Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Venezuela, dopo voto Maduro: “Agiremo contro la borghesia parassita”
Condividi                       

Resta altissima la tensione in Venezuela il giorno dopo le elezioni dell’Assemblea Costituente volute dal presidente Nicolàs Maduro. Sono almeno 15 le vittime delle violenze esplose nel Paese, ha riferito il leader dell’opposizione Henrique Capriles, mentre il procuratore di Stato parla di otto morti confermati. “Scene di tumulti” sono state riportate da diverse città. Almeno sette guardie nazionali sono state ferite in un attacco nella capitale Caracas.

Il quotidiano El Nacional riporta la notizia della morte avvenuta a San Cristobal, capita dello Stato di Tachira, di una ragazzina di 15 anni che era rimasta ferita domenica da uno sparo di arma da fuoco al torace. Il quotidiano ha identificato la vittima come Daniela de Jesus Salomon Machado. Secondo il fidanzato, la ragazza non stava partecipando ad alcuna protesta, ma è passata accanto ad un corteo dell’opposizione, proprio mentre un gruppo di chavisti ha iniziato a sparare contro i manifestanti.

La presidente del Consiglio nazionale elettorale (Cne), Tibisay Lucena, ha annunciato che il tasso di partecipazione al voto di domenica è stato del 41,53%. In una conferenza stampa nella sede centrale del Cne a Caracas, Lucena ha detto che poco più di 8 milioni di venezuelani si sono recati alle urne. “Si tratta del voto più importante che la rivoluzione abbia mai avuto in 18 anni di storia”, il commento di Maduro.

In un discorso in Plaza Bolivar, nella capitale, dopo i risultati, il presidente venezuelano ha detto che la Costituente è nata con “grande legittimazione” popolare e ha salutato i membri dell’organismo che nelle prossime ore prenderanno il “comando” del Venezuela con pieni poteri.

“Abbiamo la Costituente, arrivata dalla mano del Paese. I venezuelani questa domenica hanno dato una lezione di coraggio e valore”, ha affermato Maduro, anticipando che se l’opposizione seguirà nella sua “pazzia”, con le sue proteste contro il governo, alcuni dei suoi dirigenti “finiranno in una cella ed altri in un manicomio”, ha detto Maduro annunciando nuove misure contro il Parlamento, la Procura, i leader dell’opposizione e i media privati.

Il leader chavista, in un discorso televisivo, ha ribadito che la Anc prenderà il potere nelle prossime ore e “revocherà l’immunità parlamentare a coloro a cui era stata tolta”, agirà “contro la borghesia parassita” per trovare una soluzione alla crisi economica. Maduro ha criticato inoltro la copertura concesso al voto dai media privati venezuelani accusandoli “di censurare le elezioni” e ha chiesto un’indagine contro il canale Televen per “apologia di reato”. “Siamo in una guerra di comunicazione contro le menzogne della televisione, attenzione”, ha avvertito.

Il presidente del Parlamento, Julio Borges, ha avvertito che si sta andando verso “uno scenario molto probabile di scontro violento” a Caracas, perché l’opposizione non intende cedere le sede del potere legislativo all’Assemblea Costituente, di cui non riconosce la legittimità. “Dobbiamo fare valere un fatto fondamentale, che è che questo Parlamento, eletto da oltre 14 milioni di venezuelani, è l’unica autorità eletta e legittima nel paese. Ci tocca difendere la legge e la Costituzione”, ha detto Borges in un’intervista radiofonica.

La coalizione di opposizione (Mud) controlla 112 seggi nel Parlamento, contro i 52 del chavismo, dalle elezioni politiche di dicembre del 2015, ma il legislativo non possiede nessun potere reale da quando, nel gennaio del 2016, il Tribunale Supremo di Giustizia (Tsg) lo ha dichiarato fuori legge. Il decreto con il quale Maduro ha convocato l’Assemblea Costituente prevede che questo organismo lavori nella sede del Parlamento, e il numero due del chavismo, Diosdado Cabello, ha già annunciato che intende occupare la sede legislativa “per riportare i ritratti di Chavez” che l’opposizione ha tolto un anno e mezzo fa.

Borges ha sottolineato che la situazione è particolarmente pericolosa perché i chavisti “festeggiano ma in realtà hanno paura: sanno che hanno perso l’appoggio popolare, il consenso internazionale e la legittimità”. “L’unica cosa che è rimasta al governo è la forza bruta, e non vi è nulla di più debole, e dunque di più pericoloso, che un governo al quale è rimasta solo la forza bruta”, ha concluso il dirigente oppositore.

Gli Stati Uniti condannano duramente il voto, prospettando “forti e veloci azioni” contro il governo. In una nota la portavoce del Dipartimento di Stato americano, Heather Nauert, afferma che gli Usa si dichiarano “a fianco del popolo del Venezuela e dei loro rappresentanti costituzionali, nella loro volontà di ripristinare una democrazia piena e prospera”.

Quindi, aggiunge la portavoce a nome degli Stati Uniti, “continueremo ad assumere azioni veloci e forti contro gli architetti dell’autoritarismo in Venezuela”. “Le fasulle elezioni di Maduro sono un altro passo verso la dittatura – aveva detto in nottata l’ambasciatore americano all’Onu, Nikki Haley – non accetteremo un governo illegale. Il popolo venezuelano e la democrazia prevarranno”.

Il governo cileno ha definito “illegittime” le elezioni, svoltesi “senza le minime garanzie per un voto universale e democratico” e violando “i requisiti stabiliti dalla stessa Costituzione del paese”. In un breve comunicato, il governo di Michelle Bachelet – pur senza annunciare che non riconoscerà i risultati delle elezioni, come hanno invece fatto Messico, Colombia, Perù e Argentina – ha sottolineato che la Costituente convocata da Nicolas Maduro “solo servirà per approfondire ancora di più la divisione nella società venezuelana”.
31 Luglio 2017



Feltri: "Siamo pieni di coglioni, ma ci mancano le palle"

2 Agosto 2017- Luigi Bisignani ha scritto un mirabile articolo per dare dei bischeri ai nostri governanti, che anziché deplorare se stessi perché perdono colpi nei confronti della Francia (e non parliamo della Germania), se la prendono con Macron, più bravo di loro a fare gli interessi del proprio Paese. Ne consiglio la lettura. Noi poveri tapini cedemmo Parmalat ai maneggioni di Parigi, ...continua
Migranti ai Castelli Romani, blocco stradale e bomba carta

31 Luglio 2017- Caos migranti nei pressi dei Castelli Romani: a Rocca di Papa sono presenti circa 400 richiedenti asilo. Tra questi, alcuni hanno protestato la scorsa settimana occupando la via dei Laghi, creando disagi al traffico veicolare. E il centro d'accoglienza "Mondo Migliore", così, è finito sotto la lente di alcuni esponenti di Fratelli d'Italia, che stamane hanno dato vita ad una ...continua
Brexit cambia le regole: da marzo 2019 no a libera circolazione

31 Luglio 2017- Il passo indietro arriva da Londra e riguarda l'immigraziano. Cambiano le regole per chi da cittadino dell'Unione Europea vuole entrare e restare nel Regno Unito, con la cancellazione della libera circolazione a partire dal marzo del 2019. "Non sarà necessario", aveva detto la scorsa settimana il ministro delle Finanze, Philip Hammond. Ma è il portavoce dell'ufficio del ...continua
Istat, a giugno la disoccupazione scende all'11,1 per cento

31 Luglio 2017- Il tasso di disoccupazione a giugno scende all'11,1%, in calo di 0,2 punti percentuali rispetto a maggio. Lo rileva l'Istat, spiegando che dopo l'incremento rilevato a maggio, la stima delle persone in cerca di occupazione diminuisce del 2% (-57 mila), tornando su un livello prossimo a quello di aprile. Per quanto riguarda la disoccupazione giovanile, a giugno torna a ...continua
Oltre 12 milioni di italiani rinviano le cure per soldi

31 Luglio 2017- Più di 12 milioni di italiani non si curano per risparmiare denaro. È l'inquietante scenario tracciato dal Censis nel suo settimo rapporto sulla sanità pubblica, intermediata e privata. Rispetto al 2015, ben 1,2 milioni di italiani in più hanno deciso di non ricorrere a determinate prestazioni sanitarie per ragioni economiche. Inoltre, il Censis ha rivelato un aumento in ...continua
Giudice contro il Csm: "Sistema giudiziario improntato su carrierismo sfrenato"

31 Luglio 2017- Il duro sfogo di Andrea Mirenda che ha deciso di rinunciare a fare il Presidente di sezione a Verona Un sistema giudiziario "improntato oramai ad un carrierismo sfrenato, arbitrario e lottizzatorio, che premia i sodali, asserve i magistrati alle correnti, umilia la stragrande maggioranza degli esclusi e minaccia l´indipendenza dei magistrati con la lusinga ...continua
“Lei è un corpo estraneo alla democrazia"

27 Luglio 2017- LETTERA APERTA ALLA SIGNORA LAURA BOLDRINI da parte del Prof. Augusto Sinagra, docente ordinario di diritto delle comunità europeee alla Sapienza di Roma. Gentile Signora, in occasione delle onoranze ai Caduti della RSI al Campo X del Cimitero Monumentale Musocco di Milano il suo antifascismo ha palesato una delle sue punte più acute. Le racconto una cosa: quando nel 1925 a seguito della ...continua
Addio "Lega Nord", Salvini vuole la "Lega dei popoli"

26 Luglio 2017- Matteo Salvini ci riprova. Il leader del Carroccio torna alla carica e tenta - un'altra volta - di cancellare la parola "Nord" dal nome della Lega. Coerentemente con la svolta nazionalista, il segretario federale sta pensando a ribattezzare il partito che prese nel 2013 da Roberto Maroni come nuova "Lega dei popoli". L'indiscrezione, che da tempo gira fra gli altri ranghi del ...continua
Parigi, il vertice Sarraj-Haftar: ok per cessate il fuoco e voto

26 Luglio 2017- I due principali protagonisti della crisi in Libia, il presidente del Consiglio presidenziale di Tripoli Fayez Serraj e il comandante dell'Esercito nazionale libico Khalifa Haftar, si sono incontrati oggi nel castello di La Celle Saint Cloud, alle porte di Parigi, in un colloquio fortemente voluto dal presidente francese Emmanuel Macron. E dal vertice è emerso un primo ...continua
Dal Marocco parte una nuova “Primavera araba”?

23 Luglio 2017- Dopo sei anni forse è cominciata una nuova “Primavera araba”. Ma questa volta l’epicentro della rivolta è il Marocco, quello che sembrava il più stabile fra i Paesi arabi ed era stato appena sfiorato dalle rivoluzione che nel 2011 avevano spazzato via uno dopo l’altro i raiss del Nordafrica. Il punto di crisi è Al-Hoceima, il capoluogo del Rif, la regione più a nord del Marocco. È ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Spiagge
Cucina
Canederli di speck al burro fuso
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra