Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Venezuela, dopo voto Maduro: “Agiremo contro la borghesia parassita”
Condividi                       

Resta altissima la tensione in Venezuela il giorno dopo le elezioni dell’Assemblea Costituente volute dal presidente Nicolàs Maduro. Sono almeno 15 le vittime delle violenze esplose nel Paese, ha riferito il leader dell’opposizione Henrique Capriles, mentre il procuratore di Stato parla di otto morti confermati. “Scene di tumulti” sono state riportate da diverse città. Almeno sette guardie nazionali sono state ferite in un attacco nella capitale Caracas.

Il quotidiano El Nacional riporta la notizia della morte avvenuta a San Cristobal, capita dello Stato di Tachira, di una ragazzina di 15 anni che era rimasta ferita domenica da uno sparo di arma da fuoco al torace. Il quotidiano ha identificato la vittima come Daniela de Jesus Salomon Machado. Secondo il fidanzato, la ragazza non stava partecipando ad alcuna protesta, ma è passata accanto ad un corteo dell’opposizione, proprio mentre un gruppo di chavisti ha iniziato a sparare contro i manifestanti.

La presidente del Consiglio nazionale elettorale (Cne), Tibisay Lucena, ha annunciato che il tasso di partecipazione al voto di domenica è stato del 41,53%. In una conferenza stampa nella sede centrale del Cne a Caracas, Lucena ha detto che poco più di 8 milioni di venezuelani si sono recati alle urne. “Si tratta del voto più importante che la rivoluzione abbia mai avuto in 18 anni di storia”, il commento di Maduro.

In un discorso in Plaza Bolivar, nella capitale, dopo i risultati, il presidente venezuelano ha detto che la Costituente è nata con “grande legittimazione” popolare e ha salutato i membri dell’organismo che nelle prossime ore prenderanno il “comando” del Venezuela con pieni poteri.

“Abbiamo la Costituente, arrivata dalla mano del Paese. I venezuelani questa domenica hanno dato una lezione di coraggio e valore”, ha affermato Maduro, anticipando che se l’opposizione seguirà nella sua “pazzia”, con le sue proteste contro il governo, alcuni dei suoi dirigenti “finiranno in una cella ed altri in un manicomio”, ha detto Maduro annunciando nuove misure contro il Parlamento, la Procura, i leader dell’opposizione e i media privati.

Il leader chavista, in un discorso televisivo, ha ribadito che la Anc prenderà il potere nelle prossime ore e “revocherà l’immunità parlamentare a coloro a cui era stata tolta”, agirà “contro la borghesia parassita” per trovare una soluzione alla crisi economica. Maduro ha criticato inoltro la copertura concesso al voto dai media privati venezuelani accusandoli “di censurare le elezioni” e ha chiesto un’indagine contro il canale Televen per “apologia di reato”. “Siamo in una guerra di comunicazione contro le menzogne della televisione, attenzione”, ha avvertito.

Il presidente del Parlamento, Julio Borges, ha avvertito che si sta andando verso “uno scenario molto probabile di scontro violento” a Caracas, perché l’opposizione non intende cedere le sede del potere legislativo all’Assemblea Costituente, di cui non riconosce la legittimità. “Dobbiamo fare valere un fatto fondamentale, che è che questo Parlamento, eletto da oltre 14 milioni di venezuelani, è l’unica autorità eletta e legittima nel paese. Ci tocca difendere la legge e la Costituzione”, ha detto Borges in un’intervista radiofonica.

La coalizione di opposizione (Mud) controlla 112 seggi nel Parlamento, contro i 52 del chavismo, dalle elezioni politiche di dicembre del 2015, ma il legislativo non possiede nessun potere reale da quando, nel gennaio del 2016, il Tribunale Supremo di Giustizia (Tsg) lo ha dichiarato fuori legge. Il decreto con il quale Maduro ha convocato l’Assemblea Costituente prevede che questo organismo lavori nella sede del Parlamento, e il numero due del chavismo, Diosdado Cabello, ha già annunciato che intende occupare la sede legislativa “per riportare i ritratti di Chavez” che l’opposizione ha tolto un anno e mezzo fa.

Borges ha sottolineato che la situazione è particolarmente pericolosa perché i chavisti “festeggiano ma in realtà hanno paura: sanno che hanno perso l’appoggio popolare, il consenso internazionale e la legittimità”. “L’unica cosa che è rimasta al governo è la forza bruta, e non vi è nulla di più debole, e dunque di più pericoloso, che un governo al quale è rimasta solo la forza bruta”, ha concluso il dirigente oppositore.

Gli Stati Uniti condannano duramente il voto, prospettando “forti e veloci azioni” contro il governo. In una nota la portavoce del Dipartimento di Stato americano, Heather Nauert, afferma che gli Usa si dichiarano “a fianco del popolo del Venezuela e dei loro rappresentanti costituzionali, nella loro volontà di ripristinare una democrazia piena e prospera”.

Quindi, aggiunge la portavoce a nome degli Stati Uniti, “continueremo ad assumere azioni veloci e forti contro gli architetti dell’autoritarismo in Venezuela”. “Le fasulle elezioni di Maduro sono un altro passo verso la dittatura – aveva detto in nottata l’ambasciatore americano all’Onu, Nikki Haley – non accetteremo un governo illegale. Il popolo venezuelano e la democrazia prevarranno”.

Il governo cileno ha definito “illegittime” le elezioni, svoltesi “senza le minime garanzie per un voto universale e democratico” e violando “i requisiti stabiliti dalla stessa Costituzione del paese”. In un breve comunicato, il governo di Michelle Bachelet – pur senza annunciare che non riconoscerà i risultati delle elezioni, come hanno invece fatto Messico, Colombia, Perù e Argentina – ha sottolineato che la Costituente convocata da Nicolas Maduro “solo servirà per approfondire ancora di più la divisione nella società venezuelana”.
31 Luglio 2017



Brexit, accordo tra Regno Unito e Ue: per i cittadini Ue i diritti non cambiano

9 Dicembre 2017- Un comignolo da cui sbuca una fumata bianca, proprio come per l'elezione di un Papa. È con questa foto postata su Twitter che Martin Selmayr, capo di gabinetto del presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha annunciato l'accordo tra l'Unione europea e il Regno Unito sulla Brexit. Selmayr, come altri esponenti europei, è stato impegnato ...continua
Su Gerusalemme capitale d'Israele è rottura tra Europa e Usa

9 Dicembre 2017- "Avete aperto le porte dell'Inferno". Hamas aveva reagito così, qualche giorno fa, all'annuncio da parte di Donald Trump per il riconoscimento di Gerusalemme come capitale d'Israele. Quelle porte infernali si sono aperte. E così durante tutta la giornata di oggi si sono registrati scontri nella Striscia di Gaza e a Betlemme. Lancio di sassi e risposte da parte dell'esercito ...continua
Voto in condotta addio. E addio anche alla disciplina

23 Novembre 2017- di Manlio Lilli “Caro professore, la sua nota è ingiusta. Mio figlio ha dato il calcio dopo che il compagno gli aveva detto una parolaccia. Non è la prima volta che mio figlio prende note per colpa di altri. Faccia più attenzione”. Un’affermazione di fantasia in questo caso. Ma che a molti insegnanti è probabile sia capitato di ascoltare, in risposta alla loro notazione ai ...continua
Quarantenni, la generazione incompiuta

23 Novembre 2017- di Erica Vecchione Se penso ai miei genitori e ai loro amici quando avevano l’età che ho io adesso, rivedo uomini e donne molto diversi dalla realtà che mi circonda. Persone con vite ordinarie che viaggiavano su tragitti lastricati e sicuri. In qualche modo le loro vite avevano talmente tante sicurezze da risultare alle volte noiose: lavoro fisso, pensione assicurata, il partito da votare, la ...continua
L'ultimo viaggio del superboss Riina

23 Novembre 2017- L’ultimo viaggio del superboss Totò Riina parte da Palermo, quella città che da capo di Cosa Nostra ha comandato per anni e che dopo il suo arresto il 15 gennaio 1993 non aveva più visto. Questa mattina la salma è arrivata in nave da Napoli, dopo un lungo viaggio iniziato dall’ospeldae Maggiore di Parma. Poi il passaggio a Corleone, il paese natale di Riina e Bagarella di Porvenzano e Liggio, ma ...continua
Amazon, lavoratori di Piacenza in sciopero per il black friday

23 Novembre 2017- I lavoratori del centro Amazon di Piacenza sono sul piede di guerra. Cgil, Cisl, Uil e Ugl hanno indetto uno sciopero per questo venerdì per chiedere un migliore trattamento economico per i 4mila dipendenti. L'agitazione è organizzata nel giorno del black friday, tradizionalmente dedicato agli sconti. Lo scioperò scatterà con il turno di venerdì mattina e terminerà con ...continua
Manovra, la lettera Ue: "Debito è troppo alto"

23 Novembre 2017- Nonostante il finto ottimismo del premier Paolo Gentiloni e del ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, la lettera Ue sui nostri conti è arrivata. Il punto centrale nel messaggio arrivato da Bruxelles resta il debito. La Commissione europea ha infatti sottolineato la "preoccupazione per l’alto livello di debito che persiste in Italia". L’esecutivo comunitario, inoltre, prevede una ...continua
Da Alfano agli sgarbi di Renzi Così l'Italia perde 2 miliardi

23 Novembre 2017- La Spagna che si vendica dello sgarbo di Matteo Renzi, il ministro degli Esteri Angelino Alfano assente. Scarso tatto politico. Più che qualche leggerezza e la sfortuna al gioco del bussolotto, è stata una serie di errori tattici e strategici ad avere provocato la debacle Ema. Tremila posti di lavoro persi, due miliardi di valore economico in fumo per Milano e l'Italia. La ...continua
Perché il segreto del successo è scegliere i collaboratori giusti

12 Novembre 2017- Ogni volta che diamo inizio a una nuova impresa, di qualsiasi genere essa sia, imbocchiamo una strada piena di insidie. Possiamo prepararci accuratamente, prevedere ogni alternativa, ma non potremo mai evitare di imbatterci in ostacoli imprevisti, nemici inattesi, tradimenti e sconosciuti soccorritori. Per riuscire, per raggiungere la meta, occorrono diverse qualità o ...continua
Grazie al prete che dice la verità ai nostri figli

11 Novembre 2017- di Alessandro Sallusti Don Lorenzo Guidotti è parroco in un quartiere di Bologna e da ieri al centro di un linciaggio politico e mediatico per avere scritto su Facebook parole dure sulla ragazzina che ha raccontato ai carabinieri di essersi svegliata seminuda, ancora ubriaca e derubata dopo essere stata violentata da un immigrato che aveva incontrato poco prima. Quella del parroco ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Sciusceddu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra