Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Così (purtroppo) è ridotta l'Italia
Condividi                       

Eccola, la foto. Roma, Piazza Indipendenza, se vai un po' più avanti e svolti a sinistra vedi partire i treni. Un marciapiede, la coda di un motorino parcheggiato da chissà quanto, pezzi di vita sparsi a terra, all'angolo una coperta che cade su un sacco sopravvissuto alla notte, rifiuti sparsi lungo la strada, due bottiglie di birra, una in piedi l'altra sicuramente vuota che ha smesso di girare, il coperchio largo di una pentola o di un bidone, un giaciglio improvvisato, una donna con la testa leggermente rialzata, i capelli castanobiondo, un fuseaux antracite sceso poco sopra il ginocchio, la pelle diafana e le gambe aperte.

Su di lei si sta appoggiando un ragazzo di colore, non dovrebbe avere più di trent'anni, con una polo a maniche lunghe verde mediterraneo. Non si baciano e non sono abbracciati. Scopano. Come in una pozzanghera, come in uno specchio d'Italia che riflette tutto, voglie, desideri, prospettive e paure.

Quello che si sente non è l'odore del sesso. È monnezza. Il sesso per strada è esibizione e a Roma, forse, è pure roba antica. Lo raccontava Catullo, con Clodia, alias Lesbia, sudicia negli angiporti che accarezzano il Tevere. Se chiudi gli occhi scompare, sparisce, passa, tanto questa città mica si scandalizza per due corpi avvinghiati sotto il sole.

Ne ha viste tante e niente rimane. La monnezza no, ti si appiccica addosso. E non è solo una questione di rifiuti, di scarti o di pantegane grasse e lente che passano davanti ai marciapiedi scrostati dei ristoranti, quella puzza è un'ombra, un profilo, come un confine, una sorta di parassita morale che si arrampica fino al cervello e ti segue, va a Termini e prende il treno per Milano e scende in Centrale e poi si diffonde in tutte le arterie e si perde nelle vene di ogni angolo d'Italia. Questa puzza di monnezza tatuata sulla pelle, e che quasi non sentiamo più, è il segno di un Paese incancrenito. È il nostro odore e non passa. Questa puzza siamo noi.

Non serve più a niente chiudere gli occhi. Eccola, quindi, la foto. Qualcuno dice che è un simbolo, perché ci trovi, ci leggi, tutto quello che non si sa come affrontare: metropoli abbandonate a se stesse, lerce e insicure; l'illusione di una città amministrata dai cittadini, lo sguardo di chi arriva da turista per inebriarsi di passato e magia e se ne va con il sospetto di aver sbagliato strada, perché da tempo le strade non portano più a Roma; l'incapacità della politica di rispondere a qualsiasi domanda, il modo in cui ci siamo incartati nel gestire i flussi delle migrazioni, l'idea che il buon senso sia una merce sempre più rara; il degrado delle stazioni e dei punti di snodo, come a Milano, come a Napoli, con il timore di sputtanarsi davanti ai bempensanti se si mette un po' d'ordine o si sgombera; e quella sensazione di naufragio, come chi attraversa questo tempo su un battello ubriaco.

Sono questi in fondo gli anni che viviamo. Un giorno magari ci chiederemo come siamo diventati periferia, perché questo ci racconta la foto. Non siamo riusciti a recuperarle, le periferie, solo parole, e ora si stanno vendicando.

Tutta l'Italia solo come una grande distesa di periferie, una dopo l'altra, senza identità, senza punti di riferimento, senza mappe, senza certezze. È quello che accade quando smetti di pensare il futuro e ti accontenti di sopravvivere giorno per giorno, con la miseria che si allarga e avanza, sotto il peso di una crisi senza misura e sempre più gente nel territorio dei disillusi e dei senza speranza, che non si stupisce più e non fa più caso alla puzza della monnezza, ma scrolla le spalle e lascia fare. Rassegnata.

Sembra di ascoltare il monologo di Marcello Mastroianni in Dramma della gelosia, mentre si rivolge al giudice: «Signor Presidente, ma lei lo sa che a Roma due esseri che si amano nun sanno dove mettere piede perché è tutto una montagna de monnezza?! Sette colli, sette colli de monnezza! È la città più zozza d'Europa! E gli stranieri dicono che fa schifo... ma più schifo fanno quelli del Comune, che so' solo capaci de farse elegge per ave' il potere».

Questa Italia che alla fine è solo un corridoio, dove si arriva e si parte, magari per cercare fortuna in Germania, in Nord Europa o almeno in Svizzera. E chi ci vive spera di andarsene, sogna la fuga, neppure più per sé, ma per i figli. Nei luoghi di passaggio non c'è decoro, butti le cose come va, le lasci per terra, tanto non ci devi stare per sempre, è un posto provvisorio, un vicolo stretto e lungo, come gli angiporti di Lesbia, come i bagni delle stazioni di servizio, come quelli di discoteche troppo affollate dove sudore e sballo sono un intruglio afrodisiaco.

Che cura vuoi avere se alla fine tutto è provvisorio? Qui e adesso, perché domani è una truffa. Non si sa neppure se si vota, e pure se si vota non cambia niente. Quello che si sente qui, nella città eterna, e si diffonde verso Sud e verso Nord, non è il ponentino caro a Rugantino. È un vento di scirocco, caldo e appiccicoso, dove non si muove foglia, dove tutto è fermo. Roma, non per colpa di chi viene da Sud o da Est, ma per scelta di chi la incarna e di chi negli ultimi decenni l'ha pensata, scritta, raccontata, non è più Occidente. È la parola di chi non vede niente. C'è solo un po' di nebbia che annuncia il sole. Andiamo avanti tranquillamente.
6 Maggio 2017



Feltri: "Siamo pieni di coglioni, ma ci mancano le palle"

2 Agosto 2017- Luigi Bisignani ha scritto un mirabile articolo per dare dei bischeri ai nostri governanti, che anziché deplorare se stessi perché perdono colpi nei confronti della Francia (e non parliamo della Germania), se la prendono con Macron, più bravo di loro a fare gli interessi del proprio Paese. Ne consiglio la lettura. Noi poveri tapini cedemmo Parmalat ai maneggioni di Parigi, ...continua
Venezuela, dopo voto Maduro: “Agiremo contro la borghesia parassita”

31 Luglio 2017- Resta altissima la tensione in Venezuela il giorno dopo le elezioni dell’Assemblea Costituente volute dal presidente Nicolàs Maduro. Sono almeno 15 le vittime delle violenze esplose nel Paese, ha riferito il leader dell’opposizione Henrique Capriles, mentre il procuratore di Stato parla di otto morti confermati. “Scene di tumulti” sono state riportate da diverse città. ...continua
Migranti ai Castelli Romani, blocco stradale e bomba carta

31 Luglio 2017- Caos migranti nei pressi dei Castelli Romani: a Rocca di Papa sono presenti circa 400 richiedenti asilo. Tra questi, alcuni hanno protestato la scorsa settimana occupando la via dei Laghi, creando disagi al traffico veicolare. E il centro d'accoglienza "Mondo Migliore", così, è finito sotto la lente di alcuni esponenti di Fratelli d'Italia, che stamane hanno dato vita ad una ...continua
Brexit cambia le regole: da marzo 2019 no a libera circolazione

31 Luglio 2017- Il passo indietro arriva da Londra e riguarda l'immigraziano. Cambiano le regole per chi da cittadino dell'Unione Europea vuole entrare e restare nel Regno Unito, con la cancellazione della libera circolazione a partire dal marzo del 2019. "Non sarà necessario", aveva detto la scorsa settimana il ministro delle Finanze, Philip Hammond. Ma è il portavoce dell'ufficio del ...continua
Istat, a giugno la disoccupazione scende all'11,1 per cento

31 Luglio 2017- Il tasso di disoccupazione a giugno scende all'11,1%, in calo di 0,2 punti percentuali rispetto a maggio. Lo rileva l'Istat, spiegando che dopo l'incremento rilevato a maggio, la stima delle persone in cerca di occupazione diminuisce del 2% (-57 mila), tornando su un livello prossimo a quello di aprile. Per quanto riguarda la disoccupazione giovanile, a giugno torna a ...continua
Oltre 12 milioni di italiani rinviano le cure per soldi

31 Luglio 2017- Più di 12 milioni di italiani non si curano per risparmiare denaro. È l'inquietante scenario tracciato dal Censis nel suo settimo rapporto sulla sanità pubblica, intermediata e privata. Rispetto al 2015, ben 1,2 milioni di italiani in più hanno deciso di non ricorrere a determinate prestazioni sanitarie per ragioni economiche. Inoltre, il Censis ha rivelato un aumento in ...continua
Giudice contro il Csm: "Sistema giudiziario improntato su carrierismo sfrenato"

31 Luglio 2017- Il duro sfogo di Andrea Mirenda che ha deciso di rinunciare a fare il Presidente di sezione a Verona Un sistema giudiziario "improntato oramai ad un carrierismo sfrenato, arbitrario e lottizzatorio, che premia i sodali, asserve i magistrati alle correnti, umilia la stragrande maggioranza degli esclusi e minaccia l´indipendenza dei magistrati con la lusinga ...continua
“Lei è un corpo estraneo alla democrazia"

27 Luglio 2017- LETTERA APERTA ALLA SIGNORA LAURA BOLDRINI da parte del Prof. Augusto Sinagra, docente ordinario di diritto delle comunità europeee alla Sapienza di Roma. Gentile Signora, in occasione delle onoranze ai Caduti della RSI al Campo X del Cimitero Monumentale Musocco di Milano il suo antifascismo ha palesato una delle sue punte più acute. Le racconto una cosa: quando nel 1925 a seguito della ...continua
Addio "Lega Nord", Salvini vuole la "Lega dei popoli"

26 Luglio 2017- Matteo Salvini ci riprova. Il leader del Carroccio torna alla carica e tenta - un'altra volta - di cancellare la parola "Nord" dal nome della Lega. Coerentemente con la svolta nazionalista, il segretario federale sta pensando a ribattezzare il partito che prese nel 2013 da Roberto Maroni come nuova "Lega dei popoli". L'indiscrezione, che da tempo gira fra gli altri ranghi del ...continua
Parigi, il vertice Sarraj-Haftar: ok per cessate il fuoco e voto

26 Luglio 2017- I due principali protagonisti della crisi in Libia, il presidente del Consiglio presidenziale di Tripoli Fayez Serraj e il comandante dell'Esercito nazionale libico Khalifa Haftar, si sono incontrati oggi nel castello di La Celle Saint Cloud, alle porte di Parigi, in un colloquio fortemente voluto dal presidente francese Emmanuel Macron. E dal vertice è emerso un primo ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Baccalà alla Cappuccina
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra