Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Primarie, Salvini vince con l'82%. Bossi: "Con lui, la Lega è finita"
Condividi                       

Matteo Salvini centra l'obiettivo dell'80%. Con l'82,7% dei voti mette ko lo sfidante Gianni Fava.

Ma le primarie della Lega Nord non riescano a zittire i mal di pancia. Anche se il governatore della Lombardia Roberto Maroni invita ora a lavorare tutti uniti per il nuovo segretario, a guidare la fronda è Umberto Bossi. "Se ora Salvini porta la Lega al Sud, il movimento è finito", tuona il Senatur dopo aver dato la propria preferenza per Fava. "Ci sono migliaia di fuoriusciti ed espulsi dalla Lega che hanno messo assieme un partito abbastanza grande e stanno attorno a Bernardelli - ha continuato il Senatur - potrei valutare la situazione. Sono per continuare la battaglia per la liberazione del Nord".

"La svolta lepenista delle Lega non è mai esistita". Salvini vota in tarda mattinata nella sede del partito in via Bellerio a Milano. "Non ho mai parlato di percentuali di affluenza alle primarie", mette in chiaro il segretario uscente che, secondo un'indiscrezione della Stampa, aveva fissato nei giorni scorsi la soglia dell'80 per cento per accettare l'incarico. "Ho auspicato che tanta gente scegliesse sperando che confermasse il lavoro e le vittorie di questi tre anni".

Dalle urne, però, esce un risultato netto. Salvini ottiene infatti l'87% in Piemonte, l'87% in Friuli, il 76% in Emilia, il 59% in Romagna, l'81% in Trentino, il 69% in Sud Tirolo, il 95% in Umbria, il 100% in Val d'Aosta, il 95% in Liguria, l'83% in Toscana, l'83% nelle Marche, il 78% in Lombardia, il 91% in Veneto. Una media che va ben oltre la soglia psicologica dell'80%. "Ora - ha quindi commentato - l'obiettivo è mandare a casa Renzi, Alfano, Boschi e Boldrini, bloccare l'invasione clandestina in corso, rilanciare lavoro e speranza in Italia".

Il Carroccio ha introdotto le primarie nel 2013. La decisione fu presa dall'allora capo del movimento, Roberto Maroni. L'ex ministro dell'Interno decise di lasciare anticipatamente la guida del partito per concentrarsi sul nuovo incarico di governatore lombardo e stabilì che il suo successore sarebbe stato scelto con una consultazione. Nelle primarie del 7 dicembre di quell'anno, trionfò Salvini: 82 per cento contro il 18 del presidente e fondatore Bossi, indebolito dagli scandali sull'uso dei soldi del partito.

Anche la consultazione di oggi è una corsa a due. Salvini ha, infatti, sfidato Gianni Fava, 49enne assessore lombardo all'Agricoltura. Ex deputato, dimessosi nel 2013 da Montecitorio per entrare nella giunta lombarda, Fava ha raccolto 1055 firme a sostegno della sua candidatura (55 sopra la soglia minima), contro le 6925 sottoscrizioni andate al segretario uscente. La scelta, ha spiegato nei giorni scorsi Salvini, è "tra una Lega forte e libera" che "non considera obbligatoria l'alleanza con Silvio Berlusconi" e coloro che hanno "nostalgia della Lega piccolina, al 3%, che andava a chiedere per favore ad Arcore".
Il progetto di Salvini

Il progetto di Salvini è noto: uscire dai "recinto" nordista per puntare a una Lega "nazionale" che abbia al centro la battaglia contro i vincoli monetari, economici e burocratici dell'Unione europea. L'ispirazione è al "sovranismo" di diversi partiti europei, tra cui il Front national di Marine Le Pen. A questa idea si oppone Fava, divenuto portavoce di quella parte del partito che non vuole rinunciare al tema del "nordismo", sostenuto anche da Bossi. Lo sfidante di Salvini crede che la Lega debba "tornare a fare la Lega" e che, soprattutto, non debba perdere di vista la centralità della "mai risolta questione settentrionale".
15 Maggio 2017



Siracusa, petrolchimico sotto sequestro: sigilli agli impianti Esso e Isab.

21 Luglio 2017- Tre impianti del polo petrolchimico di Siracusa, uno dei più grandi d’Europa, sono stati posti sotto sequestro. I sigilli riguardano gli stabilimenti Esso, Isab Nord e Isab Sud. L’inchiesta scaturisce dai numerosi esposti e dalle denunce di cittadini, movimenti ambientalisti, enti e istituzioni che lamentavano la cattiva qualità dell’aria. Tra loro, negli ...continua
Bassolino stronca Renzi e il suo libro: "Tace su Napoli"

21 Luglio 2017- Il libro di Matteo Renzi ha trovato un severo censore in Antonio Bassolino. L’ex presidente della Campania tuona contro il premier che, tra l’altro, pochi giorni fa è stato proprio a Napoli per presentare “Avanti”. Dai social, Bassolino rimprovera a Renzi di aver glissato sulla roboante sconfitta elettorale incassata dal Partito democratico alle amministrative di Napoli dello ...continua
Giù i contratti stabili, volano quelli a chiamata

21 Luglio 2017- L'ennesimo flop del Jobs Act è certificato dall'Inps. Altro che far ripartire il lavoro: le misure degli ultimi governi hanno fatto volare solo i contratti a chiamata. Le assunzioni nel settore privato nei primi cinque mesi del 2017, infatti, sono state 2.736.000, in aumento del 16% rispetto allo stesso periodo del 2016. Ma il maggior contributo è dato dalle assunzioni a tempo ...continua
Ora Orban attacca Gentiloni: "Chiudete tutti i porti italiani"

21 Luglio 2017- "L'Italia chiuda i porti e blocchi i migranti in mare". Il diktat arriva stavolta dall'Est Europa e più precisamente da Viktor Orban e i leader del gruppo di Visegrad (Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia). I quattro hanno infatti scritto una lettera al presidente del Consiglio italiano, Paolo Gentiloni, perché il Belpaese smetta di accogliere gli immigrati che ...continua
Accampamenti e rifugi, nella Roma dei migranti tra ministeri e San Pietro

20 Luglio 2017- Sotto i mille campanili di Roma, Dio ha mille nomi e per ognuno c’è pronta una maledizione. Una vecchia signora, piccina, indica con orgoglio i materassi bruciati. Poco più in là, dei ruderi ricordano la fabbrica di zucchero di suo nonno. «Li ho bruciati io i materassi». Ha ancora le chiavi del cancello che dalla via Tuscolana conduce alla ferrovia, dove sorgeva ...continua
Pubblico impiego, i dirigenti sono strapagati. Così ingrassa la burocrazia italiana

20 Luglio 2017- di Renzo Rosso Sto consultando il recente Rapporto annuale della Oecd (in italiano Ocse, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), Government at a Glance 2107, appena uscito. Mi interessa il capitolo sulla Gestione dei Rischi e Comunicazione, poiché mi sono convinto da tempo che bisogna affrontare questi problemi integrando le ...continua
“Situazione critica, rischio del blocco della raccolta rifiuti

20 Luglio 2017- Nasce per riciclare la plastica, ma va in tilt quando si bloccano gli impianti per bruciarla. È questa la situazione in cui è impantanato il sistema che gira intorno al Consorzio Corepla: il suo obiettivo principale sarebbe dare seconda vita a bottiglie, flaconi e pellicole, ma oggi oltre il 40% di questi imballaggi ancora finisce negli inceneritori o in discarica. E ora che ...continua
Giovani, la generazione perduta ignorata dai politici

20 Luglio 2017- di Silvia Truzzi Matteo Renzi, autore di un libro tanto diffusamente anticipato su tutti i quotidiani che non è chiaro cosa sia rimasto da leggere al lettore che volesse acquistare l’opera, è oggetto anche di un dibattito su Repubblica, dove ci si domanda da giorni perché il segretario del Pd stia così sulle palle alla gente. C’è chi parla di odio prepolitico, chi dice che è come la ...continua
Mafia Capitale, la sentenza: cade l'accusa di associazione mafiosa

20 Luglio 2017- Si chiama Mafia capitale, si è macchiata di reati gravi puniti con pene severe ma non era un’associazione mafiosa. Non c’è mafia sotto la Colosseo, solo ricatti, violenza, corruzione e criminalità comune. Lo hanno deciso i giudici della X sezione penale di Roma alla fine del processo nato dall’inchiesta sul Mondo di Mezzo. Dopo 21 mesi e 230 udienze, a due anni e mezzo ...continua
Alfano perde anche la faccia: aveva promesso stabilità al premier

20 Luglio 2017- Un passo a destra e uno a sinistra. Però il gioco dell'oca di Angelino Alfano porta ancora verso il centro, dove il ministro degli Esteri rischia di rimanere sempre più solo. La strategia, dopo la fuga dell'ormai ex titolare degli Affari regionali Enrico Costa, pronto ad aprire un nuovo cantiere centrista che guardi a un'alleanza con Forza Italia, è annunciata in una ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Penne aromatiche allo spada
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra