Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Crisi e lavoro, avete ancora voglia di fare figli?
Condividi                       

Finalmente ce l’hanno fatta: la classe media, in Italia, non c’è più. Morta. Sterminata.Sepolta.Kaputt.

Quella che era stata vanto e conquista della ripresa economica del dopoguerra, che ci aveva fatto assegnare, nel 60, addirittura un Oscar alla migliore moneta del Continente, che aveva salvato l’Italia dalle molte tentazioni golpiste degli anni 70. In una parola, la neonata piccola borghesia urbana ha cessato definitivamente di esistere.

Pensare che era “uno dei miracoli economici del continente europeo“, come lo definì il Daily Mail, riferendosi alla nostra economia del boom. Invece, l’ultimo rapporto annuale Istat ha suonato le sue campane a morto: ad avere cessato di esistere è la piccola borghesia, quella che del boom era stata il motore e la benzina al medesimo tempo. Nel 1964, il reddito nazionale netto era aumentato circa del 50% rispetto agli anni precedenti.

Il futuro appariva radioso, per sé e per i molti figli che si mettevano al mondo. La speranza era un’automobile (nel ’64 arrivarono a circolarne 5 milioni), una tv, ma per i propri eredi anche una laurea ed un lavoro migliore di quello dei propri genitori, una condizione irrefrenabilmente sempre più benestante.

La doccia fredda del rapporto annuale dell’Istituto di statistica non lascia scampo. Per la gioia di liberisti e turbocapitalisti, il salto sociale non esiste più. Chi fa il barbiere, avrà un figlio barbiere, chi avvocato, avvocato, chi miliardario, miliardario. Classi rigide che manco le caste indiane. E non basta certo la sporadica eccezione di qualche genio inventore di app per cambiare le cose. Oggi l’Italia è finalmente un paese di macroscopiche diseguaglianze economiche proprio come gli Usa (che bel modello) e sarà molto difficile che un figlio possa ambire a guadagnare più del proprio padre o della propria madre.

Grazie alle ultime sagaci riforme del mercato del lavoro, sono scomparse le professioni intermedie, aumentati i lavori non qualificati. Il lavoro precario ha ucciso le competenze. È aumentata soprattutto la ricchezza macroscopica di pochissimi e la povertà insopportabile di moltissimi: abbiamo un milione e 600mila famiglie in povertà assoluta, il 28,7% a rischio di povertà o di esclusione sociale.

La vergogna per questo stato di cose dovrebbe essere un peso costante sulla coscienza della nostra classe dirigente (“classe digerente” secondo il geniale, immortale Raffaele La Capria) e invece i più tra loro si compiacciono del disastro sociale cui contribuiscono, sentendosi tutti grandi liberisti alla Milton Friedman. Il paradosso dell’Italia del 2017 è che oggi – a parte quell’1% che possiede il 25% della ricchezza nazionale – i privilegiati sono i pensionati. I loro assegni contribuiscono al 20% della disuguaglianza sociale (nel 2008, all’inizio del governo Berlusconi III, la percentuale era al 12%).

Inutile ricordarci allora che i non più giovani non se ne vanno di casa fino a 35 anni. Se oltre otto milioni e mezzo di persone vivono ancora con mamma e papà, qualche domanda a livello politico bisognerebbe porsela. Ma naturalmente per i privilegiati, al contrario, va sempre meglio. La sincronicità gioca brutti scherzi e negli stessi minuti in cui l’Istat decretava il De Profundis per la nostra società, ecco guizzare sui siti il faccione festante di Marchionne. E ti credo.

La collega Vittoria Puledda ha calcolato che il numero uno di Fca entro la fine del 2017 potrebbe aggiudicarsi la prima parte di un bonus obiettivi ammontante a circa due milioni 800mila euro, l’equivalente dello stipendio annuale di mille e cento operai della sua azienda. Non è l’unico, naturalmente, ma di quelli vicino a noi senz’altro il caso più eclatante.

Avete ancora voglia di fare figli? Se siete Marchionne probabilmente sì, ma se siete un italiano medio sicuramente no. Non meraviglia allora la crisi della natalità che quest’anno ha raggiunto un nuovo record: un dato che non si registrava dalla metà del 500, quando c’era la peste, non esistevano i vaccini ma la popolazione era un quinto rispetto a quella odierna. La diseguaglianza – per dirla insieme alla Boldrini – non è più allora solo un problema etico (e sarebbe già drammatico). È anche un problema economico.

Perché se si continuerà a concentrare la ricchezza nelle poche, solite mani, chi consumerà più?
19 Maggio 2017



Istat, scomparsi borghesia e operai: ecco le nuove classi sociali

17 Maggio 2017- Addio alla piccola borghesia e alla classe operaia: la nuova società italiana di oggi è suddivisa in 9 gruppi sociali, i più corposi sono le famiglie di impiegati e gli operai in pensione. La nuova classificazione è stata fatta dall'Istat nel Rapporto Annuale 2017, che ha preso in esame la situazione professionale, la cittadinanza, il titolo di studio, il numero di ...continua
Nordcorea lancia nuovo missile La Nato: "Minaccia per la pace"

15 Maggio 2017- L’ultimo test missilistico effettuato dalla Corea del Nord è una "minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale". È l’allarme lanciato da un portavoce dell’Unione europea. "Questo e i precedenti test costituiscono una minaccia per la pace e la sicurezza internazionale e aggravano ulteriormente le tensioni nella regione, in un momento in cui sarebbe invece necessaria ...continua
Migranti, l'Ue accusa l'Italia: "Colpa di Roma se non si fa redistribuzione"

15 Maggio 2017- L'accusa è scritta nero su bianco in una relazione del Parlamento Europeo redatto dagli esperti di Bruxelles. Tecnici che hanno messo sotto analisi il piano di redistribuzione dei migranti firmato in pompa magna dai capi di Stato dell'Ue. Che qualcosa non abbia funzionato era noto a tutti. Ma i politici si erano rinfacciati la responsabilità, dando la colpa ...continua
Primarie, Salvini vince con l'82%. Bossi: "Con lui, la Lega è finita"

15 Maggio 2017- Matteo Salvini centra l'obiettivo dell'80%. Con l'82,7% dei voti mette ko lo sfidante Gianni Fava. Ma le primarie della Lega Nord non riescano a zittire i mal di pancia. Anche se il governatore della Lombardia Roberto Maroni invita ora a lavorare tutti uniti per il nuovo segretario, a guidare la fronda è Umberto Bossi. "Se ora Salvini porta la Lega al Sud, il ...continua
L’Italia è stata colpita dagli hacker ma la Polizia postale esclude gravi danni

15 Maggio 2017- L’Italia non esce immune dall’attacco informatico planetario attraverso i virus WCry, WannaCry e WanaCrypt0r, in corso da venerdì anche nel nostro Paese, ma dai primi accertamenti non sono emersi gravi danni alle «infrastrutture critiche informatizzate» della Nazione. È quanto emerso - fa sapere la Polizia postale - dalle verifiche svolte dal Centro ...continua
Macron: “L’Europa e il mondo hanno bisogno di una Francia forte”

15 Maggio 2017- Il neopresidente francese Emmanuel Macron è stato accolto all’Eliseo dal suo predecessore, François Hollande, per la cerimonia di insediamento. Stretta di mano e poi un colloquio sui principali procedimenti in corso, su eventuali trattative per la liberazione di ostaggi, sulla negoziazione dei contratti strategici e la preparazione di grandi eventi internazionali. Alla ...continua
Renzi fuori controllo attacca De Bortoli in stile Cinque stelle

14 Maggio 2017- Un giorno per smaltire la botta, uno per la ricaduta in depressione. Il terzo, la riscossa tramite bravi. Al quarto giorno, Ei si levò. Dev'essere ormai approdato ben oltre la crisi di nervi, il Matteo Renzi caduto da cavallo e ferito nell'onore (della Boschi). Facile comprenderne un paio di motivazioni, almeno. Comunque lo si ponga, l'affaire bancario dell'Etruria ...continua
Sesso, soldi e potere. Roma nel “Mondo di mezzo”

6 Maggio 2017- Non più capitale ma “mondo di mezzo”, dove tutto si rimescola: affari, criminalità e politica. Il regista Massimo Scaglione, partendo dagli anni Settanta, rievoca così nel suo ultimo film l’epoca d’oro dei palazzinari a Roma, e, attraverso una trama complessa, arriva a trattare persino l’influenza dello Ior negli affari capitolini. Quello che viene raccontato è un Campidoglio teatro di ...continua
Così (purtroppo) è ridotta l'Italia

6 Maggio 2017- Eccola, la foto. Roma, Piazza Indipendenza, se vai un po' più avanti e svolti a sinistra vedi partire i treni. Un marciapiede, la coda di un motorino parcheggiato da chissà quanto, pezzi di vita sparsi a terra, all'angolo una coperta che cade su un sacco sopravvissuto alla notte, rifiuti sparsi lungo la strada, due bottiglie di birra, una in piedi l'altra sicuramente vuota che ha smesso di girare, il ...continua
Mattarella: “Il Parlamento approvi con urgenza la riforma sulla legge elettorale”

26 Aprile 2017- Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha incontrato oggi al Quirinale il Presidente del Senato, Pietro Grasso, e la Presidente della Camera, Laura Boldrini. Il Capo dello Stato ha sottolineato, si legge in una nota, l’esigenza che il Parlamento provveda sollecitamente al compimento di due importanti adempimenti istituzionali: la nuova ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Arrosto alle castagne
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra