Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Due vescovi italiani "contro" il Papa su Amoris Laetitia
Condividi                       

Due vescovi italiani hanno aderito alla professione di verità sul matrimonio sacramentale. Il 2 gennaio del 2018 è stato reso pubblico questo documento: i vescovi Tomash Peta, Jan Pawel Lenga e Athanasius Schneider, tutti e tre appartenenti alla Chiesa del Kazakistan, si sono detti "costretti in coscienza a professare, di fronte all’attuale dilagante confusione, l’immutabile verità e l’altrettanto immutabile disciplina sacramentale riguardo all’indissolubilità del matrimonio secondo l’insegnamento bimillenario ed inalterato del Magistero della Chiesa".

La polemica dottrinale sull'esortazione apostolica "Amoris Laetitia" sembrava chiusa, ma la presa di posizione dell'episcopato kazako ha riaperto il dibattito dottrinale in merito. E così, sia mons. Luigi Negri, arcivescovo emerito di Ferrara-Comacchio sia mons. Carlo Maria Viganò, nunzio apostolico negli Stati Uniti d’America ed ex membro del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, hanno sottoscritto l'ennesima "Correzione" al testo del pontefice argentino. La notizia è stata data, tra gli altri, dall'agenzia Corrispondenza Romana.

Monsignor Lugi Negri, già vescovo della Diocesi di San Marino-Montefeltro, ha spiegato così la scelta di aderire al documento dei vescovi kazaki: "Davanti alla grave confusione che c’è nella Chiesa riguardo al tema del matrimonio io credo che sia necessario riproporre la chiarezza della posizione tradizionale". E ancora:"Mi è sembrata giusto firmare perché il contenuto di questa posizione è ciò che ho largamente presentato in questi anni, non solo in questi ultimi mesi, in tutti i momenti della messa a punto che ho dedicato al tema della famiglia, della vita, della procreazione, della responsabilità educativa nei confronti dei più giovani.

Sono temi di assoluta importanza per cui il mondo cattolico nel suo complesso non mostra molta sensibilità". Monsignor Carlo Maria Viganò, invece, non avrebbe ancora specificato le sue ragioni. Nomi pesanti, quelli di Negri e Viganò, che di certo avranno stuzzicato le fantasie del "fronte tradizionalista".

Il documento dei vescovi kazaki, così come specificato qui da Aldo Maria Valli, non può essere interpretato come una richiesta di chiarimenti. Il fine del testo sembra essere una vera e propria "Correzione". La divisione dottrinale sul capitolo ottavo dell'esortazione apostolica di Bergoglio, insomma, rimane attuale nonostante Francesco abbia indirettamente risposto ai "dubia" sollevati dai cardinali Burke, Meisner, Caffarra e Brandmueller.

Qual è, quindi, il contenuto della professione di verità dei kazaki? Tomash Peta, Jan Pawel Lenga e Athanasius Schneider hanno individuato nell'applicazione delle direttive del pontefice il punto più "problematico". Hanno scritto, infatti, i tre: "Secondo la dottrina della Chiesa solamente il vincolo matrimoniale sacramentale costituisce una chiesa domestica (cf. Concilio Vaticano II, Lumen gentium, 11).

L’ammissione dei fedeli cosiddetti "divorziati risposati" alla Santa Comunione, che è la massima espressione dell’unità di Cristo-Sposo con la sua Chiesa, significa nella pratica un modo d’approvazione o di legittimazione del divorzio, e in questo senso una specie di introduzione del divorzio nella vita della Chiesa".

L'interpretazione estensiva dell'accesso ai sacramenti da parte dei "divorziati risposati", secondo quanto sostentuo dai tre esponenti dell'episcopato kazako, rappresenterebbe l'ammissione della possibilità del divorzio da parte della Chiesa cattolica. Anzi, un vero e proprio "mezzo di diffusione" di questa "piaga". Dichiarazioni esplicite, cui hanno aderito anche due vescovi italiani.
4 Gennaio 2018



Siria, dura reazione del Cremlino: Onu prenda provvedimenti contro Usa

14 Aprile 2018- A seguito del bombardamento in Siria, la reazione di condanna da parte del Cremlino non ha tardato ad arrivare. Putin lascia a Tass il compito di esprimere tutto il suo disappunto per l'accaduto, e chiede una immediata convocazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per discutere dell'accaduto. "L'attuale escalation della situazione in tutta la Siria ...continua
Assad: "I raid dimostrano il fallimento dell'Occidente"

14 Aprile 2018- Bashar al Assad sembra tutt'altro che preoccupato dai raid lanciati nella notte da Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia. Questa mattina ha diffuso sull'account Telegram della presidenza siriana un video in cui andava al lavoro. Poi, nel corso di un colloquio con Hassan Rohani, presidente dell'Iran, ha risposto agli attacchi sostenendo che il popolo siriano non si lascia ...continua
“L’attacco ci ha rafforzati I nostri 70 minuti sotto il fuoco Usa”

14 Aprile 2018- “Questo attacco ci ha reso più forti. Era solo una dimostrazione di forza. Crediamo che gli americani si fermeranno e che non ci attaccheranno nuovamente”. Così fonti di Damasco commentano i raid statunitensi, francesi e britannici di questa notte. In effetti, il raid di questa notte, che doveva essere devastante (almeno a sentire il presidente americano Donald Trump) è ...continua
Salvini: "Grilletto facile aiuta terroristi", Berlusconi: "Ora serve un governo"

14 Aprile 2018- A poche ore dai raid lanciati da Usa, Gran Bretagna e Francia in Siria, arriva la ferma condanna da parte di Matteo Salvini. "Stanno ancora cercando le 'armi chimiche' di Saddam, stiamo ancora pagando per la folle guerra in Libia, e qualcuno con il grilletto facile insiste 'coi missili intelligenti', aiutando peraltro i terroristi islamici quasi ...continua
Giallo su Haftar, rischio caos in Libia

14 Aprile 2018- È giallo sulla sorte di Khalifa Haftar, 75 anni, la divisa e la guerra come ragione di vita. «Sono un combattente e mi batterò fino alla fine per il mio Paese» aveva detto qualche anno fa in un'intervista a Il Giornale e ieri nel pomeriggio è arrivata la notizia che fosse spirato nel letto d'un ospedale di Parigi, abbattuto da un infarto. Nel corso della serata l'emittente Al Arabiya ha però ...continua
Attacco in Siria, la Russia è stata avvertita

14 Aprile 2018- La Russia è stata avvertita in anticipo degli attacchi militari congiunti di Usa, Regno Unito e Francia contro la Siria» ha dichiarato la ministra della Difesa francese, Florence Parly. L'Eliseo quindi conferma la strategia di "deconflicting" dietro l'attacco di questa notte: missili su obiettivi mirati e piena collaborazione con i russi per evitare l'incidente imprevisto che possa portare a ...continua
Usa, Gran Bretagna e Francia attaccano la Siria

14 Aprile 2018- Alla fine, quello che si temeva è avvenuto. Le forze di Stati Uniti, Francia e Regno Unito hanno attaccato la Siria questa notte. Secondo quanto riportano le agenzia locali, i bombardamenti hanno colpito diversi luoghi in Siria. "Poco fa, ho ordinato alle forze armate statunitensi di lanciare attacchi di precisione contro obiettivi relativi alle capacità della Siria di fabbricare ...continua
Attacco a Damasco: ecco i siti colpiti dai missili Usa

14 Aprile 2018- Il quotidiano russo "Kommersant" ha pubblicato una mappa con tutti i siti colpiti durante l'attacco missilistico occorso nella notte italiana a Damasco. Questi gli obiettivi colpiti nella notte dai missili della coalizione occidentale Secondo le fonti militari siriane consultate dal quotidiano, questi sarebbero stati gli obiettivi coinvolti nell'attacco: Nella mappa sono ...continua
Attacco in Siria, l'Ue con gli alleati. L'Onu chiede moderazione

14 Aprile 2018- È partito nella notte l'attacco alla Siria che si attendeva da giorni, coordinato dalle forze armate di Stati Uniti, Francia e Gram Bretagna e scattato dopo giorni di contatti con la Russia, per evitare una escalation della violenza che nessuna desidera, nonostante le prime dichiarazioni arrivate dopo i raid notturni possano far pensare diversamente. "L’attacco di Stati ...continua
Trump schiera le navi da guerra: una pioggia di mille missili dal Mediterraneo

13 Aprile 2018- Entro la prossima settimana gli Stati Uniti avranno nel Mar Mediterraneo una capacità missilistica di oltre mille missili Tomahawk che potrebbero potenzialmente essere lanciati contro la Siria. E’ una capacità offensiva notevole considerando che nei possibili piani d’attacco contro la triade difensiva della Corea del Nord (il paragone è prettamente ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Spaghetti chi cozzi chini
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra