Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Così (purtroppo) è ridotta l'Italia
Condividi                       

Eccola, la foto. Roma, Piazza Indipendenza, se vai un po' più avanti e svolti a sinistra vedi partire i treni. Un marciapiede, la coda di un motorino parcheggiato da chissà quanto, pezzi di vita sparsi a terra, all'angolo una coperta che cade su un sacco sopravvissuto alla notte, rifiuti sparsi lungo la strada, due bottiglie di birra, una in piedi l'altra sicuramente vuota che ha smesso di girare, il coperchio largo di una pentola o di un bidone, un giaciglio improvvisato, una donna con la testa leggermente rialzata, i capelli castanobiondo, un fuseaux antracite sceso poco sopra il ginocchio, la pelle diafana e le gambe aperte.

Su di lei si sta appoggiando un ragazzo di colore, non dovrebbe avere più di trent'anni, con una polo a maniche lunghe verde mediterraneo. Non si baciano e non sono abbracciati. Scopano. Come in una pozzanghera, come in uno specchio d'Italia che riflette tutto, voglie, desideri, prospettive e paure.

Quello che si sente non è l'odore del sesso. È monnezza. Il sesso per strada è esibizione e a Roma, forse, è pure roba antica. Lo raccontava Catullo, con Clodia, alias Lesbia, sudicia negli angiporti che accarezzano il Tevere. Se chiudi gli occhi scompare, sparisce, passa, tanto questa città mica si scandalizza per due corpi avvinghiati sotto il sole.

Ne ha viste tante e niente rimane. La monnezza no, ti si appiccica addosso. E non è solo una questione di rifiuti, di scarti o di pantegane grasse e lente che passano davanti ai marciapiedi scrostati dei ristoranti, quella puzza è un'ombra, un profilo, come un confine, una sorta di parassita morale che si arrampica fino al cervello e ti segue, va a Termini e prende il treno per Milano e scende in Centrale e poi si diffonde in tutte le arterie e si perde nelle vene di ogni angolo d'Italia. Questa puzza di monnezza tatuata sulla pelle, e che quasi non sentiamo più, è il segno di un Paese incancrenito. È il nostro odore e non passa. Questa puzza siamo noi.

Non serve più a niente chiudere gli occhi. Eccola, quindi, la foto. Qualcuno dice che è un simbolo, perché ci trovi, ci leggi, tutto quello che non si sa come affrontare: metropoli abbandonate a se stesse, lerce e insicure; l'illusione di una città amministrata dai cittadini, lo sguardo di chi arriva da turista per inebriarsi di passato e magia e se ne va con il sospetto di aver sbagliato strada, perché da tempo le strade non portano più a Roma; l'incapacità della politica di rispondere a qualsiasi domanda, il modo in cui ci siamo incartati nel gestire i flussi delle migrazioni, l'idea che il buon senso sia una merce sempre più rara; il degrado delle stazioni e dei punti di snodo, come a Milano, come a Napoli, con il timore di sputtanarsi davanti ai bempensanti se si mette un po' d'ordine o si sgombera; e quella sensazione di naufragio, come chi attraversa questo tempo su un battello ubriaco.

Sono questi in fondo gli anni che viviamo. Un giorno magari ci chiederemo come siamo diventati periferia, perché questo ci racconta la foto. Non siamo riusciti a recuperarle, le periferie, solo parole, e ora si stanno vendicando.

Tutta l'Italia solo come una grande distesa di periferie, una dopo l'altra, senza identità, senza punti di riferimento, senza mappe, senza certezze. È quello che accade quando smetti di pensare il futuro e ti accontenti di sopravvivere giorno per giorno, con la miseria che si allarga e avanza, sotto il peso di una crisi senza misura e sempre più gente nel territorio dei disillusi e dei senza speranza, che non si stupisce più e non fa più caso alla puzza della monnezza, ma scrolla le spalle e lascia fare. Rassegnata.

Sembra di ascoltare il monologo di Marcello Mastroianni in Dramma della gelosia, mentre si rivolge al giudice: «Signor Presidente, ma lei lo sa che a Roma due esseri che si amano nun sanno dove mettere piede perché è tutto una montagna de monnezza?! Sette colli, sette colli de monnezza! È la città più zozza d'Europa! E gli stranieri dicono che fa schifo... ma più schifo fanno quelli del Comune, che so' solo capaci de farse elegge per ave' il potere».

Questa Italia che alla fine è solo un corridoio, dove si arriva e si parte, magari per cercare fortuna in Germania, in Nord Europa o almeno in Svizzera. E chi ci vive spera di andarsene, sogna la fuga, neppure più per sé, ma per i figli. Nei luoghi di passaggio non c'è decoro, butti le cose come va, le lasci per terra, tanto non ci devi stare per sempre, è un posto provvisorio, un vicolo stretto e lungo, come gli angiporti di Lesbia, come i bagni delle stazioni di servizio, come quelli di discoteche troppo affollate dove sudore e sballo sono un intruglio afrodisiaco.

Che cura vuoi avere se alla fine tutto è provvisorio? Qui e adesso, perché domani è una truffa. Non si sa neppure se si vota, e pure se si vota non cambia niente. Quello che si sente qui, nella città eterna, e si diffonde verso Sud e verso Nord, non è il ponentino caro a Rugantino. È un vento di scirocco, caldo e appiccicoso, dove non si muove foglia, dove tutto è fermo. Roma, non per colpa di chi viene da Sud o da Est, ma per scelta di chi la incarna e di chi negli ultimi decenni l'ha pensata, scritta, raccontata, non è più Occidente. È la parola di chi non vede niente. C'è solo un po' di nebbia che annuncia il sole. Andiamo avanti tranquillamente.
6 Maggio 2017



Family Day, cattolici contro Renzi: “Che faccia tosta a chiederci il voto"

19 Febbraio 2018- A due settimane dal voto del 4 marzo, l’appello di Matteo Renzi al mondo cattolico sembra non convincere i diretti interessati. Del resto, ieri, dal palco dell’auditorium dell’Istituto Massimo, all’Eur, era stato lo stesso leader del Pd a mettere le mani avanti. "Abbiamo avuto punti di discussione con una parte importante del mondo cattolico”, ricorda Renzi. A ...continua
Elezioni, è corsa al voto utile: il centrodestra cresce al Nord, il M5s al Sud.

18 Febbraio 2018- Il Nord dominato dal centrodestra con sempre meno eccezioni. Le cosiddette Regioni rosse ridotte a un ultimo, valoroso, fortino di resistenza del Partito democratico. Il Sud, infine, un enorme campo di battaglia in cui ogni voto strappato dalle destre ai Cinquestelle e dai Cinquestelle alle destre può essere decisivo per accendere il jackpot completo o al ...continua
Algeria, torna la paura terrorismo nonostante le operazioni anti jihad

18 Febbraio 2018- Nel contesto nordafricano, l’Algeria sembra essere quasi sparita dal circuito mediatico: negli ultimi otto anni, in questa parte del globo così vicina a casa nostra sono accaduti alcuni degli eventi più importanti della storia recente, dalle primavere arabe agli attentati terroristi tra Tunisia ed Egitto, passando poi per il conflitto in Libia; di Algeria, in tutto ...continua
"La mia Castel Volturno preda della mafia nera Lo Stato non esiste più"

18 Febbraio 2018- Dimitri Russo, 47 anni, sindaco di Castel Volturno (Caserta), ha la faccia simpatica di un dj. La sua «musica» però ha il ritmo della passione politica, quella disinteressata dell'impegno sociale. Merce rara, soprattutto in un territorio dove lo Stato sembra aver deposto non solo le armi, ma anche la bandiera bianca con cui pare essersi arreso al dominio della ...continua
Casini: un Dc tra i comunisti

18 Febbraio 2018- Grande è l'animazione, nelle aree cimiteriali di Bologna e non solo. Tutto un rigirarsi, un ribaltarsi cui da settimane non si trova rimedio. Guardate la foto qui in basso, scattata in una delle sedi sopravvissute di quel che fu Pci, Pds, Ds e infine Pd, nella sua principale roccaforte. Si noteranno, in alto, i ritratti di due dei fondatori del '21, Togliatti e Gramsci. In basso, il fondatore della Cgil, ...continua
Marò, moglie di Girone: "Sono trascorsi 6 anni, ma siamo ancora fermi"

16 Febbraio 2018- "Sono trascorsi 6 anni, con dignità, dolore e libertà personale limitata e vincolata da una grande ingiustizia...". Inizia così il post pubblicato da Vania Ardito, moglie del marò Salvatore Girone, sul proprio profilo Facebook. La donna torna così sul caso marò e spiega che nonostante il tempo trascorso, "noi restiamo fermi ancora al 15 febbraio 2012, quando ...continua
Un flop dai costi folli. Così il Pd insabbia i dati sull'accoglienza

16 Febbraio 2018- «La maggioranza a guida Pd ha deciso di insabbiare quanto prodotto e scoperto per nascondere agli occhi dei cittadini italiani, in periodo di campagna elettorale, le malefatte di Renzi e i disastri di Minniti di questi ultimi anni». È scontro aperto in commissione parlamentare di inchiesta sui migranti, con Forza Italia e Lega che accusano i democratici di voler ...continua
Sesso, droga e armi: nove città ostaggio dei nigeriani

16 Febbraio 2018- La precisazione, tra persone intelligenti, sarebbe inutile; ma, a scanso di equivoci, la facciamo comunque: quando parliamo di «mafia nigeriana» in Italia, ci riferiamo ai nigeriani dediti al crimine, non certo ai loro connazionali estranei alla delinquenza. Detto ciò, per comprendere il contesto «socio-antropologico» in cui si muovevano i tre presunti killer nigeriani che hanno ...continua
Bologna, blitz antifascista vuole impedire comizio di Forza Nuova

16 Febbraio 2018- Riesplode la tensione a Bologna, dove un comizio di Forza Nuova, in programma in serata, ha fatto esplodere la rabbia dei centri sociali riuniti nella cosiddetta "rete antifascista". Dalla pagina Facebook di Làbas La giornata, davvero molto tesa per Bologna, è iniziata con un blitz in Consiglio comunale, a Palazzo d’Accursio, messo in atto da un gruppetto di attivisti ...continua
Sicilia, aumentano le assunzioni all’Ars. Ai gruppi 4 milioni in più per pagare collaboratori

15 Febbraio 2018- Non bastano 177 dipendenti, non bastano 70 lavoratori ‘quasi stabilizzati’, che da anni, legislatura dopo legislatura, lavorano nei gruppi parlamentari. Non bastano neanche i portaborse, i collaboratori personali dei consiglieri regionali siciliani, che però sull’isola si chiamano deputati, come a Roma. Nossignore. I tre milioni di euro ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Snowboard
Cucina
Pignulata
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra