Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: La Stampa
Mattarella: “Il Parlamento approvi con urgenza la riforma sulla legge elettorale”
Condividi                       

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha incontrato oggi al Quirinale il Presidente del Senato, Pietro Grasso, e la Presidente della Camera, Laura Boldrini. Il Capo dello Stato ha sottolineato, si legge in una nota, l’esigenza che il Parlamento provveda sollecitamente al compimento di due importanti adempimenti istituzionali: la nuova normativa elettorale per il Senato e per la Camera e l’elezione di un giudice della Corte Costituzionale.

Il Presidente della Repubblica ha chiesto quindi ai presidenti dei due rami del Parlamento, conclude il comunicato, «di rappresentare ai rispettivi gruppi parlamentari l’urgenza che rivestono entrambe le questioni per il funzionamento del nostro sistema istituzionale».

Pd, Rosato: «Sollecitazione giustissima»
La sollecitazione del Presidente Mattarella «è giustissima». Lo dice il capogruppo del Partito Democratico alla Camera, Ettore Rosato che aggiunge: «Il presidente della Repubblica ha ragione, sia sulla legge elettorale che sul giudice della Consulta. Non so gli altri, ma certamente per il Pd sono delle priorità. Già da oggi in capigruppo chiederemo la calendarizzazione di entrambe le questioni, cose su cui peraltro la presidente Boldrini da tempo è sensibile e attiva»

Forza Italia, Brunetta: «Si rivolga a Pd e a Renzi»
«Bene il monito del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sulla legge elettorale. Ma più che al Parlamento, il Capo dello Stato si rivolga al Partito democratico e al suo segretario in pectore, Matteo Renzi, che da mesi bloccano i lavori della commissione Affari costituzionali di Montecitorio in attesa che vengano celebrati prima il congresso e poi le primarie Dem». Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera.

«Forza Italia, che ha presentato una proposta di legge chiara e riconoscibile (una, e non nove come hanno invece fatto gli amici del Pd), è pronta al dibattito e al confronto, con tutte le forze politiche rappresentate in Parlamento, per fare presto e bene -prosegue l’esponente azzurro- una nuova legge elettorale che tenga conto delle indicazioni implicite date dai cittadini con il voto al referendum costituzionale dello scorso 4 dicembre e che garantisca il giusto equilibrio tra il bisogno di governabilità e quello della rappresentanza”. «Nessun diktat da parte di nessuno, nessun punto `imprescindibile´ da imporre agli altri partiti. Seguiamo le indicazioni di Mattarella -conclude Brunetta- per un nuovo sistema di voto il più possibile condiviso’’.

Bersani: via capilista e premio coalizione
«La legge elettorale bisogna farla rapidamente ma anche bene. Penso che sia un pazzo furioso chi voglia mantenere i capilista bloccati, cominciamo da lì e poi diamo un premio di coalizione» commenta il deputato Mdp Pierluigi Bersani.

M5s: bene Mattarella, paralisi colpa di Renzi
«Prendiamo atto delle parole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che sollecita il Parlamento ad approvare la legge elettorale per l’elezione sia della Camera che del Senato. Ma è doveroso precisare come questa grave paralisi istituzionale che sta tenendo in ostaggio il Paese è imputabile solo ed esclusivamente a Renzi e al suo PD» Lo scrivono in una nota congiunta i parlamentari del M5s nelle commissioni Affari costituzionali di Camera a Senato.

«Il M5S, infatti - prosegue - è l’unico che ad oggi ha presentato una proposta di legge che prevede l’estensione del Legalicum anche per l’elezione del Senato - proseguono - e può essere approvata nel giro di qualche giorno di lavoro parlamentare. La proposta è in commissione, alla portata di tutti. Non servono né tavoli né gli accordi sottobanco ai quali sono abituati i partiti. Siamo gli unici ad essere affidabili e credibili. Gli unici ad avere una proposta seria, unitaria e condivisa da tutto il M5S, contrariamente a tutti gli altri partiti lacerati da correnti e minoranze interne ognuno di loro con una propria e differente proposta.

Noi, invece, siamo gli unici che vogliono davvero ridare voce ai cittadini facendoli tornare, dopo anni di Governi imposti, al voto democratico. Tutti gli altri partiti, dal PD alla Lega sino a Forza Italia hanno le idee confuse - chiudono i pentastellati -. Non sanno quali inciuci e quali accordi intraprendere. Sono presi dal panico e dalla paura sconfinata di perdere le prossime elezioni e sono ossessionati dal M5S. Coraggio, approviamo subito il Legalicum e andiamo immediatamente al voto».

26 Aprile 2017



Perché il segreto del successo è scegliere i collaboratori giusti

12 Novembre 2017- Ogni volta che diamo inizio a una nuova impresa, di qualsiasi genere essa sia, imbocchiamo una strada piena di insidie. Possiamo prepararci accuratamente, prevedere ogni alternativa, ma non potremo mai evitare di imbatterci in ostacoli imprevisti, nemici inattesi, tradimenti e sconosciuti soccorritori. Per riuscire, per raggiungere la meta, occorrono diverse qualità o ...continua
Grazie al prete che dice la verità ai nostri figli

11 Novembre 2017- di Alessandro Sallusti Don Lorenzo Guidotti è parroco in un quartiere di Bologna e da ieri al centro di un linciaggio politico e mediatico per avere scritto su Facebook parole dure sulla ragazzina che ha raccontato ai carabinieri di essersi svegliata seminuda, ancora ubriaca e derubata dopo essere stata violentata da un immigrato che aveva incontrato poco prima. Quella del parroco ...continua
Cgia Mestre: sprechi e inefficienze della p.a. sfiorano i 29 mld all'anno

1 Novembre 2017- Sfiora i 29 miliardi di euro l'anno la montagna di sprechi e inefficienze della pubblica amministrazione. E' la stima dell'Ufficio studi della Cgia, secondo cui si potrebbero eliminare "distorsioni" nel trasporto pubblico locale, nella sanita', nelle misure economiche a sostegno delle persone meno abbienti e nella quota di spesa pubblica indebita denunciata dalla ...continua
Impresentabili in Sicilia, alle regionali vale una vecchia regola: i voti non puzzano

1 Novembre 2017- di Antonio Roccuzzo Il paradosso è che, tra le centinaia di candidati a uno dei 90 seggi regionali in Sicilia, ci saranno anche molti “impresentabili”, anche se al di sopra di ogni sospetto. Con voti sporchi in tasca e casellario penale lindo. Il problema non è (solo o tanto) penale, ma politico. Molto politico e di costume. Un bravo parlamentare ...continua
G7 Salute tra accordi segreti e falsi proclami. Obiettivo: privatizzare tutto

1 Novembre 2017- di Vittorio Agnoletto Il 5 e 6 novembre si riunirà a Milano il G7 sulla salute. I temi all’ordine del giorno, definiti dalla ministra Lorenzin, saranno: le conseguenze sulla salute dei cambiamenti climatici, la salute della donna e degli adolescenti e la resistenza antimicrobica. Da un tale incontro non uscirà assolutamente nulla se non un semaforo verde ...continua
Attentato New York, polizia: “Terrorista ha seguito le istruzione online dell’Isis"

1 Novembre 2017- Ha seguito in Rete le istruzioni del Califfato su come preparare un attacco terroristico. Da molto tempo stava mettendo a punto ogni dettaglio dell’attentato, eseguito in nome dell’Isis. Nella sua auto sono stati trovati diversi coltelli e degli appunti scritti a mano in arabo in cui era scritto “Lo Stato Islamico durerà per sempre”. A sentire la ...continua
Berlusconi per la Sicilia: fisco, immigrazione, Europa

1 Novembre 2017- Silvio Berlusconi è entrato in sala nel teatro Politeama di Palermo per la campagna in sostegno del candidato Nello Musumeci ed è salito sul palco dove ha salutato la folla. Poco prima del suo arrivo è entrata Francesca Pascale ed è partito l'inno di Forza Italia, poi si è diffuso un silenzio di attesa che è durato qualche minuto. Al cenno di un organizzatore tutta la platea si è ...continua
Né Slovenia né Croazia: questa terra è italiana

1 Novembre 2017- Rijeka? No, Fiume! Dubrovnik? No, Ragusa! Kobarid? Macché, quella è Caporetto! Né Slovenia, né Croazia: questa terra è italiana. Lo era, lo è e sempre lo sarà, ma purtroppo al momento è invasa dai discendenti di quell’assassino di Tito. Secondo un censimento del 2011, solo in Croazia, oggi ci sarebbero 17.000 italiani ed a questi si devono aggiungere circa 5.000 italiani in ...continua
Gli sprechi veri e quelli finti

1 Novembre 2017- di Vittorio Sgarbi Chissà perché il vitalizio dei parlamentari agita i sonni di Renzi, Richetti e i cinquestellini. E nessuno si agita invece per i quattrocentomila euro all'anno degli oziosi membri della Corte Costituzionale o per le indennità dei «giudici» del Csm e dei magistrati ordinari, che non hanno orari di lavoro e che rispondono soltanto alle loro priorità. Mi sarei aspettato maggior ...continua
Gentiloni vola nei sondaggi e oscura Matteo Renzi

1 Novembre 2017- Matteo Renzi non ce la fa a tornare in auge. Dopo la disfatta del referendum costituzionale, il segretario Pd sembra non riuscire a risalire la china e perde terreno nei confronti di Paolo Gentiloni, messo lì proprio da lui a guida di un "governo fotocopia" che doveva solo concludere la legislatura. Lo rivelano i sondaggi di Ixè commissionati da Rai Radio 1, secondo cui l'attuale ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Penne aromatiche allo spada
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra