pubblico questo documento: i vescovi Tomash Peta, Jan Pawel Lenga e Athanasius Schneider, tutti e tre appartenenti alla Chiesa del Kazakistan, si sono detti "costretti in coscienza a professare, di fronte all’attuale dilagante confusione, l’immutabile verità e l’altrettanto immutabile disciplina sacramentale riguardo all’indissolubilità del matrimonio secondo l’insegnamento bimillenario ed inalterato del Magistero della Chiesa".

La polemica dottrinale sull'esortazione apostolica "Amoris Laetitia" sembrava chiusa, ma la presa di posizione dell'episcopato kazako ha riaperto il dibattito dottrinale in merito. E così, sia mons. Luigi Negri, arcivescovo emerito di Ferrara-Comacchio sia mons. Carlo Maria Viganò, nunzio apostolico negli Stati Uniti d’America ed ex membro del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, hanno sottoscritto l'ennesima "Correzione" al testo del pontefice argentino. La notizia è stata data, tra gli altri, dall'agenzia Corrispondenza Romana.

Monsignor Lugi Negri, già vescovo della Diocesi di San Marino-Montefeltro, ha spiegato così la scelta di aderire al documento dei vescovi kazaki: "Davanti alla grave confusione che c’è nella Chiesa riguardo al tema del matrimonio io credo che sia necessario riproporre la chiarezza della posizione tradizionale". E ancora:"Mi è sembrata giusto firmare perché il contenuto di questa posizione è ciò che ho largamente presentato in questi anni, non solo in questi ultimi mesi, in tutti i momenti della messa a punto che ho dedicato al tema della famiglia, della vita, della procreazione, della responsabilità educativa nei confronti dei più giovani.

Sono temi di assoluta importanza per cui il mondo cattolico nel suo complesso non mostra molta sensibilità". Monsignor Carlo Maria Viganò, invece, non avrebbe ancora specificato le sue ragioni. Nomi pesanti, quelli di Negri e Viganò, che di certo avranno stuzzicato le fantasie del "fronte tradizionalista".

Il documento dei vescovi kazaki, così come specificato qui da Aldo Maria Valli, non può essere interpretato come una richiesta di chiarimenti. Il fine del testo sembra essere una vera e propria "Correzione". La divisione dottrinale sul capitolo ottavo dell'esortazione apostolica di Bergoglio, insomma, rimane attuale nonostante Francesco abbia indirettamente risposto ai "dubia" sollevati dai cardinali Burke, Meisner, Caffarra e Brandmueller.

Qual è, quindi, il contenuto della professione di verità dei kazaki? Tomash Peta, Jan Pawel Lenga e Athanasius Schneider hanno individuato nell'applicazione delle direttive del pontefice il punto più "problematico". Hanno scritto, infatti, i tre: "Secondo la dottrina della Chiesa solamente il vincolo matrimoniale sacramentale costituisce una chiesa domestica (cf. Concilio Vaticano II, Lumen gentium, 11).

L’ammissione dei fedeli cosiddetti "divorziati risposati" alla Santa Comunione, che è la massima espressione dell’unità di Cristo-Sposo con la sua Chiesa, significa nella pratica un modo d’approvazione o di legittimazione del divorzio, e in questo senso una specie di introduzione del divorzio nella vita della Chiesa".

L'interpretazione estensiva dell'accesso ai sacramenti da parte dei "divorziati risposati", secondo quanto sostentuo dai tre esponenti dell'episcopato kazako, rappresenterebbe l'ammissione della possibilità del divorzio da parte della Chiesa cattolica. Anzi, un vero e proprio "mezzo di diffusione" di questa "piaga". Dichiarazioni esplicite, cui hanno aderito anche due vescovi italiani.
4 Gennaio 2018



Figlia di PM, prima la bocciano e poi la assume il sindaco

19 Gennaio 2018- Soltanto coincidenze. Tutte fiorentine. Il 26 ottobre, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha assunto negli uffici della Città Metropolitana la 28enne Celeste Oranges, priva di esperienza professionale e con in tasca una laurea magistrale in Legge. Incidentalmente, Celeste è la figlia di Acheropita Mondera Oranges, che guida la Procura della Corte dei Conti della Toscana dopo ...continua
Italiani in estinzione Entro la fine del secolo 40 milioni di stranieri

19 Gennaio 2018- Senza immigrati la popolazione dell'Italia crollerà da 60 milioni oggi a 20 milioni entro la fine del secolo. Invece, con i flussi di immigrati attuali e previsti la metà della popolazione italiana sarà fatta di immigrati o figli di immigrati entro 60 anni, cioè entro una sola generazione. Questo significa che il numero di immigrati in Italia sta per esplodere da ...continua
Gli arretrati per gli statali arrivano a cinque giorni dal voto

19 Gennaio 2018- Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera. Aumenti ed arretrari destinati agli statali possono partire, dopo l'accordo raggiunto tra l'Aran, l'agenzia che tratta per conto del ministero, e le sigle sindacali. Quasi tutto fatto. Manca ora soltanto il vaglio della Corte dei Conti, che se dovesse dare il suo assenso acconsentirebbe così al pagamento di arretrati da ...continua
Il piano di Berlusconi: "Così creiamo posti di lavoro stabili"

19 Gennaio 2018- Tasse e lavoro. Sono queste le priorità del centrodestra in caso di vittoria alle elezioni. Lo ha ribadito Silvio Berlusconi ufficializzando con un video su Facebook l'accordo con Noi con l'Italia - Udc, la cosiddetta quarta gamba di Raffaele Fitto e Lorenzo Cesa. "Uniti si vince e la nostra sarà un'autentica rivoluzione liberale, positiva e costruttiva, basata ...continua
Giornalisti in tv sotto controllo: cosa da ubriachi

13 Gennaio 2018- di Alessandro Sallusti Campagna elettorale, a breve si entra in regime di par condicio, quella legge per cui in tv e in radio scatta il minutaggio: tanto parla il candidato di un partito tanto devono parlare i rappresentanti di tutti gli altri, a prescindere dal loro peso elettorale e interesse per il pubblico. La legge sulla par condicio è la morte del giornalismo (vale sia per ...continua
L'euro mostra i muscoli e Draghi tace

13 Gennaio 2018- Ma l'euro ipertrofico fa ancora paura alla Bce? Viene da chiederselo, visto il mutismo di Mario Draghi. L'estate scorsa, quando la moneta unica flirtava con quota 1,20 dollari, il presidente dell'Eurotower era più volte intervenuto per rimarcare i rischi di un cambio troppo forte. Ora siamo arrivati ben oltre quei valori: fino a 1,2137 ieri, un massimo da tre anni alimentato dal profilarsi in ...continua
Cgia, la ripresa rallenta. L'Italia tornerà ad essere ultima in Europa

13 Gennaio 2018- La stima della Cgia di Mestre non promette nulla di buono. Vediamo subito di cosa si tratta: la ripresa economica del 2017 (+ 1,5% circa) rischia di indebolirsi già a partire da quest'anno. Secondo l'Ufficio studi della Cgia, infatti, gli ultimi dati di previsione elaborati dalla Commissione europea per il 2018 il Pil reale dell'Italia è destinato ad aumentare ...continua
Matteo a De Benedetti: "Merkel ha rotto i c... Juncker è un cretino"

13 Gennaio 2018- A colazione si decidevano le sorti della politica italiana e si indirizzava l'azione del governo. L'ingegner Carlo De Benedetti, per il premier Matteo Renzi, era molto più di un consulente. Un tutor, si potrebbe dire. Eppure, a leggere il verbale dell'audizione dell'11 febbraio 2016 presso gli uffici milanesi della Consob pubblicato dal Sole 24 Ore, emerge anche un ...continua
Catanzaro, 170 arresti per ‘ndrangheta tra Italia e Germania.

9 Gennaio 2018- Una decina amministratori locali tra sindaci, vicesindaci, assessori e presidenti dei consigli comunali di Cirò Marina, Strongoli, Mandatoriccio, Casabona e San Giovanni in Fiore. In manette anche il presidente della Provincia di Crotone Nicodemo Parrilla, eletto esattamente un anno fa con il 62,2% dei voti. Un’inchiesta mastodontica, coordinata dalla Direzione distrettuale ...continua
Stretta di mano tra le due Coree: Pyongyang ai Giochi invernali

9 Gennaio 2018- È una stretta di mano che conta molto quella immortalata oggi dai fotografi arrivati alla Casa della pace di Panmunjom, il villaggio nella zona demilitarizzata che divide la penisola di Corea, teatro di un nuovo incontro di alto livello tra i rappresentanti di Seul e di Pyongyang. Da un lato il ministro sudcoreano Cho Myoung-gyon, delegato alle relazioni con il Nord, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Snowboard
Cucina
Pancakes con la zucca
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra