Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Dal Marocco parte una nuova “Primavera araba”?
Condividi                       

Dopo sei anni forse è cominciata una nuova “Primavera araba”. Ma questa volta l’epicentro della rivolta è il Marocco, quello che sembrava il più stabile fra i Paesi arabi ed era stato appena sfiorato dalle rivoluzione che nel 2011 avevano spazzato via uno dopo l’altro i raiss del Nordafrica.

Il punto di crisi è Al-Hoceima, il capoluogo del Rif, la regione più a nord del Marocco. È regione montuosa, delimitata dalla catena che le dà il nome e dove abita la popolazione di origine berbera. Le manifestazioni si susseguono giorno dopo giorno, sempre più tese, e i lanci di lacrimogeni non bastano più a disperdere i manifestanti in marcia contro il governo.

I disordini sono cominciati ad Al-Hoceima nello scorso ottobre, quando il giovane pescivendolo Mohcine Fikri è stato arrestato, picchiato dalla polizie, ed è morto schiacciato in un camion di rifiuti, mentre cercava di recuperare i pescespada confiscati dagli agenti, perché catturati fuori stagione. Un episodio che ricorda quello del venditore ambulante che si diede fuoco nel dicembre del 2010 in Tunisia, innescando la rivoluzione dei gelsomini.

Le manifestazioni in ricordo di Mohcine Fikri si sono trasformate in proteste di massa contro l’”Hogra”, una parola locale che significa “abuso di potere”, “arroganza di chi comanda”. A capo della rivolta sono i membri del movimento al-Hirak al-Shaabi, che chiedono la fine della “repressione” del governo e gli abusi della polizia.

Il governo ha sottovalutato all’inizio la portata delle proteste e ora fatica e riprendere il controllo della situazione. Lo stesso re Mohammed VI ha criticato i suoi ministri, soprattutto per i mancati investimenti, pure decisi e finanziati, ma divorati dalla corruzione. Il Rif resta la più povera delle regioni marocchine, e i berberi si sentono trascurati, emarginati dalla maggioranza araba che ha tutto il potere.

Ma le proteste stanno mobilitando i giovani di tutto il Paese, anche arabi. Ali, un ricercatore di scienze politiche di al-Hoceima che vive in Canada, ha dichiarato ad Al-Jazeera di essere tornato in città per mostrare il suo sostegno al movimento Hirak. La polizia ha arrestato in questi giorni circa 12 attivisti, tra cui il capo di un sito web, Hamid El Mahdaoui.

La maggior parte dei negozi della città durante le manifestazioni è rimasta chiusa, e sia internet che i cellulari sono stati inutilizzabili. Nel quartiere di Sidi Abed, negli scontri con la polizia i dimostranti hanno cantato “Lunga vita al Rif” e “Lunga vita a Zefzafi”, in riferimento al leader della rivolta, Hirak Nasser Zefzafi, messo in prigione perché accusato di “attentato alla sicurezza dello stato”. L’arresto di Zefzafi, insieme a 150 suoi colleghi attivisti, ha portato alla marcia di solidarietà di giugno scorso a Rabat, con più di 100.000 manifestanti, e a scontri in tutto il Paese.

Nonostante ciò le posizioni del primo ministro Saadeddine El-Othmani sono concilianti. E anche il re Muhammad VI ha espresso “dispiacere e preoccupazione” per la situazione. Il sovrano nonostante le rivolte è ancora popolare tra i manifestanti. A differenza di suo padre, Hassan II, che schiacciò una rivolta negli anni 50, represse la cultura berbera e chiamò i suoi esponenti “selvaggi”, Muhammad invece riconosce le tradizioni berbere e ha in progetto di trasformare il Rif e la zona attorno a Tangeri, di fronte alle coste della Spagna, e dell’Europa, in un centro economico importante per la manifattura e il commercio.

I dimostranti però continuano a richiedere indagini sulla morte di Mohcine Fikri, il venditore di pesce, la liberazione dei prigionieri politici, la costruzione di università, ospedali e biblioteche nel Rif, meno corruzione e meno inefficienza da parte del governo. Anche se la povertà in Marocco è diminuita, la disoccupazione è vicina all’11%, anche più alta nelle zone interne.
23 Luglio 2017



Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile

10 Luglio 2018- di Giorgio Meletti L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio ...continua
Lo stato è scappato con la cassa

10 Luglio 2018- di Nicola Porro Un nostro lettore, ex finanziere, mi scrive questa bella lettera, che in realtà è un favoloso commento contro la retorica della lotta all’evasione. Che tutti i governi vogliono combattere. Dovrebbe in realtà combattere contro se stessi: sono delle bestie che si alimentano delle nostre risorse, e ne vogliono sempre di più. A loro non basta mai. Ecco i numeri. Lettera di Marco G. ...continua
Savona avverte l'Italia: "Sia pronta al 'cigno nero'"

10 Luglio 2018- l ministro avverte: "Altri potrebbero decidere la nostra uscita dall'euro". E nei prossimi giorni incontrerà Mario Draghi Claudio Cartaldo - Mar, 10/07/2018 - 15:58 commenta "Dobbiamo essere pronti a ogni evento. In Banca d'Italia ho imparato che non ci si deve preparare a gestire la normalità, ma l'arrivo del cigno nero, lo shock". Paolo Savona torna al centro ...continua
PD: tutti contro tutti

9 Luglio 2018- Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi. Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ...continua
Nave irlandese: Sbarcati 106 migranti a Messina . Salvini: “Porti chiusi” con migranti

8 Luglio 2018- La nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è approdata sabato sera nel molo Norimberga del porto di Messina. Ad aspettarla centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all’iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell’accoglienza. Non un’imbarcazione ong, ma un pattugliatore ...continua
Il decreto Dignità è solo una pezza. Per il lavoro serve una modifica strutturale

8 Luglio 2018- di Nicola Sorgi Il decreto Dignità, sbandierato come un “colpo mortale al Jobs Act”, in realtà delude le aspettative proprio sul tema cruciale, quello del precariato. E non perché le misure proposte non siano giuste: il problema è la modalità con cui si è deciso di agire sul mercato del lavoro. Invece di cancellare veramente il Jobs Act, per proporre ...continua
Pd, partito paralizzato: il congresso slitta al 2019. Renzi: “Non vado via”.

8 Luglio 2018- Un partito che non decide e rimane in balia di Matteo Renzi. Il leader che ha perso tutto e che un giorno sì e un altro pure fa sapere che potrebbe anche andarsene. Il Partito democratico esce dall’Assemblea nazionale come ne era entrato: in preda alla confusione. A onor di cronaca un nuovo segretario è stato eletto e si chiama Maurizio Martina. Ovvero lo ...continua
Manca il lavoro o i lavoratori?

8 Luglio 2018- di Alessandro Sallusti La mancanza di lavoro è certamente un dramma di non facile soluzione, soprattutto se il governo - come sta facendo Di Maio - fa di tutto per complicare la vita a chi dovrebbe offrirlo, cioè agli imprenditori grandi e piccoli. Ma non facciamo gli ipocriti: nessuna riforma può creare un nuovo posto di lavoro, al massimo può ostacolarlo o agevolarlo. Il lavoro nasce da un libero ...continua
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita

8 Luglio 2018- L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno ...continua
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno

7 Luglio 2018- La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti «È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Trippa e mulinciani
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra