Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Primarie, Salvini vince con l'82%. Bossi: "Con lui, la Lega è finita"
Condividi                       

Matteo Salvini centra l'obiettivo dell'80%. Con l'82,7% dei voti mette ko lo sfidante Gianni Fava.

Ma le primarie della Lega Nord non riescano a zittire i mal di pancia. Anche se il governatore della Lombardia Roberto Maroni invita ora a lavorare tutti uniti per il nuovo segretario, a guidare la fronda è Umberto Bossi. "Se ora Salvini porta la Lega al Sud, il movimento è finito", tuona il Senatur dopo aver dato la propria preferenza per Fava. "Ci sono migliaia di fuoriusciti ed espulsi dalla Lega che hanno messo assieme un partito abbastanza grande e stanno attorno a Bernardelli - ha continuato il Senatur - potrei valutare la situazione. Sono per continuare la battaglia per la liberazione del Nord".

"La svolta lepenista delle Lega non è mai esistita". Salvini vota in tarda mattinata nella sede del partito in via Bellerio a Milano. "Non ho mai parlato di percentuali di affluenza alle primarie", mette in chiaro il segretario uscente che, secondo un'indiscrezione della Stampa, aveva fissato nei giorni scorsi la soglia dell'80 per cento per accettare l'incarico. "Ho auspicato che tanta gente scegliesse sperando che confermasse il lavoro e le vittorie di questi tre anni".

Dalle urne, però, esce un risultato netto. Salvini ottiene infatti l'87% in Piemonte, l'87% in Friuli, il 76% in Emilia, il 59% in Romagna, l'81% in Trentino, il 69% in Sud Tirolo, il 95% in Umbria, il 100% in Val d'Aosta, il 95% in Liguria, l'83% in Toscana, l'83% nelle Marche, il 78% in Lombardia, il 91% in Veneto. Una media che va ben oltre la soglia psicologica dell'80%. "Ora - ha quindi commentato - l'obiettivo è mandare a casa Renzi, Alfano, Boschi e Boldrini, bloccare l'invasione clandestina in corso, rilanciare lavoro e speranza in Italia".

Il Carroccio ha introdotto le primarie nel 2013. La decisione fu presa dall'allora capo del movimento, Roberto Maroni. L'ex ministro dell'Interno decise di lasciare anticipatamente la guida del partito per concentrarsi sul nuovo incarico di governatore lombardo e stabilì che il suo successore sarebbe stato scelto con una consultazione. Nelle primarie del 7 dicembre di quell'anno, trionfò Salvini: 82 per cento contro il 18 del presidente e fondatore Bossi, indebolito dagli scandali sull'uso dei soldi del partito.

Anche la consultazione di oggi è una corsa a due. Salvini ha, infatti, sfidato Gianni Fava, 49enne assessore lombardo all'Agricoltura. Ex deputato, dimessosi nel 2013 da Montecitorio per entrare nella giunta lombarda, Fava ha raccolto 1055 firme a sostegno della sua candidatura (55 sopra la soglia minima), contro le 6925 sottoscrizioni andate al segretario uscente. La scelta, ha spiegato nei giorni scorsi Salvini, è "tra una Lega forte e libera" che "non considera obbligatoria l'alleanza con Silvio Berlusconi" e coloro che hanno "nostalgia della Lega piccolina, al 3%, che andava a chiedere per favore ad Arcore".
Il progetto di Salvini

Il progetto di Salvini è noto: uscire dai "recinto" nordista per puntare a una Lega "nazionale" che abbia al centro la battaglia contro i vincoli monetari, economici e burocratici dell'Unione europea. L'ispirazione è al "sovranismo" di diversi partiti europei, tra cui il Front national di Marine Le Pen. A questa idea si oppone Fava, divenuto portavoce di quella parte del partito che non vuole rinunciare al tema del "nordismo", sostenuto anche da Bossi. Lo sfidante di Salvini crede che la Lega debba "tornare a fare la Lega" e che, soprattutto, non debba perdere di vista la centralità della "mai risolta questione settentrionale".
15 Maggio 2017



Feltri: "Siamo pieni di coglioni, ma ci mancano le palle"

2 Agosto 2017- Luigi Bisignani ha scritto un mirabile articolo per dare dei bischeri ai nostri governanti, che anziché deplorare se stessi perché perdono colpi nei confronti della Francia (e non parliamo della Germania), se la prendono con Macron, più bravo di loro a fare gli interessi del proprio Paese. Ne consiglio la lettura. Noi poveri tapini cedemmo Parmalat ai maneggioni di Parigi, ...continua
Venezuela, dopo voto Maduro: “Agiremo contro la borghesia parassita”

31 Luglio 2017- Resta altissima la tensione in Venezuela il giorno dopo le elezioni dell’Assemblea Costituente volute dal presidente Nicolàs Maduro. Sono almeno 15 le vittime delle violenze esplose nel Paese, ha riferito il leader dell’opposizione Henrique Capriles, mentre il procuratore di Stato parla di otto morti confermati. “Scene di tumulti” sono state riportate da diverse città. ...continua
Migranti ai Castelli Romani, blocco stradale e bomba carta

31 Luglio 2017- Caos migranti nei pressi dei Castelli Romani: a Rocca di Papa sono presenti circa 400 richiedenti asilo. Tra questi, alcuni hanno protestato la scorsa settimana occupando la via dei Laghi, creando disagi al traffico veicolare. E il centro d'accoglienza "Mondo Migliore", così, è finito sotto la lente di alcuni esponenti di Fratelli d'Italia, che stamane hanno dato vita ad una ...continua
Brexit cambia le regole: da marzo 2019 no a libera circolazione

31 Luglio 2017- Il passo indietro arriva da Londra e riguarda l'immigraziano. Cambiano le regole per chi da cittadino dell'Unione Europea vuole entrare e restare nel Regno Unito, con la cancellazione della libera circolazione a partire dal marzo del 2019. "Non sarà necessario", aveva detto la scorsa settimana il ministro delle Finanze, Philip Hammond. Ma è il portavoce dell'ufficio del ...continua
Istat, a giugno la disoccupazione scende all'11,1 per cento

31 Luglio 2017- Il tasso di disoccupazione a giugno scende all'11,1%, in calo di 0,2 punti percentuali rispetto a maggio. Lo rileva l'Istat, spiegando che dopo l'incremento rilevato a maggio, la stima delle persone in cerca di occupazione diminuisce del 2% (-57 mila), tornando su un livello prossimo a quello di aprile. Per quanto riguarda la disoccupazione giovanile, a giugno torna a ...continua
Oltre 12 milioni di italiani rinviano le cure per soldi

31 Luglio 2017- Più di 12 milioni di italiani non si curano per risparmiare denaro. È l'inquietante scenario tracciato dal Censis nel suo settimo rapporto sulla sanità pubblica, intermediata e privata. Rispetto al 2015, ben 1,2 milioni di italiani in più hanno deciso di non ricorrere a determinate prestazioni sanitarie per ragioni economiche. Inoltre, il Censis ha rivelato un aumento in ...continua
Giudice contro il Csm: "Sistema giudiziario improntato su carrierismo sfrenato"

31 Luglio 2017- Il duro sfogo di Andrea Mirenda che ha deciso di rinunciare a fare il Presidente di sezione a Verona Un sistema giudiziario "improntato oramai ad un carrierismo sfrenato, arbitrario e lottizzatorio, che premia i sodali, asserve i magistrati alle correnti, umilia la stragrande maggioranza degli esclusi e minaccia l´indipendenza dei magistrati con la lusinga ...continua
“Lei è un corpo estraneo alla democrazia"

27 Luglio 2017- LETTERA APERTA ALLA SIGNORA LAURA BOLDRINI da parte del Prof. Augusto Sinagra, docente ordinario di diritto delle comunità europeee alla Sapienza di Roma. Gentile Signora, in occasione delle onoranze ai Caduti della RSI al Campo X del Cimitero Monumentale Musocco di Milano il suo antifascismo ha palesato una delle sue punte più acute. Le racconto una cosa: quando nel 1925 a seguito della ...continua
Addio "Lega Nord", Salvini vuole la "Lega dei popoli"

26 Luglio 2017- Matteo Salvini ci riprova. Il leader del Carroccio torna alla carica e tenta - un'altra volta - di cancellare la parola "Nord" dal nome della Lega. Coerentemente con la svolta nazionalista, il segretario federale sta pensando a ribattezzare il partito che prese nel 2013 da Roberto Maroni come nuova "Lega dei popoli". L'indiscrezione, che da tempo gira fra gli altri ranghi del ...continua
Parigi, il vertice Sarraj-Haftar: ok per cessate il fuoco e voto

26 Luglio 2017- I due principali protagonisti della crisi in Libia, il presidente del Consiglio presidenziale di Tripoli Fayez Serraj e il comandante dell'Esercito nazionale libico Khalifa Haftar, si sono incontrati oggi nel castello di La Celle Saint Cloud, alle porte di Parigi, in un colloquio fortemente voluto dal presidente francese Emmanuel Macron. E dal vertice è emerso un primo ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Spaghetti chi cozzi chini
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra