Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: La Stampa
Mattarella: “Il Parlamento approvi con urgenza la riforma sulla legge elettorale”
Condividi                       

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha incontrato oggi al Quirinale il Presidente del Senato, Pietro Grasso, e la Presidente della Camera, Laura Boldrini. Il Capo dello Stato ha sottolineato, si legge in una nota, l’esigenza che il Parlamento provveda sollecitamente al compimento di due importanti adempimenti istituzionali: la nuova normativa elettorale per il Senato e per la Camera e l’elezione di un giudice della Corte Costituzionale.

Il Presidente della Repubblica ha chiesto quindi ai presidenti dei due rami del Parlamento, conclude il comunicato, «di rappresentare ai rispettivi gruppi parlamentari l’urgenza che rivestono entrambe le questioni per il funzionamento del nostro sistema istituzionale».

Pd, Rosato: «Sollecitazione giustissima»
La sollecitazione del Presidente Mattarella «è giustissima». Lo dice il capogruppo del Partito Democratico alla Camera, Ettore Rosato che aggiunge: «Il presidente della Repubblica ha ragione, sia sulla legge elettorale che sul giudice della Consulta. Non so gli altri, ma certamente per il Pd sono delle priorità. Già da oggi in capigruppo chiederemo la calendarizzazione di entrambe le questioni, cose su cui peraltro la presidente Boldrini da tempo è sensibile e attiva»

Forza Italia, Brunetta: «Si rivolga a Pd e a Renzi»
«Bene il monito del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sulla legge elettorale. Ma più che al Parlamento, il Capo dello Stato si rivolga al Partito democratico e al suo segretario in pectore, Matteo Renzi, che da mesi bloccano i lavori della commissione Affari costituzionali di Montecitorio in attesa che vengano celebrati prima il congresso e poi le primarie Dem». Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera.

«Forza Italia, che ha presentato una proposta di legge chiara e riconoscibile (una, e non nove come hanno invece fatto gli amici del Pd), è pronta al dibattito e al confronto, con tutte le forze politiche rappresentate in Parlamento, per fare presto e bene -prosegue l’esponente azzurro- una nuova legge elettorale che tenga conto delle indicazioni implicite date dai cittadini con il voto al referendum costituzionale dello scorso 4 dicembre e che garantisca il giusto equilibrio tra il bisogno di governabilità e quello della rappresentanza”. «Nessun diktat da parte di nessuno, nessun punto `imprescindibile´ da imporre agli altri partiti. Seguiamo le indicazioni di Mattarella -conclude Brunetta- per un nuovo sistema di voto il più possibile condiviso’’.

Bersani: via capilista e premio coalizione
«La legge elettorale bisogna farla rapidamente ma anche bene. Penso che sia un pazzo furioso chi voglia mantenere i capilista bloccati, cominciamo da lì e poi diamo un premio di coalizione» commenta il deputato Mdp Pierluigi Bersani.

M5s: bene Mattarella, paralisi colpa di Renzi
«Prendiamo atto delle parole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che sollecita il Parlamento ad approvare la legge elettorale per l’elezione sia della Camera che del Senato. Ma è doveroso precisare come questa grave paralisi istituzionale che sta tenendo in ostaggio il Paese è imputabile solo ed esclusivamente a Renzi e al suo PD» Lo scrivono in una nota congiunta i parlamentari del M5s nelle commissioni Affari costituzionali di Camera a Senato.

«Il M5S, infatti - prosegue - è l’unico che ad oggi ha presentato una proposta di legge che prevede l’estensione del Legalicum anche per l’elezione del Senato - proseguono - e può essere approvata nel giro di qualche giorno di lavoro parlamentare. La proposta è in commissione, alla portata di tutti. Non servono né tavoli né gli accordi sottobanco ai quali sono abituati i partiti. Siamo gli unici ad essere affidabili e credibili. Gli unici ad avere una proposta seria, unitaria e condivisa da tutto il M5S, contrariamente a tutti gli altri partiti lacerati da correnti e minoranze interne ognuno di loro con una propria e differente proposta.

Noi, invece, siamo gli unici che vogliono davvero ridare voce ai cittadini facendoli tornare, dopo anni di Governi imposti, al voto democratico. Tutti gli altri partiti, dal PD alla Lega sino a Forza Italia hanno le idee confuse - chiudono i pentastellati -. Non sanno quali inciuci e quali accordi intraprendere. Sono presi dal panico e dalla paura sconfinata di perdere le prossime elezioni e sono ossessionati dal M5S. Coraggio, approviamo subito il Legalicum e andiamo immediatamente al voto».

26 Aprile 2017



Siria, dura reazione del Cremlino: Onu prenda provvedimenti contro Usa

14 Aprile 2018- A seguito del bombardamento in Siria, la reazione di condanna da parte del Cremlino non ha tardato ad arrivare. Putin lascia a Tass il compito di esprimere tutto il suo disappunto per l'accaduto, e chiede una immediata convocazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per discutere dell'accaduto. "L'attuale escalation della situazione in tutta la Siria ...continua
Assad: "I raid dimostrano il fallimento dell'Occidente"

14 Aprile 2018- Bashar al Assad sembra tutt'altro che preoccupato dai raid lanciati nella notte da Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia. Questa mattina ha diffuso sull'account Telegram della presidenza siriana un video in cui andava al lavoro. Poi, nel corso di un colloquio con Hassan Rohani, presidente dell'Iran, ha risposto agli attacchi sostenendo che il popolo siriano non si lascia ...continua
“L’attacco ci ha rafforzati I nostri 70 minuti sotto il fuoco Usa”

14 Aprile 2018- “Questo attacco ci ha reso più forti. Era solo una dimostrazione di forza. Crediamo che gli americani si fermeranno e che non ci attaccheranno nuovamente”. Così fonti di Damasco commentano i raid statunitensi, francesi e britannici di questa notte. In effetti, il raid di questa notte, che doveva essere devastante (almeno a sentire il presidente americano Donald Trump) è ...continua
Salvini: "Grilletto facile aiuta terroristi", Berlusconi: "Ora serve un governo"

14 Aprile 2018- A poche ore dai raid lanciati da Usa, Gran Bretagna e Francia in Siria, arriva la ferma condanna da parte di Matteo Salvini. "Stanno ancora cercando le 'armi chimiche' di Saddam, stiamo ancora pagando per la folle guerra in Libia, e qualcuno con il grilletto facile insiste 'coi missili intelligenti', aiutando peraltro i terroristi islamici quasi ...continua
Giallo su Haftar, rischio caos in Libia

14 Aprile 2018- È giallo sulla sorte di Khalifa Haftar, 75 anni, la divisa e la guerra come ragione di vita. «Sono un combattente e mi batterò fino alla fine per il mio Paese» aveva detto qualche anno fa in un'intervista a Il Giornale e ieri nel pomeriggio è arrivata la notizia che fosse spirato nel letto d'un ospedale di Parigi, abbattuto da un infarto. Nel corso della serata l'emittente Al Arabiya ha però ...continua
Attacco in Siria, la Russia è stata avvertita

14 Aprile 2018- La Russia è stata avvertita in anticipo degli attacchi militari congiunti di Usa, Regno Unito e Francia contro la Siria» ha dichiarato la ministra della Difesa francese, Florence Parly. L'Eliseo quindi conferma la strategia di "deconflicting" dietro l'attacco di questa notte: missili su obiettivi mirati e piena collaborazione con i russi per evitare l'incidente imprevisto che possa portare a ...continua
Usa, Gran Bretagna e Francia attaccano la Siria

14 Aprile 2018- Alla fine, quello che si temeva è avvenuto. Le forze di Stati Uniti, Francia e Regno Unito hanno attaccato la Siria questa notte. Secondo quanto riportano le agenzia locali, i bombardamenti hanno colpito diversi luoghi in Siria. "Poco fa, ho ordinato alle forze armate statunitensi di lanciare attacchi di precisione contro obiettivi relativi alle capacità della Siria di fabbricare ...continua
Attacco a Damasco: ecco i siti colpiti dai missili Usa

14 Aprile 2018- Il quotidiano russo "Kommersant" ha pubblicato una mappa con tutti i siti colpiti durante l'attacco missilistico occorso nella notte italiana a Damasco. Questi gli obiettivi colpiti nella notte dai missili della coalizione occidentale Secondo le fonti militari siriane consultate dal quotidiano, questi sarebbero stati gli obiettivi coinvolti nell'attacco: Nella mappa sono ...continua
Attacco in Siria, l'Ue con gli alleati. L'Onu chiede moderazione

14 Aprile 2018- È partito nella notte l'attacco alla Siria che si attendeva da giorni, coordinato dalle forze armate di Stati Uniti, Francia e Gram Bretagna e scattato dopo giorni di contatti con la Russia, per evitare una escalation della violenza che nessuna desidera, nonostante le prime dichiarazioni arrivate dopo i raid notturni possano far pensare diversamente. "L’attacco di Stati ...continua
Trump schiera le navi da guerra: una pioggia di mille missili dal Mediterraneo

13 Aprile 2018- Entro la prossima settimana gli Stati Uniti avranno nel Mar Mediterraneo una capacità missilistica di oltre mille missili Tomahawk che potrebbero potenzialmente essere lanciati contro la Siria. E’ una capacità offensiva notevole considerando che nei possibili piani d’attacco contro la triade difensiva della Corea del Nord (il paragone è prettamente ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
22° Jamboree mondiale 2011 a Rinkaby(Svezia)
Cucina
'U Maccu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra