CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Varie di Marina Repetto
Sport
Opinioni a cura di Romolo Rossi
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra

Parenti serpenti
Di Annamaria Raffa, Giovedý 19 Aprile 2012 - Commenti (0)

“The Family”, così si chiamava la setta formata da Charles Manson colpevole dell’uccisione di 10 persone negli anni sessanta negli Stati Uniti, “a’ famigghia prima di tutto”, ammoniva Marlon Brando nel Padrino, “We are family”, cantavano le Sister Sledge, “(…) abbiamo alte speranze per il futuro”
La famiglia, cosa non si fa per essa, non puoi vivere con lei ma non ne puoi fare senza; questo deve aver pensato Bossi nell’incombenza di doversene occupare. Da meridionale non posso non provare un sottile (non così tanto) piacere nell’”inciampo” di un partito che tuonava contro il Sud zavorra d’Italia e Roma Ladrona (pur occupandone le poltrone per più di 15 anni), e guardare con tenerezza ai suoi elettori che difendono il loro Leader vittima della malattia e dei magistrati corrotti in congiura. Evidentemente Giù al Nord non sono poi così diversi da noi; il sociologo Edward C. Banfield parla della tendenza delle società economicamente e socialmente arretrate al familismo amorale, quel comportamento volto a "massimizzare unicamente i vantaggi materiali di breve termine della propria famiglia nucleare, supponendo che tutti gli altri si comportino allo stesso modo”. Tale tendenza spiega, sia la “non cura” con cui il cittadino italiano si rapporta agli spazi e oggetti pubblici, fino all’evasione fiscale. Altre teorie ancora spiegano questo atteggiamento come conseguenza di uno Stato, quello italiano, di recente formazione (scusa che credo non potremmo portare avanti per molto tempo ancora); altre lo riconducono alle diverse dominazioni subite dal paese che per tanto fanno sentire sempre i governanti come degli invasori. Gli alibi non ci mancano, il clientelarismo che corrompe Prime, Seconde e Terze Repubbliche viene emotivamente giustificato, siamo oramai abituati agli oligopoli dei cognomi. Lo sentiamo dire spesso del resto, che “la famiglia” è l’istituzione portante dello Stato Italiano, quando poi la nostra non ci basta, sentiamo l’esigenza di affiliarci ad altre, anche criminali, terroristiche, sovversive, loggistiche e massoniche; e chi se non il nostro ex Capo di Governo merita più di tutti l’appellativo di “papi”? Proviamo a non sentirci più “di famiglia”, bussiamo e chiediamo il permesso prima di entrare, smettiamola di alludere, di fronte a tutto il paese, che forse non portiamo le mutande sotto i vestiti per poi svelare che le avevamo color carne; smettiamo di essere sbragati, spudorati, accomodanti ed eccessivi. Del resto siamo solo ospiti, ospiti del pianeta, ospiti nelle poltrone di potere quando le occupiamo, ospiti del nostro posto di lavoro che dobbiamo difendere sulla dignità di ciò che si fa e non sulle garanzie che riteniamo ci spettino; trattiamo il prossimo con la cortesia di chi ti ha concesso spazio e che pretende educazione, e quando cominciamo a puzzare, togliamo elegantemente il disturbo.


Fonte foto:

                     




Scrivi

Commenti

Non ci Sono ancora commenti per questa discussione. Riprova pi¨ tardi, Grazie.



Inserisci il tuo Commento

Nome*:
Cognome*:
Mail*:
Sito Web:
Commento*:
( )

*Campi Obbligatori

Il nostro Blog è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul nostro blog

Non sono consentiti: 
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) 
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Informativa art.13 D. Leg 196/2003.
Desideriamo informarla che il D. Leg. N. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della sua riservatezza e dei suoi diritti. Ai sensi dell'art.13 del D.Leg.196/2003 le forniamo, quindi, le seguenti informazioni
1)I dati da lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità; concernenti l'attivitàinformatica del sito
2)Il conferimento dei dati è; facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza
3)I dati da lei forniti non saranno oggetto di divulgazione

Assistente Sociale
Terminato il liceo scientifico si laurea in Scienze politiche corso di studi di servizio sociale, presso l' UniversitÓ di Messina.
Ha esercitato la professione di assistente sociale e ogni altra professione le sia capitato di svolgere, sempre nell'ambito dei servizi sociali.