Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Dal Marocco parte una nuova “Primavera araba”?
Condividi                       

Dopo sei anni forse è cominciata una nuova “Primavera araba”. Ma questa volta l’epicentro della rivolta è il Marocco, quello che sembrava il più stabile fra i Paesi arabi ed era stato appena sfiorato dalle rivoluzione che nel 2011 avevano spazzato via uno dopo l’altro i raiss del Nordafrica.

Il punto di crisi è Al-Hoceima, il capoluogo del Rif, la regione più a nord del Marocco. È regione montuosa, delimitata dalla catena che le dà il nome e dove abita la popolazione di origine berbera. Le manifestazioni si susseguono giorno dopo giorno, sempre più tese, e i lanci di lacrimogeni non bastano più a disperdere i manifestanti in marcia contro il governo.

I disordini sono cominciati ad Al-Hoceima nello scorso ottobre, quando il giovane pescivendolo Mohcine Fikri è stato arrestato, picchiato dalla polizie, ed è morto schiacciato in un camion di rifiuti, mentre cercava di recuperare i pescespada confiscati dagli agenti, perché catturati fuori stagione. Un episodio che ricorda quello del venditore ambulante che si diede fuoco nel dicembre del 2010 in Tunisia, innescando la rivoluzione dei gelsomini.

Le manifestazioni in ricordo di Mohcine Fikri si sono trasformate in proteste di massa contro l’”Hogra”, una parola locale che significa “abuso di potere”, “arroganza di chi comanda”. A capo della rivolta sono i membri del movimento al-Hirak al-Shaabi, che chiedono la fine della “repressione” del governo e gli abusi della polizia.

Il governo ha sottovalutato all’inizio la portata delle proteste e ora fatica e riprendere il controllo della situazione. Lo stesso re Mohammed VI ha criticato i suoi ministri, soprattutto per i mancati investimenti, pure decisi e finanziati, ma divorati dalla corruzione. Il Rif resta la più povera delle regioni marocchine, e i berberi si sentono trascurati, emarginati dalla maggioranza araba che ha tutto il potere.

Ma le proteste stanno mobilitando i giovani di tutto il Paese, anche arabi. Ali, un ricercatore di scienze politiche di al-Hoceima che vive in Canada, ha dichiarato ad Al-Jazeera di essere tornato in città per mostrare il suo sostegno al movimento Hirak. La polizia ha arrestato in questi giorni circa 12 attivisti, tra cui il capo di un sito web, Hamid El Mahdaoui.

La maggior parte dei negozi della città durante le manifestazioni è rimasta chiusa, e sia internet che i cellulari sono stati inutilizzabili. Nel quartiere di Sidi Abed, negli scontri con la polizia i dimostranti hanno cantato “Lunga vita al Rif” e “Lunga vita a Zefzafi”, in riferimento al leader della rivolta, Hirak Nasser Zefzafi, messo in prigione perché accusato di “attentato alla sicurezza dello stato”. L’arresto di Zefzafi, insieme a 150 suoi colleghi attivisti, ha portato alla marcia di solidarietà di giugno scorso a Rabat, con più di 100.000 manifestanti, e a scontri in tutto il Paese.

Nonostante ciò le posizioni del primo ministro Saadeddine El-Othmani sono concilianti. E anche il re Muhammad VI ha espresso “dispiacere e preoccupazione” per la situazione. Il sovrano nonostante le rivolte è ancora popolare tra i manifestanti. A differenza di suo padre, Hassan II, che schiacciò una rivolta negli anni 50, represse la cultura berbera e chiamò i suoi esponenti “selvaggi”, Muhammad invece riconosce le tradizioni berbere e ha in progetto di trasformare il Rif e la zona attorno a Tangeri, di fronte alle coste della Spagna, e dell’Europa, in un centro economico importante per la manifattura e il commercio.

I dimostranti però continuano a richiedere indagini sulla morte di Mohcine Fikri, il venditore di pesce, la liberazione dei prigionieri politici, la costruzione di università, ospedali e biblioteche nel Rif, meno corruzione e meno inefficienza da parte del governo. Anche se la povertà in Marocco è diminuita, la disoccupazione è vicina all’11%, anche più alta nelle zone interne.
23 Luglio 2017



Sei anni per scrivere la sentenza. Il Csm: «Niente di male»

13 Ottobre 2017- «Ma di cosa stiamo parlando? Il giudice Neri fa il presidente di sezione? Ma se non ha neppure le qualità per fare il magistrato. Questo è un caso clamoroso!». Non ha usato mezzi termini il primo presidente della Corte di Cassazione Giovanni Canzio per stigmatizzare la decisione di questa settimana del Consiglio superiore della magistratura di riesaminare la valutazione di ...continua
Roberto Saviano: “La fiducia sul Rosatellum-bis è un agguato alla democrazia”

13 Ottobre 2017- Il Bacio feroce ha il sapore del sangue, come quasi tutto in questa storia di cuccioli selvaggi, vittime e carnefici negli stessi corpi, divisi tra i compiti a casa, i messaggi alle fidanzatine e gli omicidi. Undici mesi dopo La paranza dei bambini, Roberto Saviano torna in libreria con il seguito del romanzo criminale ambientato a Forcella. È la prima ...continua
Alternanza scuola-lavoro, il dissenso di una generazione che la politica non capisce

13 Ottobre 2017- di Gianluigi Paragone Uova e striscioni. Proteste e cori. Certo, c’è stato anche questo nella contestazione contro la logica neoliberista dello scuola/lavoro, laboratorio di un modello dove lo sfruttamento avviene per minime dosi fino all’assuefazione, un po’ come la rana nella pentola bollente. Ovviamente chi ha lavorato in questi ultimi decenni ...continua
Matteo Renzi e Romano Prodi a confronto su sfiducia, economia e politica

13 Ottobre 2017- di Giancarlo Bertocco* I media hanno dato molto risalto alla recente pubblicazione del libro di Matteo Renzi (Avanti. Perché l’Italia non si ferma, Feltrinelli). Meno attenzione ha suscitato la contemporanea uscita del libro di Romano Prodi (Il Piano Inclinato, Crescita senza Uguaglianza). Le due opere hanno, evidentemente, caratteristiche differenti. Renzi si ...continua
E Renzi confidò: Berlusconi centrale

13 Ottobre 2017- Qualcuno lo indica come uno dei grandi ispiratori del Rosatellum. Addirittura c'è chi insinua che si sia ritagliato nella legge un collegio estero per tornare in Parlamento. Ma lui, Denis Verdini, si schermisce, mentre la legge supera agevolmente l'esame della Camera. «Non dite che è la mia legge, altrimenti al Senato non passa», ridacchia mentre passeggia a piazza delle Coppelle, a metà strada tra ...continua
L’Austria si prepara a virare a destra alle prossime elezioni

13 Ottobre 2017- Mancano pochi giorni alle elezioni legislative in Austria e lo scenario che ormai appare più probabile è quello di una riedizione dell’alleanza tra i conservatori dell’Övp e gli ultranazionalisti dell’Fpö. Secondo gli ultimi sondaggi, infatti, a meno di una settimana dal voto il Partito Popolare (Övp), guidato dal giovane capo della diplomazia di Vienna, Sebastian Kurz è ...continua
Avvocato: "Io, 50 anni, costretto dalla mia Cassa a privarmi anche del minimo..."

27 Settembre 2017- Un articolo pubblicato oggi su un portale giuridico ha reso noti gli ultimi dati sugli avvocati in Italia: circa 320 mila, rispetto ai circa 60.000 della Francia, con punte in Campania, Lazio, Sicilia e Lombardia, regioni che contano circa 170000 avvocati. Una popolazione immensa, oltre 6 volte superiore a quella carceraria, che corrisponde ad un avvocato ...continua
Se ne vanno giovani e laureati: la nostra vita di genitori nell’Italia dei figli lontani

27 Settembre 2017- Li chiamano cervelli in fuga, talenti, ma spesso sono soltanto dei giovani laureati o studenti che preferiscono tentare la loro fortuna e la loro carriera nel mercato globale, fuori dai confini. Nel 2015, ultimo dato disponibile certificato dall’Istat, sono stati 23 mila, con un aumento del 15 per cento rispetto all’anno prima. E sono dati per ...continua
Io figlia di nessuno

26 Settembre 2017- Mi piacerebbe scrivere circa la candidatura di Genovese J. nella speranza che venga pubblicata. Mi sento di doverlo fare per tante motivazioni tra cui la più importante è che mi sento profondamente insultata. Ho 31 anni e sono figlia di due normali cittadini, un pensionato e una casalinga, che hanno fatto i salti mortali per consentirmi prima di prendere prima una laurea e dopo un Dottorato di Ricerca. Mi sento ...continua
Feltri: "Siamo pieni di coglioni, ma ci mancano le palle"

2 Agosto 2017- Luigi Bisignani ha scritto un mirabile articolo per dare dei bischeri ai nostri governanti, che anziché deplorare se stessi perché perdono colpi nei confronti della Francia (e non parliamo della Germania), se la prendono con Macron, più bravo di loro a fare gli interessi del proprio Paese. Ne consiglio la lettura. Noi poveri tapini cedemmo Parmalat ai maneggioni di Parigi, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Sciusceddu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra