Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Dal Marocco parte una nuova “Primavera araba”?
Condividi                       

Dopo sei anni forse è cominciata una nuova “Primavera araba”. Ma questa volta l’epicentro della rivolta è il Marocco, quello che sembrava il più stabile fra i Paesi arabi ed era stato appena sfiorato dalle rivoluzione che nel 2011 avevano spazzato via uno dopo l’altro i raiss del Nordafrica.

Il punto di crisi è Al-Hoceima, il capoluogo del Rif, la regione più a nord del Marocco. È regione montuosa, delimitata dalla catena che le dà il nome e dove abita la popolazione di origine berbera. Le manifestazioni si susseguono giorno dopo giorno, sempre più tese, e i lanci di lacrimogeni non bastano più a disperdere i manifestanti in marcia contro il governo.

I disordini sono cominciati ad Al-Hoceima nello scorso ottobre, quando il giovane pescivendolo Mohcine Fikri è stato arrestato, picchiato dalla polizie, ed è morto schiacciato in un camion di rifiuti, mentre cercava di recuperare i pescespada confiscati dagli agenti, perché catturati fuori stagione. Un episodio che ricorda quello del venditore ambulante che si diede fuoco nel dicembre del 2010 in Tunisia, innescando la rivoluzione dei gelsomini.

Le manifestazioni in ricordo di Mohcine Fikri si sono trasformate in proteste di massa contro l’”Hogra”, una parola locale che significa “abuso di potere”, “arroganza di chi comanda”. A capo della rivolta sono i membri del movimento al-Hirak al-Shaabi, che chiedono la fine della “repressione” del governo e gli abusi della polizia.

Il governo ha sottovalutato all’inizio la portata delle proteste e ora fatica e riprendere il controllo della situazione. Lo stesso re Mohammed VI ha criticato i suoi ministri, soprattutto per i mancati investimenti, pure decisi e finanziati, ma divorati dalla corruzione. Il Rif resta la più povera delle regioni marocchine, e i berberi si sentono trascurati, emarginati dalla maggioranza araba che ha tutto il potere.

Ma le proteste stanno mobilitando i giovani di tutto il Paese, anche arabi. Ali, un ricercatore di scienze politiche di al-Hoceima che vive in Canada, ha dichiarato ad Al-Jazeera di essere tornato in città per mostrare il suo sostegno al movimento Hirak. La polizia ha arrestato in questi giorni circa 12 attivisti, tra cui il capo di un sito web, Hamid El Mahdaoui.

La maggior parte dei negozi della città durante le manifestazioni è rimasta chiusa, e sia internet che i cellulari sono stati inutilizzabili. Nel quartiere di Sidi Abed, negli scontri con la polizia i dimostranti hanno cantato “Lunga vita al Rif” e “Lunga vita a Zefzafi”, in riferimento al leader della rivolta, Hirak Nasser Zefzafi, messo in prigione perché accusato di “attentato alla sicurezza dello stato”. L’arresto di Zefzafi, insieme a 150 suoi colleghi attivisti, ha portato alla marcia di solidarietà di giugno scorso a Rabat, con più di 100.000 manifestanti, e a scontri in tutto il Paese.

Nonostante ciò le posizioni del primo ministro Saadeddine El-Othmani sono concilianti. E anche il re Muhammad VI ha espresso “dispiacere e preoccupazione” per la situazione. Il sovrano nonostante le rivolte è ancora popolare tra i manifestanti. A differenza di suo padre, Hassan II, che schiacciò una rivolta negli anni 50, represse la cultura berbera e chiamò i suoi esponenti “selvaggi”, Muhammad invece riconosce le tradizioni berbere e ha in progetto di trasformare il Rif e la zona attorno a Tangeri, di fronte alle coste della Spagna, e dell’Europa, in un centro economico importante per la manifattura e il commercio.

I dimostranti però continuano a richiedere indagini sulla morte di Mohcine Fikri, il venditore di pesce, la liberazione dei prigionieri politici, la costruzione di università, ospedali e biblioteche nel Rif, meno corruzione e meno inefficienza da parte del governo. Anche se la povertà in Marocco è diminuita, la disoccupazione è vicina all’11%, anche più alta nelle zone interne.
23 Luglio 2017



Brexit, accordo tra Regno Unito e Ue: per i cittadini Ue i diritti non cambiano

9 Dicembre 2017- Un comignolo da cui sbuca una fumata bianca, proprio come per l'elezione di un Papa. È con questa foto postata su Twitter che Martin Selmayr, capo di gabinetto del presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha annunciato l'accordo tra l'Unione europea e il Regno Unito sulla Brexit. Selmayr, come altri esponenti europei, è stato impegnato ...continua
Su Gerusalemme capitale d'Israele è rottura tra Europa e Usa

9 Dicembre 2017- "Avete aperto le porte dell'Inferno". Hamas aveva reagito così, qualche giorno fa, all'annuncio da parte di Donald Trump per il riconoscimento di Gerusalemme come capitale d'Israele. Quelle porte infernali si sono aperte. E così durante tutta la giornata di oggi si sono registrati scontri nella Striscia di Gaza e a Betlemme. Lancio di sassi e risposte da parte dell'esercito ...continua
Voto in condotta addio. E addio anche alla disciplina

23 Novembre 2017- di Manlio Lilli “Caro professore, la sua nota è ingiusta. Mio figlio ha dato il calcio dopo che il compagno gli aveva detto una parolaccia. Non è la prima volta che mio figlio prende note per colpa di altri. Faccia più attenzione”. Un’affermazione di fantasia in questo caso. Ma che a molti insegnanti è probabile sia capitato di ascoltare, in risposta alla loro notazione ai ...continua
Quarantenni, la generazione incompiuta

23 Novembre 2017- di Erica Vecchione Se penso ai miei genitori e ai loro amici quando avevano l’età che ho io adesso, rivedo uomini e donne molto diversi dalla realtà che mi circonda. Persone con vite ordinarie che viaggiavano su tragitti lastricati e sicuri. In qualche modo le loro vite avevano talmente tante sicurezze da risultare alle volte noiose: lavoro fisso, pensione assicurata, il partito da votare, la ...continua
L'ultimo viaggio del superboss Riina

23 Novembre 2017- L’ultimo viaggio del superboss Totò Riina parte da Palermo, quella città che da capo di Cosa Nostra ha comandato per anni e che dopo il suo arresto il 15 gennaio 1993 non aveva più visto. Questa mattina la salma è arrivata in nave da Napoli, dopo un lungo viaggio iniziato dall’ospeldae Maggiore di Parma. Poi il passaggio a Corleone, il paese natale di Riina e Bagarella di Porvenzano e Liggio, ma ...continua
Amazon, lavoratori di Piacenza in sciopero per il black friday

23 Novembre 2017- I lavoratori del centro Amazon di Piacenza sono sul piede di guerra. Cgil, Cisl, Uil e Ugl hanno indetto uno sciopero per questo venerdì per chiedere un migliore trattamento economico per i 4mila dipendenti. L'agitazione è organizzata nel giorno del black friday, tradizionalmente dedicato agli sconti. Lo scioperò scatterà con il turno di venerdì mattina e terminerà con ...continua
Manovra, la lettera Ue: "Debito è troppo alto"

23 Novembre 2017- Nonostante il finto ottimismo del premier Paolo Gentiloni e del ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, la lettera Ue sui nostri conti è arrivata. Il punto centrale nel messaggio arrivato da Bruxelles resta il debito. La Commissione europea ha infatti sottolineato la "preoccupazione per l’alto livello di debito che persiste in Italia". L’esecutivo comunitario, inoltre, prevede una ...continua
Da Alfano agli sgarbi di Renzi Così l'Italia perde 2 miliardi

23 Novembre 2017- La Spagna che si vendica dello sgarbo di Matteo Renzi, il ministro degli Esteri Angelino Alfano assente. Scarso tatto politico. Più che qualche leggerezza e la sfortuna al gioco del bussolotto, è stata una serie di errori tattici e strategici ad avere provocato la debacle Ema. Tremila posti di lavoro persi, due miliardi di valore economico in fumo per Milano e l'Italia. La ...continua
Perché il segreto del successo è scegliere i collaboratori giusti

12 Novembre 2017- Ogni volta che diamo inizio a una nuova impresa, di qualsiasi genere essa sia, imbocchiamo una strada piena di insidie. Possiamo prepararci accuratamente, prevedere ogni alternativa, ma non potremo mai evitare di imbatterci in ostacoli imprevisti, nemici inattesi, tradimenti e sconosciuti soccorritori. Per riuscire, per raggiungere la meta, occorrono diverse qualità o ...continua
Grazie al prete che dice la verità ai nostri figli

11 Novembre 2017- di Alessandro Sallusti Don Lorenzo Guidotti è parroco in un quartiere di Bologna e da ieri al centro di un linciaggio politico e mediatico per avere scritto su Facebook parole dure sulla ragazzina che ha raccontato ai carabinieri di essersi svegliata seminuda, ancora ubriaca e derubata dopo essere stata violentata da un immigrato che aveva incontrato poco prima. Quella del parroco ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Spiagge
Cucina
Cannola 'a missinisa
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra