Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Impresentabili in Sicilia, alle regionali vale una vecchia regola: i voti non puzzano
Condividi                       

di Antonio Roccuzzo

Il paradosso è che, tra le centinaia di candidati a uno dei 90 seggi regionali in Sicilia, ci saranno anche molti “impresentabili”, anche se al di sopra di ogni sospetto. Con voti sporchi in tasca e casellario penale lindo. Il problema non è (solo o tanto) penale, ma politico. Molto politico e di costume. Un bravo parlamentare della commissione Antimafia, Davide Mattiello, mi ha detto una cosa giusta e semplice: “Io credo che un mafioso che voglia eleggere un amico all’Assemblea regionale siciliana (Ars), faccia di tutto per avere un amico incensurato per mandarlo lì. Più facile e pulito”.

Per aggirare i controlli. In fondo, la Storia è andata avanti sempre così. La campagna elettorale in corso in Sicilia – secondo me – conferma quella vecchia, bruttissima regola siciliana (e italiana) che sposta tutta l’attenzione sui tribunali. Perché nel sistema politico vale cinicamente la regola che i voti non puzzano, a prescindere dalle sentenze passate in giudicato, dalle garanzie per gli indagati ma anche dalla moralità della vita politica.

Siccome la mafia non è stata sconfitta e anzi è sempre più potente e ricca, silenziosamente occupa l’economia legale e ha bisogno, per esistere, di legami con la politica (se no non sarebbe più mafia), state certi che la mafia voterà e farà votare. Come? Dopo le elezioni, ce lo racconteranno i magistrati, se stanno facendo indagini; perché ora, nel nostro codice penale, c’è anche il 416 ter che punisce il voto di scambio politico-mafioso.

Queste elezioni siciliane produrranno la solita scena: l’Assemblea regionale sarà frequentata ancora una volta anche da gente che ha preso voti su pressioni delle mafie, magari anche con la fedina penale pulita. Non ne ho le prove, ma so che è così. E lo sanno o lo sospettano anche i leader locali e nazionali dei principali partiti. I quali però in base alla vecchia logica della real politik tollerano, a destra e a sinistra, non scelgono di buttare fuori nessuno. Al netto dei carichi penali pendenti o delle relazioni pericolose.

Detto che la commissione parlamentare Antimafia non ce la farà a dare prima del voto di domenica 5 novembre la sua lista di dichiaratamente impresentabili, cioè “pregiudicati”, (state certi che ci sono anche quelli) perché le procure distrettuali non hanno raccolto e trasmesso in tempo i documenti sui procedimenti penali in corso, chiedo a voi che leggete: se voi foste il leader locale o nazionale di un partito, avreste onestamente candidato un giovane uomo così? Riguardate questo video, diventato “virale” sul web meno di un mese fa.
05:15

L’uomo sul palco si chiama Riccardo Pellegrino, incensurato già eletto consigliere comunale a Catania dal 2013, con 1.100 voti di preferenza e ora candidato all’Ars per Forza Italia: parla la sera del 7 ottobre scorso a San Cristoforo, a poche centinaia di metri dalla casa natale del boss Santapaola. E rivendica l’amicizia con il figlio del boss del clan Mazzei, detti “i carcagnusi”, fedelissimi a don Nitto. L’amicizia non si nega a nessuno e ognuno si sceglie gli amici che vuole, ma se uno grida e rivendica in quella piazza (o altre) siciliana l’amicizia con un Carcagnusu sa quel che fa e lo sa a ragione veduta.

Ci sono, nelle liste elettorali siciliane, altri candidati simili, e non solo nel centrodestra. Parenti o amici di condannati, mafiosi e mafiosetti. Ma incensurati. In lista solo per portare voti, quei voti . Hanno il diritto di candidarsi; ma i partiti avrebbero forse dovuto sentire il dovere di non accoglierli. Se no, ha ragione una leader nazionale (badate, persona onesta) che ha detto in un comizio: ”Mi accodo all’appello perché i cittadini non votino i cosiddetti impresentabili, perché alla fine sono loro che fanno la selezione vera”.
No, onorevole Meloni, sono i partiti che dovrebbero farla prima, se no questa storia non finirà mai. O no?
1 Novembre 2017



Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile

10 Luglio 2018- di Giorgio Meletti L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio ...continua
Lo stato è scappato con la cassa

10 Luglio 2018- di Nicola Porro Un nostro lettore, ex finanziere, mi scrive questa bella lettera, che in realtà è un favoloso commento contro la retorica della lotta all’evasione. Che tutti i governi vogliono combattere. Dovrebbe in realtà combattere contro se stessi: sono delle bestie che si alimentano delle nostre risorse, e ne vogliono sempre di più. A loro non basta mai. Ecco i numeri. Lettera di Marco G. ...continua
Savona avverte l'Italia: "Sia pronta al 'cigno nero'"

10 Luglio 2018- l ministro avverte: "Altri potrebbero decidere la nostra uscita dall'euro". E nei prossimi giorni incontrerà Mario Draghi Claudio Cartaldo - Mar, 10/07/2018 - 15:58 commenta "Dobbiamo essere pronti a ogni evento. In Banca d'Italia ho imparato che non ci si deve preparare a gestire la normalità, ma l'arrivo del cigno nero, lo shock". Paolo Savona torna al centro ...continua
PD: tutti contro tutti

9 Luglio 2018- Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi. Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ...continua
Nave irlandese: Sbarcati 106 migranti a Messina . Salvini: “Porti chiusi” con migranti

8 Luglio 2018- La nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è approdata sabato sera nel molo Norimberga del porto di Messina. Ad aspettarla centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all’iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell’accoglienza. Non un’imbarcazione ong, ma un pattugliatore ...continua
Il decreto Dignità è solo una pezza. Per il lavoro serve una modifica strutturale

8 Luglio 2018- di Nicola Sorgi Il decreto Dignità, sbandierato come un “colpo mortale al Jobs Act”, in realtà delude le aspettative proprio sul tema cruciale, quello del precariato. E non perché le misure proposte non siano giuste: il problema è la modalità con cui si è deciso di agire sul mercato del lavoro. Invece di cancellare veramente il Jobs Act, per proporre ...continua
Pd, partito paralizzato: il congresso slitta al 2019. Renzi: “Non vado via”.

8 Luglio 2018- Un partito che non decide e rimane in balia di Matteo Renzi. Il leader che ha perso tutto e che un giorno sì e un altro pure fa sapere che potrebbe anche andarsene. Il Partito democratico esce dall’Assemblea nazionale come ne era entrato: in preda alla confusione. A onor di cronaca un nuovo segretario è stato eletto e si chiama Maurizio Martina. Ovvero lo ...continua
Manca il lavoro o i lavoratori?

8 Luglio 2018- di Alessandro Sallusti La mancanza di lavoro è certamente un dramma di non facile soluzione, soprattutto se il governo - come sta facendo Di Maio - fa di tutto per complicare la vita a chi dovrebbe offrirlo, cioè agli imprenditori grandi e piccoli. Ma non facciamo gli ipocriti: nessuna riforma può creare un nuovo posto di lavoro, al massimo può ostacolarlo o agevolarlo. Il lavoro nasce da un libero ...continua
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita

8 Luglio 2018- L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno ...continua
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno

7 Luglio 2018- La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti «È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Ciuppin
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra