Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Venezuela, dopo voto Maduro: “Agiremo contro la borghesia parassita”
Condividi                       

Resta altissima la tensione in Venezuela il giorno dopo le elezioni dell’Assemblea Costituente volute dal presidente Nicolàs Maduro. Sono almeno 15 le vittime delle violenze esplose nel Paese, ha riferito il leader dell’opposizione Henrique Capriles, mentre il procuratore di Stato parla di otto morti confermati. “Scene di tumulti” sono state riportate da diverse città. Almeno sette guardie nazionali sono state ferite in un attacco nella capitale Caracas.

Il quotidiano El Nacional riporta la notizia della morte avvenuta a San Cristobal, capita dello Stato di Tachira, di una ragazzina di 15 anni che era rimasta ferita domenica da uno sparo di arma da fuoco al torace. Il quotidiano ha identificato la vittima come Daniela de Jesus Salomon Machado. Secondo il fidanzato, la ragazza non stava partecipando ad alcuna protesta, ma è passata accanto ad un corteo dell’opposizione, proprio mentre un gruppo di chavisti ha iniziato a sparare contro i manifestanti.

La presidente del Consiglio nazionale elettorale (Cne), Tibisay Lucena, ha annunciato che il tasso di partecipazione al voto di domenica è stato del 41,53%. In una conferenza stampa nella sede centrale del Cne a Caracas, Lucena ha detto che poco più di 8 milioni di venezuelani si sono recati alle urne. “Si tratta del voto più importante che la rivoluzione abbia mai avuto in 18 anni di storia”, il commento di Maduro.

In un discorso in Plaza Bolivar, nella capitale, dopo i risultati, il presidente venezuelano ha detto che la Costituente è nata con “grande legittimazione” popolare e ha salutato i membri dell’organismo che nelle prossime ore prenderanno il “comando” del Venezuela con pieni poteri.

“Abbiamo la Costituente, arrivata dalla mano del Paese. I venezuelani questa domenica hanno dato una lezione di coraggio e valore”, ha affermato Maduro, anticipando che se l’opposizione seguirà nella sua “pazzia”, con le sue proteste contro il governo, alcuni dei suoi dirigenti “finiranno in una cella ed altri in un manicomio”, ha detto Maduro annunciando nuove misure contro il Parlamento, la Procura, i leader dell’opposizione e i media privati.

Il leader chavista, in un discorso televisivo, ha ribadito che la Anc prenderà il potere nelle prossime ore e “revocherà l’immunità parlamentare a coloro a cui era stata tolta”, agirà “contro la borghesia parassita” per trovare una soluzione alla crisi economica. Maduro ha criticato inoltro la copertura concesso al voto dai media privati venezuelani accusandoli “di censurare le elezioni” e ha chiesto un’indagine contro il canale Televen per “apologia di reato”. “Siamo in una guerra di comunicazione contro le menzogne della televisione, attenzione”, ha avvertito.

Il presidente del Parlamento, Julio Borges, ha avvertito che si sta andando verso “uno scenario molto probabile di scontro violento” a Caracas, perché l’opposizione non intende cedere le sede del potere legislativo all’Assemblea Costituente, di cui non riconosce la legittimità. “Dobbiamo fare valere un fatto fondamentale, che è che questo Parlamento, eletto da oltre 14 milioni di venezuelani, è l’unica autorità eletta e legittima nel paese. Ci tocca difendere la legge e la Costituzione”, ha detto Borges in un’intervista radiofonica.

La coalizione di opposizione (Mud) controlla 112 seggi nel Parlamento, contro i 52 del chavismo, dalle elezioni politiche di dicembre del 2015, ma il legislativo non possiede nessun potere reale da quando, nel gennaio del 2016, il Tribunale Supremo di Giustizia (Tsg) lo ha dichiarato fuori legge. Il decreto con il quale Maduro ha convocato l’Assemblea Costituente prevede che questo organismo lavori nella sede del Parlamento, e il numero due del chavismo, Diosdado Cabello, ha già annunciato che intende occupare la sede legislativa “per riportare i ritratti di Chavez” che l’opposizione ha tolto un anno e mezzo fa.

Borges ha sottolineato che la situazione è particolarmente pericolosa perché i chavisti “festeggiano ma in realtà hanno paura: sanno che hanno perso l’appoggio popolare, il consenso internazionale e la legittimità”. “L’unica cosa che è rimasta al governo è la forza bruta, e non vi è nulla di più debole, e dunque di più pericoloso, che un governo al quale è rimasta solo la forza bruta”, ha concluso il dirigente oppositore.

Gli Stati Uniti condannano duramente il voto, prospettando “forti e veloci azioni” contro il governo. In una nota la portavoce del Dipartimento di Stato americano, Heather Nauert, afferma che gli Usa si dichiarano “a fianco del popolo del Venezuela e dei loro rappresentanti costituzionali, nella loro volontà di ripristinare una democrazia piena e prospera”.

Quindi, aggiunge la portavoce a nome degli Stati Uniti, “continueremo ad assumere azioni veloci e forti contro gli architetti dell’autoritarismo in Venezuela”. “Le fasulle elezioni di Maduro sono un altro passo verso la dittatura – aveva detto in nottata l’ambasciatore americano all’Onu, Nikki Haley – non accetteremo un governo illegale. Il popolo venezuelano e la democrazia prevarranno”.

Il governo cileno ha definito “illegittime” le elezioni, svoltesi “senza le minime garanzie per un voto universale e democratico” e violando “i requisiti stabiliti dalla stessa Costituzione del paese”. In un breve comunicato, il governo di Michelle Bachelet – pur senza annunciare che non riconoscerà i risultati delle elezioni, come hanno invece fatto Messico, Colombia, Perù e Argentina – ha sottolineato che la Costituente convocata da Nicolas Maduro “solo servirà per approfondire ancora di più la divisione nella società venezuelana”.
31 Luglio 2017



Sei anni per scrivere la sentenza. Il Csm: «Niente di male»

13 Ottobre 2017- «Ma di cosa stiamo parlando? Il giudice Neri fa il presidente di sezione? Ma se non ha neppure le qualità per fare il magistrato. Questo è un caso clamoroso!». Non ha usato mezzi termini il primo presidente della Corte di Cassazione Giovanni Canzio per stigmatizzare la decisione di questa settimana del Consiglio superiore della magistratura di riesaminare la valutazione di ...continua
Roberto Saviano: “La fiducia sul Rosatellum-bis è un agguato alla democrazia”

13 Ottobre 2017- Il Bacio feroce ha il sapore del sangue, come quasi tutto in questa storia di cuccioli selvaggi, vittime e carnefici negli stessi corpi, divisi tra i compiti a casa, i messaggi alle fidanzatine e gli omicidi. Undici mesi dopo La paranza dei bambini, Roberto Saviano torna in libreria con il seguito del romanzo criminale ambientato a Forcella. È la prima ...continua
Alternanza scuola-lavoro, il dissenso di una generazione che la politica non capisce

13 Ottobre 2017- di Gianluigi Paragone Uova e striscioni. Proteste e cori. Certo, c’è stato anche questo nella contestazione contro la logica neoliberista dello scuola/lavoro, laboratorio di un modello dove lo sfruttamento avviene per minime dosi fino all’assuefazione, un po’ come la rana nella pentola bollente. Ovviamente chi ha lavorato in questi ultimi decenni ...continua
Matteo Renzi e Romano Prodi a confronto su sfiducia, economia e politica

13 Ottobre 2017- di Giancarlo Bertocco* I media hanno dato molto risalto alla recente pubblicazione del libro di Matteo Renzi (Avanti. Perché l’Italia non si ferma, Feltrinelli). Meno attenzione ha suscitato la contemporanea uscita del libro di Romano Prodi (Il Piano Inclinato, Crescita senza Uguaglianza). Le due opere hanno, evidentemente, caratteristiche differenti. Renzi si ...continua
E Renzi confidò: Berlusconi centrale

13 Ottobre 2017- Qualcuno lo indica come uno dei grandi ispiratori del Rosatellum. Addirittura c'è chi insinua che si sia ritagliato nella legge un collegio estero per tornare in Parlamento. Ma lui, Denis Verdini, si schermisce, mentre la legge supera agevolmente l'esame della Camera. «Non dite che è la mia legge, altrimenti al Senato non passa», ridacchia mentre passeggia a piazza delle Coppelle, a metà strada tra ...continua
L’Austria si prepara a virare a destra alle prossime elezioni

13 Ottobre 2017- Mancano pochi giorni alle elezioni legislative in Austria e lo scenario che ormai appare più probabile è quello di una riedizione dell’alleanza tra i conservatori dell’Övp e gli ultranazionalisti dell’Fpö. Secondo gli ultimi sondaggi, infatti, a meno di una settimana dal voto il Partito Popolare (Övp), guidato dal giovane capo della diplomazia di Vienna, Sebastian Kurz è ...continua
Avvocato: "Io, 50 anni, costretto dalla mia Cassa a privarmi anche del minimo..."

27 Settembre 2017- Un articolo pubblicato oggi su un portale giuridico ha reso noti gli ultimi dati sugli avvocati in Italia: circa 320 mila, rispetto ai circa 60.000 della Francia, con punte in Campania, Lazio, Sicilia e Lombardia, regioni che contano circa 170000 avvocati. Una popolazione immensa, oltre 6 volte superiore a quella carceraria, che corrisponde ad un avvocato ...continua
Se ne vanno giovani e laureati: la nostra vita di genitori nell’Italia dei figli lontani

27 Settembre 2017- Li chiamano cervelli in fuga, talenti, ma spesso sono soltanto dei giovani laureati o studenti che preferiscono tentare la loro fortuna e la loro carriera nel mercato globale, fuori dai confini. Nel 2015, ultimo dato disponibile certificato dall’Istat, sono stati 23 mila, con un aumento del 15 per cento rispetto all’anno prima. E sono dati per ...continua
Io figlia di nessuno

26 Settembre 2017- Mi piacerebbe scrivere circa la candidatura di Genovese J. nella speranza che venga pubblicata. Mi sento di doverlo fare per tante motivazioni tra cui la più importante è che mi sento profondamente insultata. Ho 31 anni e sono figlia di due normali cittadini, un pensionato e una casalinga, che hanno fatto i salti mortali per consentirmi prima di prendere prima una laurea e dopo un Dottorato di Ricerca. Mi sento ...continua
Feltri: "Siamo pieni di coglioni, ma ci mancano le palle"

2 Agosto 2017- Luigi Bisignani ha scritto un mirabile articolo per dare dei bischeri ai nostri governanti, che anziché deplorare se stessi perché perdono colpi nei confronti della Francia (e non parliamo della Germania), se la prendono con Macron, più bravo di loro a fare gli interessi del proprio Paese. Ne consiglio la lettura. Noi poveri tapini cedemmo Parmalat ai maneggioni di Parigi, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Varie di Marina Repetto
Cucina
Pipi chini 'i risu e prosciuttu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra