Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Crisi e lavoro, avete ancora voglia di fare figli?
Condividi                       

Finalmente ce l’hanno fatta: la classe media, in Italia, non c’è più. Morta. Sterminata.Sepolta.Kaputt.

Quella che era stata vanto e conquista della ripresa economica del dopoguerra, che ci aveva fatto assegnare, nel 60, addirittura un Oscar alla migliore moneta del Continente, che aveva salvato l’Italia dalle molte tentazioni golpiste degli anni 70. In una parola, la neonata piccola borghesia urbana ha cessato definitivamente di esistere.

Pensare che era “uno dei miracoli economici del continente europeo“, come lo definì il Daily Mail, riferendosi alla nostra economia del boom. Invece, l’ultimo rapporto annuale Istat ha suonato le sue campane a morto: ad avere cessato di esistere è la piccola borghesia, quella che del boom era stata il motore e la benzina al medesimo tempo. Nel 1964, il reddito nazionale netto era aumentato circa del 50% rispetto agli anni precedenti.

Il futuro appariva radioso, per sé e per i molti figli che si mettevano al mondo. La speranza era un’automobile (nel ’64 arrivarono a circolarne 5 milioni), una tv, ma per i propri eredi anche una laurea ed un lavoro migliore di quello dei propri genitori, una condizione irrefrenabilmente sempre più benestante.

La doccia fredda del rapporto annuale dell’Istituto di statistica non lascia scampo. Per la gioia di liberisti e turbocapitalisti, il salto sociale non esiste più. Chi fa il barbiere, avrà un figlio barbiere, chi avvocato, avvocato, chi miliardario, miliardario. Classi rigide che manco le caste indiane. E non basta certo la sporadica eccezione di qualche genio inventore di app per cambiare le cose. Oggi l’Italia è finalmente un paese di macroscopiche diseguaglianze economiche proprio come gli Usa (che bel modello) e sarà molto difficile che un figlio possa ambire a guadagnare più del proprio padre o della propria madre.

Grazie alle ultime sagaci riforme del mercato del lavoro, sono scomparse le professioni intermedie, aumentati i lavori non qualificati. Il lavoro precario ha ucciso le competenze. È aumentata soprattutto la ricchezza macroscopica di pochissimi e la povertà insopportabile di moltissimi: abbiamo un milione e 600mila famiglie in povertà assoluta, il 28,7% a rischio di povertà o di esclusione sociale.

La vergogna per questo stato di cose dovrebbe essere un peso costante sulla coscienza della nostra classe dirigente (“classe digerente” secondo il geniale, immortale Raffaele La Capria) e invece i più tra loro si compiacciono del disastro sociale cui contribuiscono, sentendosi tutti grandi liberisti alla Milton Friedman. Il paradosso dell’Italia del 2017 è che oggi – a parte quell’1% che possiede il 25% della ricchezza nazionale – i privilegiati sono i pensionati. I loro assegni contribuiscono al 20% della disuguaglianza sociale (nel 2008, all’inizio del governo Berlusconi III, la percentuale era al 12%).

Inutile ricordarci allora che i non più giovani non se ne vanno di casa fino a 35 anni. Se oltre otto milioni e mezzo di persone vivono ancora con mamma e papà, qualche domanda a livello politico bisognerebbe porsela. Ma naturalmente per i privilegiati, al contrario, va sempre meglio. La sincronicità gioca brutti scherzi e negli stessi minuti in cui l’Istat decretava il De Profundis per la nostra società, ecco guizzare sui siti il faccione festante di Marchionne. E ti credo.

La collega Vittoria Puledda ha calcolato che il numero uno di Fca entro la fine del 2017 potrebbe aggiudicarsi la prima parte di un bonus obiettivi ammontante a circa due milioni 800mila euro, l’equivalente dello stipendio annuale di mille e cento operai della sua azienda. Non è l’unico, naturalmente, ma di quelli vicino a noi senz’altro il caso più eclatante.

Avete ancora voglia di fare figli? Se siete Marchionne probabilmente sì, ma se siete un italiano medio sicuramente no. Non meraviglia allora la crisi della natalità che quest’anno ha raggiunto un nuovo record: un dato che non si registrava dalla metà del 500, quando c’era la peste, non esistevano i vaccini ma la popolazione era un quinto rispetto a quella odierna. La diseguaglianza – per dirla insieme alla Boldrini – non è più allora solo un problema etico (e sarebbe già drammatico). È anche un problema economico.

Perché se si continuerà a concentrare la ricchezza nelle poche, solite mani, chi consumerà più?
19 Maggio 2017



Merkel a Conte: “Collaboriamo con l’Italia. Rafforzare le frontiere esterne”

19 Giugno 2018- Dopo la Francia, sul fronte migranti Conte incassa anche l’appoggio della Germania: la priorità numero uno è potenziare Frontex, tutelare le frontiere esterne e collaborare con l’Italia. Anche allestendo centri di prima identificazione nei Paesi africani tra cui la Libia. Angela Merkel lo dice davanti ai giornalisti, nel corso di una breve conferenza stampa ...continua
Casamonica avvertono Salvini: "Cacciarci? Con noi riga dritto"

19 Giugno 2018- Dopo l'annuncio di Salvini su un nuovo censimento dei rom per mandare via gli irregolari e tenere invece quelli con cittadinanza italiana, arriva la durissima reazione di Angela Casamonica. Lei, italiana e di origine rom, fa parte di una delle famiglie rom più note della Capitale. Intervistata dall'Agenzia Dire, la Casamonica attacca il ministro degli Interni: "Salvini ...continua
Non versava Iva, assolto: "Lo Stato non lo pagava"

17 Giugno 2018- Non avrebbe pagato l'Iva, ma è stato assolto dalla corte d'appello. È accaduto a Bari. Si tratta di Rocco Lombardi, un imprenditore nel settore dei rifiuti. I Comuni per i quali gestiva il servizio di raccolta di immondizia non gli hanno pagato le fatture e la Corte di Appello di Bari lo ha, quindi, assolto "perché il fatto non costituisce reato". Si tratta dell'amministratore ...continua
Roma, boom di furti e rapine, i negozianti: "Ora vogliamo armarci"

17 Giugno 2018- “Di aggressioni ne abbiamo subite diverse, mi difendo con le mani e a mali estremi ho sempre una spranga di ferro dietro al bancone”. Questo tabaccaio del quartiere Talenti non è il solo a pensare di ricorrere alla difesa fai-da-te dopo la serie di furti e rapine che sta sconvolgendo il quadrante nord-est della Capitale. Due colpi eccellenti messi a segno in meno di ...continua
Salvini blocca il riso asiatico: "Non faremo più gli zerbini"

17 Giugno 2018- Non solo immigrazione: adesso Matteo Salvini dice basta anche al cibo importato dall'estero che imita il made in Italy, come riso e formaggi. "La verità è che abbiamo finito di fare gli zerbini", ha detto il ministro dell'Interno al Corriere della sera, "Dopo le navi delle Ong, potremmo fermare anche quelle che arrivano nei nostri porti cariche di riso cambogiano. Io sono ...continua
Salvini chiude i porti. Toninelli: “L’Olanda richiami le sue navi”

17 Giugno 2018- I migranti dell’Aquarius stanno per sbarcare in Spagna e così il ministro dell’Interno Matteo Salvini dopo una settimana può cambiare obiettivo. Questa volta sono due ong tedesche che operano davanti alla costa della Libia con navi con bandiera olandese, Lifeline (“La linea della vita”, in inglese) e Seefuchs (“Volpe del mare”, in tedesco). Torna l’hashtag ...continua
Flat tax, governo accelera: "Per imprese e partite Iva ​può già scattare ad agosto"

17 Giugno 2018- Il vice ministro all'Economia, Massimo Garavaglia, intervistato a l'intervista di Maria Latella su Sky Tg24 prova ad accelerare sul fronte flat tax. Il vice di Tria di fatto annuncia che molto probabilmente la rivoluzione fiscale pianificata dall'esecutivo potrebbe già scattare dal mese di agosto per le Pmi e per le partite Iva: "La flat tax ...continua
Come la Francia prova a strappare la Libia all'Italia

17 Giugno 2018- Intervenire congiuntamente ovunque negli scenari afrcani, al fine di alleviare la pressione del radicalismo islamico e dell’emergenza immigrazione, tranne che in Libia: ecco cosa emerge dal vertice italo – francese tenuto a Parigi nella giornata di venerdì. La Francia non ha fatto mistero dunque di voler gestire la Libia come un propria affare personale, a cui l’Italia ...continua
L’italiana dell’Isis confessa: “Jihadisti sono già in Europa”

17 Giugno 2018- Da Camp Roj (Siria) “Voglio tornare in Italia, anche se dovrò andare in carcere”, dice convinta Meriem. Subito dopo aggiunge: “Almeno riabbraccio la mamma, che mi manca tanto…”. E scoppia a piangere. Meriem Rehaily, 22 anni, jihadista della provincia di Padova di origini marocchine, è stata condannata il 12 dicembre a quattro anni per aver aderito allo Stato ...continua
I Cinque "Stalle" ballano sul Titanic

16 Giugno 2018- di Alessandro Sallusti C'erano una volta i Cinquestelle che urlavano nelle piazze e in Parlamento «onestà, onestà». Dicevano di essere stati mandati dal messia Beppe Grillo (e dallo spirito santo Casaleggio) a purificare l'Italia corrotta e incapace. Poi i primi scivoloni giudiziari: ogni sindaco che hanno conquistato in virtù della presunta diversità etica è finito a processo per reati che ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Baccalà alla Cappuccina
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra