Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Così (purtroppo) è ridotta l'Italia
Condividi                       

Eccola, la foto. Roma, Piazza Indipendenza, se vai un po' più avanti e svolti a sinistra vedi partire i treni. Un marciapiede, la coda di un motorino parcheggiato da chissà quanto, pezzi di vita sparsi a terra, all'angolo una coperta che cade su un sacco sopravvissuto alla notte, rifiuti sparsi lungo la strada, due bottiglie di birra, una in piedi l'altra sicuramente vuota che ha smesso di girare, il coperchio largo di una pentola o di un bidone, un giaciglio improvvisato, una donna con la testa leggermente rialzata, i capelli castanobiondo, un fuseaux antracite sceso poco sopra il ginocchio, la pelle diafana e le gambe aperte.

Su di lei si sta appoggiando un ragazzo di colore, non dovrebbe avere più di trent'anni, con una polo a maniche lunghe verde mediterraneo. Non si baciano e non sono abbracciati. Scopano. Come in una pozzanghera, come in uno specchio d'Italia che riflette tutto, voglie, desideri, prospettive e paure.

Quello che si sente non è l'odore del sesso. È monnezza. Il sesso per strada è esibizione e a Roma, forse, è pure roba antica. Lo raccontava Catullo, con Clodia, alias Lesbia, sudicia negli angiporti che accarezzano il Tevere. Se chiudi gli occhi scompare, sparisce, passa, tanto questa città mica si scandalizza per due corpi avvinghiati sotto il sole.

Ne ha viste tante e niente rimane. La monnezza no, ti si appiccica addosso. E non è solo una questione di rifiuti, di scarti o di pantegane grasse e lente che passano davanti ai marciapiedi scrostati dei ristoranti, quella puzza è un'ombra, un profilo, come un confine, una sorta di parassita morale che si arrampica fino al cervello e ti segue, va a Termini e prende il treno per Milano e scende in Centrale e poi si diffonde in tutte le arterie e si perde nelle vene di ogni angolo d'Italia. Questa puzza di monnezza tatuata sulla pelle, e che quasi non sentiamo più, è il segno di un Paese incancrenito. È il nostro odore e non passa. Questa puzza siamo noi.

Non serve più a niente chiudere gli occhi. Eccola, quindi, la foto. Qualcuno dice che è un simbolo, perché ci trovi, ci leggi, tutto quello che non si sa come affrontare: metropoli abbandonate a se stesse, lerce e insicure; l'illusione di una città amministrata dai cittadini, lo sguardo di chi arriva da turista per inebriarsi di passato e magia e se ne va con il sospetto di aver sbagliato strada, perché da tempo le strade non portano più a Roma; l'incapacità della politica di rispondere a qualsiasi domanda, il modo in cui ci siamo incartati nel gestire i flussi delle migrazioni, l'idea che il buon senso sia una merce sempre più rara; il degrado delle stazioni e dei punti di snodo, come a Milano, come a Napoli, con il timore di sputtanarsi davanti ai bempensanti se si mette un po' d'ordine o si sgombera; e quella sensazione di naufragio, come chi attraversa questo tempo su un battello ubriaco.

Sono questi in fondo gli anni che viviamo. Un giorno magari ci chiederemo come siamo diventati periferia, perché questo ci racconta la foto. Non siamo riusciti a recuperarle, le periferie, solo parole, e ora si stanno vendicando.

Tutta l'Italia solo come una grande distesa di periferie, una dopo l'altra, senza identità, senza punti di riferimento, senza mappe, senza certezze. È quello che accade quando smetti di pensare il futuro e ti accontenti di sopravvivere giorno per giorno, con la miseria che si allarga e avanza, sotto il peso di una crisi senza misura e sempre più gente nel territorio dei disillusi e dei senza speranza, che non si stupisce più e non fa più caso alla puzza della monnezza, ma scrolla le spalle e lascia fare. Rassegnata.

Sembra di ascoltare il monologo di Marcello Mastroianni in Dramma della gelosia, mentre si rivolge al giudice: «Signor Presidente, ma lei lo sa che a Roma due esseri che si amano nun sanno dove mettere piede perché è tutto una montagna de monnezza?! Sette colli, sette colli de monnezza! È la città più zozza d'Europa! E gli stranieri dicono che fa schifo... ma più schifo fanno quelli del Comune, che so' solo capaci de farse elegge per ave' il potere».

Questa Italia che alla fine è solo un corridoio, dove si arriva e si parte, magari per cercare fortuna in Germania, in Nord Europa o almeno in Svizzera. E chi ci vive spera di andarsene, sogna la fuga, neppure più per sé, ma per i figli. Nei luoghi di passaggio non c'è decoro, butti le cose come va, le lasci per terra, tanto non ci devi stare per sempre, è un posto provvisorio, un vicolo stretto e lungo, come gli angiporti di Lesbia, come i bagni delle stazioni di servizio, come quelli di discoteche troppo affollate dove sudore e sballo sono un intruglio afrodisiaco.

Che cura vuoi avere se alla fine tutto è provvisorio? Qui e adesso, perché domani è una truffa. Non si sa neppure se si vota, e pure se si vota non cambia niente. Quello che si sente qui, nella città eterna, e si diffonde verso Sud e verso Nord, non è il ponentino caro a Rugantino. È un vento di scirocco, caldo e appiccicoso, dove non si muove foglia, dove tutto è fermo. Roma, non per colpa di chi viene da Sud o da Est, ma per scelta di chi la incarna e di chi negli ultimi decenni l'ha pensata, scritta, raccontata, non è più Occidente. È la parola di chi non vede niente. C'è solo un po' di nebbia che annuncia il sole. Andiamo avanti tranquillamente.
6 Maggio 2017



Crisi e lavoro, avete ancora voglia di fare figli?

19 Maggio 2017- Finalmente ce l’hanno fatta: la classe media, in Italia, non c’è più. Morta. Sterminata.Sepolta.Kaputt. Quella che era stata vanto e conquista della ripresa economica del dopoguerra, che ci aveva fatto assegnare, nel 60, addirittura un Oscar alla migliore moneta del Continente, che aveva salvato l’Italia dalle molte tentazioni golpiste degli anni 70. In una parola, la neonata ...continua
Istat, scomparsi borghesia e operai: ecco le nuove classi sociali

17 Maggio 2017- Addio alla piccola borghesia e alla classe operaia: la nuova società italiana di oggi è suddivisa in 9 gruppi sociali, i più corposi sono le famiglie di impiegati e gli operai in pensione. La nuova classificazione è stata fatta dall'Istat nel Rapporto Annuale 2017, che ha preso in esame la situazione professionale, la cittadinanza, il titolo di studio, il numero di ...continua
Nordcorea lancia nuovo missile La Nato: "Minaccia per la pace"

15 Maggio 2017- L’ultimo test missilistico effettuato dalla Corea del Nord è una "minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale". È l’allarme lanciato da un portavoce dell’Unione europea. "Questo e i precedenti test costituiscono una minaccia per la pace e la sicurezza internazionale e aggravano ulteriormente le tensioni nella regione, in un momento in cui sarebbe invece necessaria ...continua
Migranti, l'Ue accusa l'Italia: "Colpa di Roma se non si fa redistribuzione"

15 Maggio 2017- L'accusa è scritta nero su bianco in una relazione del Parlamento Europeo redatto dagli esperti di Bruxelles. Tecnici che hanno messo sotto analisi il piano di redistribuzione dei migranti firmato in pompa magna dai capi di Stato dell'Ue. Che qualcosa non abbia funzionato era noto a tutti. Ma i politici si erano rinfacciati la responsabilità, dando la colpa ...continua
Primarie, Salvini vince con l'82%. Bossi: "Con lui, la Lega è finita"

15 Maggio 2017- Matteo Salvini centra l'obiettivo dell'80%. Con l'82,7% dei voti mette ko lo sfidante Gianni Fava. Ma le primarie della Lega Nord non riescano a zittire i mal di pancia. Anche se il governatore della Lombardia Roberto Maroni invita ora a lavorare tutti uniti per il nuovo segretario, a guidare la fronda è Umberto Bossi. "Se ora Salvini porta la Lega al Sud, il ...continua
L’Italia è stata colpita dagli hacker ma la Polizia postale esclude gravi danni

15 Maggio 2017- L’Italia non esce immune dall’attacco informatico planetario attraverso i virus WCry, WannaCry e WanaCrypt0r, in corso da venerdì anche nel nostro Paese, ma dai primi accertamenti non sono emersi gravi danni alle «infrastrutture critiche informatizzate» della Nazione. È quanto emerso - fa sapere la Polizia postale - dalle verifiche svolte dal Centro ...continua
Macron: “L’Europa e il mondo hanno bisogno di una Francia forte”

15 Maggio 2017- Il neopresidente francese Emmanuel Macron è stato accolto all’Eliseo dal suo predecessore, François Hollande, per la cerimonia di insediamento. Stretta di mano e poi un colloquio sui principali procedimenti in corso, su eventuali trattative per la liberazione di ostaggi, sulla negoziazione dei contratti strategici e la preparazione di grandi eventi internazionali. Alla ...continua
Renzi fuori controllo attacca De Bortoli in stile Cinque stelle

14 Maggio 2017- Un giorno per smaltire la botta, uno per la ricaduta in depressione. Il terzo, la riscossa tramite bravi. Al quarto giorno, Ei si levò. Dev'essere ormai approdato ben oltre la crisi di nervi, il Matteo Renzi caduto da cavallo e ferito nell'onore (della Boschi). Facile comprenderne un paio di motivazioni, almeno. Comunque lo si ponga, l'affaire bancario dell'Etruria ...continua
Sesso, soldi e potere. Roma nel “Mondo di mezzo”

6 Maggio 2017- Non più capitale ma “mondo di mezzo”, dove tutto si rimescola: affari, criminalità e politica. Il regista Massimo Scaglione, partendo dagli anni Settanta, rievoca così nel suo ultimo film l’epoca d’oro dei palazzinari a Roma, e, attraverso una trama complessa, arriva a trattare persino l’influenza dello Ior negli affari capitolini. Quello che viene raccontato è un Campidoglio teatro di ...continua
Mattarella: “Il Parlamento approvi con urgenza la riforma sulla legge elettorale”

26 Aprile 2017- Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha incontrato oggi al Quirinale il Presidente del Senato, Pietro Grasso, e la Presidente della Camera, Laura Boldrini. Il Capo dello Stato ha sottolineato, si legge in una nota, l’esigenza che il Parlamento provveda sollecitamente al compimento di due importanti adempimenti istituzionali: la nuova ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Pancakes con la zucca
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra