Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Migranti ai Castelli Romani, blocco stradale e bomba carta
Condividi                       

Caos migranti nei pressi dei Castelli Romani: a Rocca di Papa sono presenti circa 400 richiedenti asilo.

Tra questi, alcuni hanno protestato la scorsa settimana occupando la via dei Laghi, creando disagi al traffico veicolare. E il centro d'accoglienza "Mondo Migliore", così, è finito sotto la lente di alcuni esponenti di Fratelli d'Italia, che stamane hanno dato vita ad una raccolta firme per chiederne la chiusura. La protesta plateale dei migranti, del resto, aveva impedito per qualche ora il normale transito delle autovetture.

La zona, da quel che si può intuire, interessa i lavoratori che dai Castelli si dirigono a Roma per recarsi al posto di lavoro. Disagi, insomma, che qualcuno vorrebbe far terminare. E da quanto ci dicono gli esponenti di Fdi sul posto, sono molti i residenti preoccupati per la situazione venutasi a creare in queste settimane.

"480 immigrati di cui solo 100 minori ospiti di questa struttura. – ha dichiarato Federica Nobilio coordinatrice per il Lazio del Comitato Terra Nostra Italiani con Giorgia Meloni - Una situazione – ha aggiunto Nobilio - ancora una volta ingestibile dove le tensioni tra etnie e religioni diverse sono all'ordine del giorno. L'invasione deve essere fermata e per questo stamattina abbiamo raccolto le firme per chiedere la chiusura immediata di questo centro." Un altro fattore, dunque, sarebbe la differente appartenenza religiosa tra i migranti presenti nel comune dei Castelli, che arriverebbe a creare delle tensioni tra di loro. L'occupazione della strada avvenuta nella mattina del 25 luglio, peraltro, non sarebbe la prima: "E' già successo durante la scorsa settimana, prima di notte e poi di giorno".

Alla protesta avvenuta bloccando la strada, poi, è seguito un increscioso episodio: una bomba carta è esplosa dopo essere stata lanciata contro il muro di cinta dell’edificio che ospita gli immigrati. Occupazioni stradali, un'esplosione e una richiesta di chiusura, quindi, condiscono un quadro complessivo problematico, che potrebbe non migliorare nel breve termine.

"Vogliamo il rimpatrio dei migranti che hanno creato problemi per la viabilità sulla Via dei Laghi. Non è ammissibile che gli occupanti del centro possano arrogarsi il diritto di intralciare la viabilità per residenti e pendolari, impedendo loro di andare a lavorare, per far valere le ragioni della loro incomprensibile e pretestuosa protesta. Ebbene protesteremo anche noi ma per chiedere la chiusura di questo centro di accoglienza e l'immediato rimpatrio degli indesiderati ospiti", ha aggiunto Giancarlo Righini, consigliere regionale del Lazio di Fdi.

Ai Castelli Romani, insomma, c'è chi spera che una delle strade che collegano la zona a Roma non venga più bloccata dai migranti. Nel frattempo si indaga sulla bomba carta. Voci non confermate, infine, chiarirebbero il motivo dell'occupazione stradale: i migranti avrebbero voluto segnalare delle discriminazioni relative allo status di rifugiato. Discrepanze che deriverebbero dalle diverse nazioni di provenienza dei presenti nel centro d'accoglienza.
31 Luglio 2017



Brexit, accordo tra Regno Unito e Ue: per i cittadini Ue i diritti non cambiano

9 Dicembre 2017- Un comignolo da cui sbuca una fumata bianca, proprio come per l'elezione di un Papa. È con questa foto postata su Twitter che Martin Selmayr, capo di gabinetto del presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha annunciato l'accordo tra l'Unione europea e il Regno Unito sulla Brexit. Selmayr, come altri esponenti europei, è stato impegnato ...continua
Su Gerusalemme capitale d'Israele è rottura tra Europa e Usa

9 Dicembre 2017- "Avete aperto le porte dell'Inferno". Hamas aveva reagito così, qualche giorno fa, all'annuncio da parte di Donald Trump per il riconoscimento di Gerusalemme come capitale d'Israele. Quelle porte infernali si sono aperte. E così durante tutta la giornata di oggi si sono registrati scontri nella Striscia di Gaza e a Betlemme. Lancio di sassi e risposte da parte dell'esercito ...continua
Voto in condotta addio. E addio anche alla disciplina

23 Novembre 2017- di Manlio Lilli “Caro professore, la sua nota è ingiusta. Mio figlio ha dato il calcio dopo che il compagno gli aveva detto una parolaccia. Non è la prima volta che mio figlio prende note per colpa di altri. Faccia più attenzione”. Un’affermazione di fantasia in questo caso. Ma che a molti insegnanti è probabile sia capitato di ascoltare, in risposta alla loro notazione ai ...continua
Quarantenni, la generazione incompiuta

23 Novembre 2017- di Erica Vecchione Se penso ai miei genitori e ai loro amici quando avevano l’età che ho io adesso, rivedo uomini e donne molto diversi dalla realtà che mi circonda. Persone con vite ordinarie che viaggiavano su tragitti lastricati e sicuri. In qualche modo le loro vite avevano talmente tante sicurezze da risultare alle volte noiose: lavoro fisso, pensione assicurata, il partito da votare, la ...continua
L'ultimo viaggio del superboss Riina

23 Novembre 2017- L’ultimo viaggio del superboss Totò Riina parte da Palermo, quella città che da capo di Cosa Nostra ha comandato per anni e che dopo il suo arresto il 15 gennaio 1993 non aveva più visto. Questa mattina la salma è arrivata in nave da Napoli, dopo un lungo viaggio iniziato dall’ospeldae Maggiore di Parma. Poi il passaggio a Corleone, il paese natale di Riina e Bagarella di Porvenzano e Liggio, ma ...continua
Amazon, lavoratori di Piacenza in sciopero per il black friday

23 Novembre 2017- I lavoratori del centro Amazon di Piacenza sono sul piede di guerra. Cgil, Cisl, Uil e Ugl hanno indetto uno sciopero per questo venerdì per chiedere un migliore trattamento economico per i 4mila dipendenti. L'agitazione è organizzata nel giorno del black friday, tradizionalmente dedicato agli sconti. Lo scioperò scatterà con il turno di venerdì mattina e terminerà con ...continua
Manovra, la lettera Ue: "Debito è troppo alto"

23 Novembre 2017- Nonostante il finto ottimismo del premier Paolo Gentiloni e del ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, la lettera Ue sui nostri conti è arrivata. Il punto centrale nel messaggio arrivato da Bruxelles resta il debito. La Commissione europea ha infatti sottolineato la "preoccupazione per l’alto livello di debito che persiste in Italia". L’esecutivo comunitario, inoltre, prevede una ...continua
Da Alfano agli sgarbi di Renzi Così l'Italia perde 2 miliardi

23 Novembre 2017- La Spagna che si vendica dello sgarbo di Matteo Renzi, il ministro degli Esteri Angelino Alfano assente. Scarso tatto politico. Più che qualche leggerezza e la sfortuna al gioco del bussolotto, è stata una serie di errori tattici e strategici ad avere provocato la debacle Ema. Tremila posti di lavoro persi, due miliardi di valore economico in fumo per Milano e l'Italia. La ...continua
Perché il segreto del successo è scegliere i collaboratori giusti

12 Novembre 2017- Ogni volta che diamo inizio a una nuova impresa, di qualsiasi genere essa sia, imbocchiamo una strada piena di insidie. Possiamo prepararci accuratamente, prevedere ogni alternativa, ma non potremo mai evitare di imbatterci in ostacoli imprevisti, nemici inattesi, tradimenti e sconosciuti soccorritori. Per riuscire, per raggiungere la meta, occorrono diverse qualità o ...continua
Grazie al prete che dice la verità ai nostri figli

11 Novembre 2017- di Alessandro Sallusti Don Lorenzo Guidotti è parroco in un quartiere di Bologna e da ieri al centro di un linciaggio politico e mediatico per avere scritto su Facebook parole dure sulla ragazzina che ha raccontato ai carabinieri di essersi svegliata seminuda, ancora ubriaca e derubata dopo essere stata violentata da un immigrato che aveva incontrato poco prima. Quella del parroco ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Cascate
Cucina
Agnello coi piselli
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra