Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Crisi e lavoro, avete ancora voglia di fare figli?
Condividi                       

Finalmente ce l’hanno fatta: la classe media, in Italia, non c’è più. Morta. Sterminata.Sepolta.Kaputt.

Quella che era stata vanto e conquista della ripresa economica del dopoguerra, che ci aveva fatto assegnare, nel 60, addirittura un Oscar alla migliore moneta del Continente, che aveva salvato l’Italia dalle molte tentazioni golpiste degli anni 70. In una parola, la neonata piccola borghesia urbana ha cessato definitivamente di esistere.

Pensare che era “uno dei miracoli economici del continente europeo“, come lo definì il Daily Mail, riferendosi alla nostra economia del boom. Invece, l’ultimo rapporto annuale Istat ha suonato le sue campane a morto: ad avere cessato di esistere è la piccola borghesia, quella che del boom era stata il motore e la benzina al medesimo tempo. Nel 1964, il reddito nazionale netto era aumentato circa del 50% rispetto agli anni precedenti.

Il futuro appariva radioso, per sé e per i molti figli che si mettevano al mondo. La speranza era un’automobile (nel ’64 arrivarono a circolarne 5 milioni), una tv, ma per i propri eredi anche una laurea ed un lavoro migliore di quello dei propri genitori, una condizione irrefrenabilmente sempre più benestante.

La doccia fredda del rapporto annuale dell’Istituto di statistica non lascia scampo. Per la gioia di liberisti e turbocapitalisti, il salto sociale non esiste più. Chi fa il barbiere, avrà un figlio barbiere, chi avvocato, avvocato, chi miliardario, miliardario. Classi rigide che manco le caste indiane. E non basta certo la sporadica eccezione di qualche genio inventore di app per cambiare le cose. Oggi l’Italia è finalmente un paese di macroscopiche diseguaglianze economiche proprio come gli Usa (che bel modello) e sarà molto difficile che un figlio possa ambire a guadagnare più del proprio padre o della propria madre.

Grazie alle ultime sagaci riforme del mercato del lavoro, sono scomparse le professioni intermedie, aumentati i lavori non qualificati. Il lavoro precario ha ucciso le competenze. È aumentata soprattutto la ricchezza macroscopica di pochissimi e la povertà insopportabile di moltissimi: abbiamo un milione e 600mila famiglie in povertà assoluta, il 28,7% a rischio di povertà o di esclusione sociale.

La vergogna per questo stato di cose dovrebbe essere un peso costante sulla coscienza della nostra classe dirigente (“classe digerente” secondo il geniale, immortale Raffaele La Capria) e invece i più tra loro si compiacciono del disastro sociale cui contribuiscono, sentendosi tutti grandi liberisti alla Milton Friedman. Il paradosso dell’Italia del 2017 è che oggi – a parte quell’1% che possiede il 25% della ricchezza nazionale – i privilegiati sono i pensionati. I loro assegni contribuiscono al 20% della disuguaglianza sociale (nel 2008, all’inizio del governo Berlusconi III, la percentuale era al 12%).

Inutile ricordarci allora che i non più giovani non se ne vanno di casa fino a 35 anni. Se oltre otto milioni e mezzo di persone vivono ancora con mamma e papà, qualche domanda a livello politico bisognerebbe porsela. Ma naturalmente per i privilegiati, al contrario, va sempre meglio. La sincronicità gioca brutti scherzi e negli stessi minuti in cui l’Istat decretava il De Profundis per la nostra società, ecco guizzare sui siti il faccione festante di Marchionne. E ti credo.

La collega Vittoria Puledda ha calcolato che il numero uno di Fca entro la fine del 2017 potrebbe aggiudicarsi la prima parte di un bonus obiettivi ammontante a circa due milioni 800mila euro, l’equivalente dello stipendio annuale di mille e cento operai della sua azienda. Non è l’unico, naturalmente, ma di quelli vicino a noi senz’altro il caso più eclatante.

Avete ancora voglia di fare figli? Se siete Marchionne probabilmente sì, ma se siete un italiano medio sicuramente no. Non meraviglia allora la crisi della natalità che quest’anno ha raggiunto un nuovo record: un dato che non si registrava dalla metà del 500, quando c’era la peste, non esistevano i vaccini ma la popolazione era un quinto rispetto a quella odierna. La diseguaglianza – per dirla insieme alla Boldrini – non è più allora solo un problema etico (e sarebbe già drammatico). È anche un problema economico.

Perché se si continuerà a concentrare la ricchezza nelle poche, solite mani, chi consumerà più?
19 Maggio 2017



Family Day, cattolici contro Renzi: “Che faccia tosta a chiederci il voto"

19 Febbraio 2018- A due settimane dal voto del 4 marzo, l’appello di Matteo Renzi al mondo cattolico sembra non convincere i diretti interessati. Del resto, ieri, dal palco dell’auditorium dell’Istituto Massimo, all’Eur, era stato lo stesso leader del Pd a mettere le mani avanti. "Abbiamo avuto punti di discussione con una parte importante del mondo cattolico”, ricorda Renzi. A ...continua
Elezioni, è corsa al voto utile: il centrodestra cresce al Nord, il M5s al Sud.

18 Febbraio 2018- Il Nord dominato dal centrodestra con sempre meno eccezioni. Le cosiddette Regioni rosse ridotte a un ultimo, valoroso, fortino di resistenza del Partito democratico. Il Sud, infine, un enorme campo di battaglia in cui ogni voto strappato dalle destre ai Cinquestelle e dai Cinquestelle alle destre può essere decisivo per accendere il jackpot completo o al ...continua
Algeria, torna la paura terrorismo nonostante le operazioni anti jihad

18 Febbraio 2018- Nel contesto nordafricano, l’Algeria sembra essere quasi sparita dal circuito mediatico: negli ultimi otto anni, in questa parte del globo così vicina a casa nostra sono accaduti alcuni degli eventi più importanti della storia recente, dalle primavere arabe agli attentati terroristi tra Tunisia ed Egitto, passando poi per il conflitto in Libia; di Algeria, in tutto ...continua
"La mia Castel Volturno preda della mafia nera Lo Stato non esiste più"

18 Febbraio 2018- Dimitri Russo, 47 anni, sindaco di Castel Volturno (Caserta), ha la faccia simpatica di un dj. La sua «musica» però ha il ritmo della passione politica, quella disinteressata dell'impegno sociale. Merce rara, soprattutto in un territorio dove lo Stato sembra aver deposto non solo le armi, ma anche la bandiera bianca con cui pare essersi arreso al dominio della ...continua
Casini: un Dc tra i comunisti

18 Febbraio 2018- Grande è l'animazione, nelle aree cimiteriali di Bologna e non solo. Tutto un rigirarsi, un ribaltarsi cui da settimane non si trova rimedio. Guardate la foto qui in basso, scattata in una delle sedi sopravvissute di quel che fu Pci, Pds, Ds e infine Pd, nella sua principale roccaforte. Si noteranno, in alto, i ritratti di due dei fondatori del '21, Togliatti e Gramsci. In basso, il fondatore della Cgil, ...continua
Marò, moglie di Girone: "Sono trascorsi 6 anni, ma siamo ancora fermi"

16 Febbraio 2018- "Sono trascorsi 6 anni, con dignità, dolore e libertà personale limitata e vincolata da una grande ingiustizia...". Inizia così il post pubblicato da Vania Ardito, moglie del marò Salvatore Girone, sul proprio profilo Facebook. La donna torna così sul caso marò e spiega che nonostante il tempo trascorso, "noi restiamo fermi ancora al 15 febbraio 2012, quando ...continua
Un flop dai costi folli. Così il Pd insabbia i dati sull'accoglienza

16 Febbraio 2018- «La maggioranza a guida Pd ha deciso di insabbiare quanto prodotto e scoperto per nascondere agli occhi dei cittadini italiani, in periodo di campagna elettorale, le malefatte di Renzi e i disastri di Minniti di questi ultimi anni». È scontro aperto in commissione parlamentare di inchiesta sui migranti, con Forza Italia e Lega che accusano i democratici di voler ...continua
Sesso, droga e armi: nove città ostaggio dei nigeriani

16 Febbraio 2018- La precisazione, tra persone intelligenti, sarebbe inutile; ma, a scanso di equivoci, la facciamo comunque: quando parliamo di «mafia nigeriana» in Italia, ci riferiamo ai nigeriani dediti al crimine, non certo ai loro connazionali estranei alla delinquenza. Detto ciò, per comprendere il contesto «socio-antropologico» in cui si muovevano i tre presunti killer nigeriani che hanno ...continua
Bologna, blitz antifascista vuole impedire comizio di Forza Nuova

16 Febbraio 2018- Riesplode la tensione a Bologna, dove un comizio di Forza Nuova, in programma in serata, ha fatto esplodere la rabbia dei centri sociali riuniti nella cosiddetta "rete antifascista". Dalla pagina Facebook di Làbas La giornata, davvero molto tesa per Bologna, è iniziata con un blitz in Consiglio comunale, a Palazzo d’Accursio, messo in atto da un gruppetto di attivisti ...continua
Sicilia, aumentano le assunzioni all’Ars. Ai gruppi 4 milioni in più per pagare collaboratori

15 Febbraio 2018- Non bastano 177 dipendenti, non bastano 70 lavoratori ‘quasi stabilizzati’, che da anni, legislatura dopo legislatura, lavorano nei gruppi parlamentari. Non bastano neanche i portaborse, i collaboratori personali dei consiglieri regionali siciliani, che però sull’isola si chiamano deputati, come a Roma. Nossignore. I tre milioni di euro ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Spiagge
Cucina
Trippa e mulinciani
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra