Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Né Slovenia né Croazia: questa terra è italiana
Condividi                       

Rijeka? No, Fiume! Dubrovnik? No, Ragusa! Kobarid? Macché, quella è Caporetto!

Né Slovenia, né Croazia: questa terra è italiana. Lo era, lo è e sempre lo sarà, ma purtroppo al momento è invasa dai discendenti di quell’assassino di Tito.

Secondo un censimento del 2011, solo in Croazia, oggi ci sarebbero 17.000 italiani ed a questi si devono aggiungere circa 5.000 italiani in Slovenia.

Fu in primis la politica anti-italiana dell’imperatore Francesco Giuseppe (1877) che comportò la de-italianizzazione di queste terre, tramite una sistematica “germanizzazione e slavizzazione”: fu così che nel 1918 venne creato il Regno Jugoslavo, in forza del quale le città e le isole dalmate (da sempre italiane) di Spalato, Curzola, Lesina, Traù, Ragusa e Cattaro divennero jugoslave.

Questo fu solo il primo esodo, nei primi anni venti del secolo passato. Un esodo dimenticato poiché surclassato da quello più grande e più recente: l’esodo dall’Istria e da Fiume dopo il secondo conflitto mondiale, con l’arrivo del Maresciallo Tito e la nuova Jugoslavia comunista. In realtà, anche le meno note guerre di secessione delle Repubbliche federative in Jugoslavia del 1991-95 hanno fatto parecchi danni agli italiani rimasti in Istria, Fiume e Dalmazia.

Ogni vero italiano in cuor suo spera che su queste terre possa tornare a sventolare l’agognato tricolore italiano e che quegli sfortunati compatrioti non debbano più essere obbligati a parlare una lingua straniera.

Molti italiani oggi sono riuniti sotto l’ala dell’Associazione Italiani in Croazia che -come ci spiega Giorgio Martinic, Presidente dell’Associazione- «sviluppa e promuove attività etniche e nazionali, culturali e sociali, promuovendo forum pubblici, conferenze, mostre, eventi culturali e manifestazioni, favorendo l’apprendimento della lingua italiana, dei costumi, del patrimonio culturale e dei valori etico-culturali e storici italiani”».

Inoltre, l’associazione si propone di favorire i collegamenti con espatriati di nazionalità e/o cittadinanza italiana, nonché di garantire assistenza legale a tutti gli italiani che si trovino in Croazia.

volo-su-vienna-2«Oggi in Croazia è facile vedere i canali della tv italiana, leggere giornali italiani online, comunicare in lingua italiana attraverso i social: la tecnologia ci permette un sacco di cose che prima ci erano precluse, continua Martinic, ed è stato proprio su Facebook che abbiamo cominciato la nostra attività, per passare poi ad una organizzazione vera e propria, registrata ufficialmente a luglio 2016».

Nell’attesa che un novello D’Annunzio parta da Ronchi alla volta di Fiume, Giorgio Martinic e la sua associazione sono, di fatto, l’ultimo baluardo d’italianità in questa nostra regione, purtroppo ancora sotto il gioco rosso dello straniero.
1 Novembre 2017



Perché il segreto del successo è scegliere i collaboratori giusti

12 Novembre 2017- Ogni volta che diamo inizio a una nuova impresa, di qualsiasi genere essa sia, imbocchiamo una strada piena di insidie. Possiamo prepararci accuratamente, prevedere ogni alternativa, ma non potremo mai evitare di imbatterci in ostacoli imprevisti, nemici inattesi, tradimenti e sconosciuti soccorritori. Per riuscire, per raggiungere la meta, occorrono diverse qualità o ...continua
Grazie al prete che dice la verità ai nostri figli

11 Novembre 2017- di Alessandro Sallusti Don Lorenzo Guidotti è parroco in un quartiere di Bologna e da ieri al centro di un linciaggio politico e mediatico per avere scritto su Facebook parole dure sulla ragazzina che ha raccontato ai carabinieri di essersi svegliata seminuda, ancora ubriaca e derubata dopo essere stata violentata da un immigrato che aveva incontrato poco prima. Quella del parroco ...continua
Cgia Mestre: sprechi e inefficienze della p.a. sfiorano i 29 mld all'anno

1 Novembre 2017- Sfiora i 29 miliardi di euro l'anno la montagna di sprechi e inefficienze della pubblica amministrazione. E' la stima dell'Ufficio studi della Cgia, secondo cui si potrebbero eliminare "distorsioni" nel trasporto pubblico locale, nella sanita', nelle misure economiche a sostegno delle persone meno abbienti e nella quota di spesa pubblica indebita denunciata dalla ...continua
Impresentabili in Sicilia, alle regionali vale una vecchia regola: i voti non puzzano

1 Novembre 2017- di Antonio Roccuzzo Il paradosso è che, tra le centinaia di candidati a uno dei 90 seggi regionali in Sicilia, ci saranno anche molti “impresentabili”, anche se al di sopra di ogni sospetto. Con voti sporchi in tasca e casellario penale lindo. Il problema non è (solo o tanto) penale, ma politico. Molto politico e di costume. Un bravo parlamentare ...continua
G7 Salute tra accordi segreti e falsi proclami. Obiettivo: privatizzare tutto

1 Novembre 2017- di Vittorio Agnoletto Il 5 e 6 novembre si riunirà a Milano il G7 sulla salute. I temi all’ordine del giorno, definiti dalla ministra Lorenzin, saranno: le conseguenze sulla salute dei cambiamenti climatici, la salute della donna e degli adolescenti e la resistenza antimicrobica. Da un tale incontro non uscirà assolutamente nulla se non un semaforo verde ...continua
Attentato New York, polizia: “Terrorista ha seguito le istruzione online dell’Isis"

1 Novembre 2017- Ha seguito in Rete le istruzioni del Califfato su come preparare un attacco terroristico. Da molto tempo stava mettendo a punto ogni dettaglio dell’attentato, eseguito in nome dell’Isis. Nella sua auto sono stati trovati diversi coltelli e degli appunti scritti a mano in arabo in cui era scritto “Lo Stato Islamico durerà per sempre”. A sentire la ...continua
Berlusconi per la Sicilia: fisco, immigrazione, Europa

1 Novembre 2017- Silvio Berlusconi è entrato in sala nel teatro Politeama di Palermo per la campagna in sostegno del candidato Nello Musumeci ed è salito sul palco dove ha salutato la folla. Poco prima del suo arrivo è entrata Francesca Pascale ed è partito l'inno di Forza Italia, poi si è diffuso un silenzio di attesa che è durato qualche minuto. Al cenno di un organizzatore tutta la platea si è ...continua
Gli sprechi veri e quelli finti

1 Novembre 2017- di Vittorio Sgarbi Chissà perché il vitalizio dei parlamentari agita i sonni di Renzi, Richetti e i cinquestellini. E nessuno si agita invece per i quattrocentomila euro all'anno degli oziosi membri della Corte Costituzionale o per le indennità dei «giudici» del Csm e dei magistrati ordinari, che non hanno orari di lavoro e che rispondono soltanto alle loro priorità. Mi sarei aspettato maggior ...continua
Gentiloni vola nei sondaggi e oscura Matteo Renzi

1 Novembre 2017- Matteo Renzi non ce la fa a tornare in auge. Dopo la disfatta del referendum costituzionale, il segretario Pd sembra non riuscire a risalire la china e perde terreno nei confronti di Paolo Gentiloni, messo lì proprio da lui a guida di un "governo fotocopia" che doveva solo concludere la legislatura. Lo rivelano i sondaggi di Ixè commissionati da Rai Radio 1, secondo cui l'attuale ...continua
Berlusconi, Meloni e Salvini di nuovo uniti sul palco

1 Novembre 2017- Le elezioni in Sicilia e l'ennesimo assalto giudiziario al Cav - riuniscono il centrodestra. È ormai infatti praticamente certo che domani Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni tornano insieme sul palco di un comizio a Catania. "Siamo molto contenti della mobilitazione che sta caratterizzando tutto il centrodestra nei giorni di chiusura della campagna elettorale a ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Canederli di speck al burro fuso
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra