Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Impresentabili in Sicilia, alle regionali vale una vecchia regola: i voti non puzzano
Condividi                       

di Antonio Roccuzzo

Il paradosso è che, tra le centinaia di candidati a uno dei 90 seggi regionali in Sicilia, ci saranno anche molti “impresentabili”, anche se al di sopra di ogni sospetto. Con voti sporchi in tasca e casellario penale lindo. Il problema non è (solo o tanto) penale, ma politico. Molto politico e di costume. Un bravo parlamentare della commissione Antimafia, Davide Mattiello, mi ha detto una cosa giusta e semplice: “Io credo che un mafioso che voglia eleggere un amico all’Assemblea regionale siciliana (Ars), faccia di tutto per avere un amico incensurato per mandarlo lì. Più facile e pulito”.

Per aggirare i controlli. In fondo, la Storia è andata avanti sempre così. La campagna elettorale in corso in Sicilia – secondo me – conferma quella vecchia, bruttissima regola siciliana (e italiana) che sposta tutta l’attenzione sui tribunali. Perché nel sistema politico vale cinicamente la regola che i voti non puzzano, a prescindere dalle sentenze passate in giudicato, dalle garanzie per gli indagati ma anche dalla moralità della vita politica.

Siccome la mafia non è stata sconfitta e anzi è sempre più potente e ricca, silenziosamente occupa l’economia legale e ha bisogno, per esistere, di legami con la politica (se no non sarebbe più mafia), state certi che la mafia voterà e farà votare. Come? Dopo le elezioni, ce lo racconteranno i magistrati, se stanno facendo indagini; perché ora, nel nostro codice penale, c’è anche il 416 ter che punisce il voto di scambio politico-mafioso.

Queste elezioni siciliane produrranno la solita scena: l’Assemblea regionale sarà frequentata ancora una volta anche da gente che ha preso voti su pressioni delle mafie, magari anche con la fedina penale pulita. Non ne ho le prove, ma so che è così. E lo sanno o lo sospettano anche i leader locali e nazionali dei principali partiti. I quali però in base alla vecchia logica della real politik tollerano, a destra e a sinistra, non scelgono di buttare fuori nessuno. Al netto dei carichi penali pendenti o delle relazioni pericolose.

Detto che la commissione parlamentare Antimafia non ce la farà a dare prima del voto di domenica 5 novembre la sua lista di dichiaratamente impresentabili, cioè “pregiudicati”, (state certi che ci sono anche quelli) perché le procure distrettuali non hanno raccolto e trasmesso in tempo i documenti sui procedimenti penali in corso, chiedo a voi che leggete: se voi foste il leader locale o nazionale di un partito, avreste onestamente candidato un giovane uomo così? Riguardate questo video, diventato “virale” sul web meno di un mese fa.
05:15

L’uomo sul palco si chiama Riccardo Pellegrino, incensurato già eletto consigliere comunale a Catania dal 2013, con 1.100 voti di preferenza e ora candidato all’Ars per Forza Italia: parla la sera del 7 ottobre scorso a San Cristoforo, a poche centinaia di metri dalla casa natale del boss Santapaola. E rivendica l’amicizia con il figlio del boss del clan Mazzei, detti “i carcagnusi”, fedelissimi a don Nitto. L’amicizia non si nega a nessuno e ognuno si sceglie gli amici che vuole, ma se uno grida e rivendica in quella piazza (o altre) siciliana l’amicizia con un Carcagnusu sa quel che fa e lo sa a ragione veduta.

Ci sono, nelle liste elettorali siciliane, altri candidati simili, e non solo nel centrodestra. Parenti o amici di condannati, mafiosi e mafiosetti. Ma incensurati. In lista solo per portare voti, quei voti . Hanno il diritto di candidarsi; ma i partiti avrebbero forse dovuto sentire il dovere di non accoglierli. Se no, ha ragione una leader nazionale (badate, persona onesta) che ha detto in un comizio: ”Mi accodo all’appello perché i cittadini non votino i cosiddetti impresentabili, perché alla fine sono loro che fanno la selezione vera”.
No, onorevole Meloni, sono i partiti che dovrebbero farla prima, se no questa storia non finirà mai. O no?
1 Novembre 2017



Family Day, cattolici contro Renzi: “Che faccia tosta a chiederci il voto"

19 Febbraio 2018- A due settimane dal voto del 4 marzo, l’appello di Matteo Renzi al mondo cattolico sembra non convincere i diretti interessati. Del resto, ieri, dal palco dell’auditorium dell’Istituto Massimo, all’Eur, era stato lo stesso leader del Pd a mettere le mani avanti. "Abbiamo avuto punti di discussione con una parte importante del mondo cattolico”, ricorda Renzi. A ...continua
Elezioni, è corsa al voto utile: il centrodestra cresce al Nord, il M5s al Sud.

18 Febbraio 2018- Il Nord dominato dal centrodestra con sempre meno eccezioni. Le cosiddette Regioni rosse ridotte a un ultimo, valoroso, fortino di resistenza del Partito democratico. Il Sud, infine, un enorme campo di battaglia in cui ogni voto strappato dalle destre ai Cinquestelle e dai Cinquestelle alle destre può essere decisivo per accendere il jackpot completo o al ...continua
Algeria, torna la paura terrorismo nonostante le operazioni anti jihad

18 Febbraio 2018- Nel contesto nordafricano, l’Algeria sembra essere quasi sparita dal circuito mediatico: negli ultimi otto anni, in questa parte del globo così vicina a casa nostra sono accaduti alcuni degli eventi più importanti della storia recente, dalle primavere arabe agli attentati terroristi tra Tunisia ed Egitto, passando poi per il conflitto in Libia; di Algeria, in tutto ...continua
"La mia Castel Volturno preda della mafia nera Lo Stato non esiste più"

18 Febbraio 2018- Dimitri Russo, 47 anni, sindaco di Castel Volturno (Caserta), ha la faccia simpatica di un dj. La sua «musica» però ha il ritmo della passione politica, quella disinteressata dell'impegno sociale. Merce rara, soprattutto in un territorio dove lo Stato sembra aver deposto non solo le armi, ma anche la bandiera bianca con cui pare essersi arreso al dominio della ...continua
Casini: un Dc tra i comunisti

18 Febbraio 2018- Grande è l'animazione, nelle aree cimiteriali di Bologna e non solo. Tutto un rigirarsi, un ribaltarsi cui da settimane non si trova rimedio. Guardate la foto qui in basso, scattata in una delle sedi sopravvissute di quel che fu Pci, Pds, Ds e infine Pd, nella sua principale roccaforte. Si noteranno, in alto, i ritratti di due dei fondatori del '21, Togliatti e Gramsci. In basso, il fondatore della Cgil, ...continua
Marò, moglie di Girone: "Sono trascorsi 6 anni, ma siamo ancora fermi"

16 Febbraio 2018- "Sono trascorsi 6 anni, con dignità, dolore e libertà personale limitata e vincolata da una grande ingiustizia...". Inizia così il post pubblicato da Vania Ardito, moglie del marò Salvatore Girone, sul proprio profilo Facebook. La donna torna così sul caso marò e spiega che nonostante il tempo trascorso, "noi restiamo fermi ancora al 15 febbraio 2012, quando ...continua
Un flop dai costi folli. Così il Pd insabbia i dati sull'accoglienza

16 Febbraio 2018- «La maggioranza a guida Pd ha deciso di insabbiare quanto prodotto e scoperto per nascondere agli occhi dei cittadini italiani, in periodo di campagna elettorale, le malefatte di Renzi e i disastri di Minniti di questi ultimi anni». È scontro aperto in commissione parlamentare di inchiesta sui migranti, con Forza Italia e Lega che accusano i democratici di voler ...continua
Sesso, droga e armi: nove città ostaggio dei nigeriani

16 Febbraio 2018- La precisazione, tra persone intelligenti, sarebbe inutile; ma, a scanso di equivoci, la facciamo comunque: quando parliamo di «mafia nigeriana» in Italia, ci riferiamo ai nigeriani dediti al crimine, non certo ai loro connazionali estranei alla delinquenza. Detto ciò, per comprendere il contesto «socio-antropologico» in cui si muovevano i tre presunti killer nigeriani che hanno ...continua
Bologna, blitz antifascista vuole impedire comizio di Forza Nuova

16 Febbraio 2018- Riesplode la tensione a Bologna, dove un comizio di Forza Nuova, in programma in serata, ha fatto esplodere la rabbia dei centri sociali riuniti nella cosiddetta "rete antifascista". Dalla pagina Facebook di Làbas La giornata, davvero molto tesa per Bologna, è iniziata con un blitz in Consiglio comunale, a Palazzo d’Accursio, messo in atto da un gruppetto di attivisti ...continua
Sicilia, aumentano le assunzioni all’Ars. Ai gruppi 4 milioni in più per pagare collaboratori

15 Febbraio 2018- Non bastano 177 dipendenti, non bastano 70 lavoratori ‘quasi stabilizzati’, che da anni, legislatura dopo legislatura, lavorano nei gruppi parlamentari. Non bastano neanche i portaborse, i collaboratori personali dei consiglieri regionali siciliani, che però sull’isola si chiamano deputati, come a Roma. Nossignore. I tre milioni di euro ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Pancakes con la zucca
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra