Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte:
Avvocato: "Io, 50 anni, costretto dalla mia Cassa a privarmi anche del minimo..."
Condividi                       

Un articolo pubblicato oggi su un portale giuridico ha reso noti gli ultimi dati sugli avvocati in Italia: circa 320 mila, rispetto ai circa 60.000 della Francia, con punte in Campania, Lazio, Sicilia e Lombardia, regioni che contano circa 170000 avvocati. Una popolazione immensa, oltre 6 volte superiore a quella carceraria, che corrisponde ad un avvocato per circa 200 persone.

Persone, non clienti, in quanto il rapporto comprende i bambini ed altre categorie. La statistica, inoltre non tiene conto di decine di migliaia di cancellazioni dagli Alpi, portato di una situazione ormai insostenibile e usata, in buona parte, dalla improvvida inerzia del legislatore.
Una situazione che sembra ormai irreversibile, che fa di una delle più antiche e prestigiose professioni del mondo un lavoro precario e che, addirittura, costringe all´abbandono anche avvocati con 20 e più anni di esperienza, come dimostra il racconto amaro di una lettera, quella che pubblichiamo, che spinge sul banco degli imputati anche Cassa forense.

Buongiorno,
sono un avvocato, ho più di cinquant´anni ed esercito da una ventina d´anni questa onorata e amata professione. Con grande sacrificio dei miei genitori, operaio mio padre e casalinga mia madre, ho studiato con profitto giurisprudenza e ho fatto mille lavori stagionali per arrivare al titolo; grandi sacrifici che poi sono stati premiati quando passai l´esame di procuratore, perché all´epoca c´era ancora la figura del procuratore.

Nei primi tempi ho lavorato presso un grande studio, poi, seguendo la vocazione di ogni libero professionista, ho deciso di mettermi in proprio, perché del resto scegliamo di fare gli avvocati perché vogliamo essere liberi e indipendenti, e non dei "paradipendenti" stipendiati!!!

Non posso negare che in quei primi anni di professione ho lavorato bene, anche se non mi sono certo arricchito. Ho sempre esercitato con onestà e diligenza, rispettando al massimo le regole deontologiche e il vecchio regio decreto, non ho mai approfittato del cliente (anzi!!!), ho sempre rispettato il tariffario e mi sono sempre aggiornato, benché non vi fosse l´obbligo giuridico di collezionare crediti formativi. Non ho mai fatto politica, né mi sono mai tesserato a partiti politici per ottenere incarichi o sperare di ottenerne. Non mi sono mai candidato benché spesso qualcuno me lo abbia pure chiesto.

Nonostante non fatturassi milioni di lire (perché negli anni ´90 c´era ancora la lira), già allora potevo ritenermi professionalmente soddisfatto: lavoravo dignitosamente, mi sono potuto sposare e avere dei figli; grazie a mia moglie, che ha un modestissimo impiego a tempo indeterminato, abbiamo persino potuto contrarre un mutuo, che stiamo tutt´ora pagando. Ero libero e realizzato...

Ma la cosa più importante, potevo sperare in una pensione: mi iscrissi alla cassa, e con grande sacrificio pagavo regolarmente; poi quando i contributi hanno iniziato a essere eccessivi e sproporzionati rispetto al mio reddito che intanto calava causa la congiuntura economica e la penalizzazione di vivere in un´area economicamente depressa, ho dovuto cancellarmi, perché non ce la facevo ad assolvere, iscrivendomi all´INPS.

In questi ultimi anni, il mio lavoro ha subito un ulteriore grave calo. Nonostante ciò, ho continuato e continuo imperterrito a lavorare come ho sempre fatto: poche pratiche, è vero, ma curate con la massima diligenza; pochi incassi, è vero, perché se non è lo Stato che paga in forte ritardo i (miei pochi) gratuiti patrocini, è il cliente che non paga affatto. Malgrado ciò, continuo a pagare il mutuo, il contributo all´ordine, l´assicurazione professionale, l´assicurazione RCA, l´iva, l´irpef e ogni altro obolo che lo Stato mi impone, oltre gli studi dei miei figli all´università e le mie naturali esigenze di vita, perché noi avvocati siamo esseri umani e non robot; quel che mi resta dopo tutto questo? Solo la soddisfazione di fare il lavoro che amo, perché la mia famiglia le ferie a Cortina o a Cervinia, o il viaggio semestrale in qualche esotica località turistica, non lo fa né l´ha mai fatto, e credo mai lo farà.

Ora la cassa mi ha comunicato con PEC l´iscrizione obbligatoria e mi impone di pagare una cifra abnorme, che consuma completamente o quasi il mio modesto reddito annuo. Ho letto l´articolo del Corriere sulle dichiarazioni del presidente di Cassa Forense, e mi sono sentito colpito: io esercito da più di venti anni e il mio reddito negli ultimi anni non è andato oltre una certa cifra... Che fare? Cancellarmi dall´albo? E per fare cosa? Ho più di cinquant´anni. Mi devo cercare un altro lavoro? E quale? Ho sempre fatto l´avvocato, ho sempre difeso i diritti altrui, e vedere che una parte della categoria a cui appartengo, tenta di affossare l´altra, mi dà un immenso disagio. E che dire a mia moglie? Cara, devo cancellarmi perché qualcuno ha deciso che per fare l´avvocato te lo devi economicamente permettere?

E ai miei figli?
Non sono disperato, per carità!!! Sono semplicemente amareggiato e disgustato. Guardo il mio piccolo studio, modesto ma assai dignitoso, le mie pratiche impilate e messe belle in ordine, curando la massima riservatezza per ogni cliente. Guardo la mia laurea appesa alla parete, affianco a una riproduzione di un quadro famoso, acquistato in un mercatino quasi trent´anni fa e penso se ne sia valsa davvero la pena sacrificare così tanto... Avrei potuto fare tanti mestieri, ma soprattutto avrei potuto fare l´impiegato pubblico o il vigile urbano, perché in Italia, a quanto pare, la massima aspirazione per i giovani è fare il dipendente pubblico (e il motivo è comprensibile), ma non l´ho fatto. Contrariamente alle esortazioni di mio padre e mia madre, che mi volevano impiegato comunale, ho scelto io la mia strada e la mia realizzazione professionale, perché qualcuno ci ha insegnato che siamo noi stessi gli artefici del nostro destino e gli autori della nostra realizzazione umana e professionale.

Perché, dunque, ora una norma vuole negarmi questa possibilità di scelta? Con quale diritto distrugge il mio sogno professionale e mi impone una cancellazione basata sul dato reddituale e contributivo? Io potrei essere felice e realizzato anche con poche pratiche, con un reddito minimo, e senza avere il BMW o l´ultimo modello dello smartphone della Apple... Potrei essere realizzato anche senza la segretaria in studio o uno studio legale che prenda l´intero piano di un palazzo da portare a vanto nelle chiacchiere fra colleghi. E del resto, quando non uso i mezzi pubblici, viaggio con un´utilitaria e ho un telefonino vecchio modello che però assolve egregiamente al suo scopo. Mi faccio la cancelleria da me e non ho mai avuto un praticante perché sono sempre stato dell´idea che il praticante debba essere pagato.

Vorrei continuare così... Ma vorrei avere anche una pensione. Ecco, perché non sono contrario a pagare i contributi alla cassa (tanto un istituto previdenziale vale l´altro!!!), ma vorrei che fossero realmente equi e proporzionati alla mia capacità contributiva, e non imposti indipendentemente da essa, costringendomi così, a cinquanta e passa anni, a scegliere se pagare e privarmi anche del minimo per vivere dignitosamente o cancellarmi e ingrossare le file dei disoccupati che popolano i bar e le piazzette della cittadina in cui vivo...
Con ossequi
27 Settembre 2017



Brexit, accordo tra Regno Unito e Ue: per i cittadini Ue i diritti non cambiano

9 Dicembre 2017- Un comignolo da cui sbuca una fumata bianca, proprio come per l'elezione di un Papa. È con questa foto postata su Twitter che Martin Selmayr, capo di gabinetto del presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha annunciato l'accordo tra l'Unione europea e il Regno Unito sulla Brexit. Selmayr, come altri esponenti europei, è stato impegnato ...continua
Su Gerusalemme capitale d'Israele è rottura tra Europa e Usa

9 Dicembre 2017- "Avete aperto le porte dell'Inferno". Hamas aveva reagito così, qualche giorno fa, all'annuncio da parte di Donald Trump per il riconoscimento di Gerusalemme come capitale d'Israele. Quelle porte infernali si sono aperte. E così durante tutta la giornata di oggi si sono registrati scontri nella Striscia di Gaza e a Betlemme. Lancio di sassi e risposte da parte dell'esercito ...continua
Voto in condotta addio. E addio anche alla disciplina

23 Novembre 2017- di Manlio Lilli “Caro professore, la sua nota è ingiusta. Mio figlio ha dato il calcio dopo che il compagno gli aveva detto una parolaccia. Non è la prima volta che mio figlio prende note per colpa di altri. Faccia più attenzione”. Un’affermazione di fantasia in questo caso. Ma che a molti insegnanti è probabile sia capitato di ascoltare, in risposta alla loro notazione ai ...continua
Quarantenni, la generazione incompiuta

23 Novembre 2017- di Erica Vecchione Se penso ai miei genitori e ai loro amici quando avevano l’età che ho io adesso, rivedo uomini e donne molto diversi dalla realtà che mi circonda. Persone con vite ordinarie che viaggiavano su tragitti lastricati e sicuri. In qualche modo le loro vite avevano talmente tante sicurezze da risultare alle volte noiose: lavoro fisso, pensione assicurata, il partito da votare, la ...continua
L'ultimo viaggio del superboss Riina

23 Novembre 2017- L’ultimo viaggio del superboss Totò Riina parte da Palermo, quella città che da capo di Cosa Nostra ha comandato per anni e che dopo il suo arresto il 15 gennaio 1993 non aveva più visto. Questa mattina la salma è arrivata in nave da Napoli, dopo un lungo viaggio iniziato dall’ospeldae Maggiore di Parma. Poi il passaggio a Corleone, il paese natale di Riina e Bagarella di Porvenzano e Liggio, ma ...continua
Amazon, lavoratori di Piacenza in sciopero per il black friday

23 Novembre 2017- I lavoratori del centro Amazon di Piacenza sono sul piede di guerra. Cgil, Cisl, Uil e Ugl hanno indetto uno sciopero per questo venerdì per chiedere un migliore trattamento economico per i 4mila dipendenti. L'agitazione è organizzata nel giorno del black friday, tradizionalmente dedicato agli sconti. Lo scioperò scatterà con il turno di venerdì mattina e terminerà con ...continua
Manovra, la lettera Ue: "Debito è troppo alto"

23 Novembre 2017- Nonostante il finto ottimismo del premier Paolo Gentiloni e del ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, la lettera Ue sui nostri conti è arrivata. Il punto centrale nel messaggio arrivato da Bruxelles resta il debito. La Commissione europea ha infatti sottolineato la "preoccupazione per l’alto livello di debito che persiste in Italia". L’esecutivo comunitario, inoltre, prevede una ...continua
Da Alfano agli sgarbi di Renzi Così l'Italia perde 2 miliardi

23 Novembre 2017- La Spagna che si vendica dello sgarbo di Matteo Renzi, il ministro degli Esteri Angelino Alfano assente. Scarso tatto politico. Più che qualche leggerezza e la sfortuna al gioco del bussolotto, è stata una serie di errori tattici e strategici ad avere provocato la debacle Ema. Tremila posti di lavoro persi, due miliardi di valore economico in fumo per Milano e l'Italia. La ...continua
Perché il segreto del successo è scegliere i collaboratori giusti

12 Novembre 2017- Ogni volta che diamo inizio a una nuova impresa, di qualsiasi genere essa sia, imbocchiamo una strada piena di insidie. Possiamo prepararci accuratamente, prevedere ogni alternativa, ma non potremo mai evitare di imbatterci in ostacoli imprevisti, nemici inattesi, tradimenti e sconosciuti soccorritori. Per riuscire, per raggiungere la meta, occorrono diverse qualità o ...continua
Grazie al prete che dice la verità ai nostri figli

11 Novembre 2017- di Alessandro Sallusti Don Lorenzo Guidotti è parroco in un quartiere di Bologna e da ieri al centro di un linciaggio politico e mediatico per avere scritto su Facebook parole dure sulla ragazzina che ha raccontato ai carabinieri di essersi svegliata seminuda, ancora ubriaca e derubata dopo essere stata violentata da un immigrato che aveva incontrato poco prima. Quella del parroco ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Spiagge
Cucina
Spaghetti cacio e pepe
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra