CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Sport
Opinioni a cura di Romolo Rossi
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra

L'indifferenza dei camici bianchi
Di Francesco Bitto, Sabato 25 Febbraio 2012 - Commenti (2)

Può capitare a tutti di avere un brutto guaio, no? Di avere un problema fisico dovuto ad un trauma o da un evento fisico spontaneo; purtroppo siamo molto fragili sotto questo punto di vista. Per fortuna, in compenso, abbiamo una sanità che funziona in Italia. Tutti invidiano il sistema sanitario italiano dicendo: “a voi vi curano senza assicurazione”e poi “anche se sei straniero e senza tessera sanitaria in Italia ti curano lo stesso” e ancora “in Italia tanta gente non paga nulla, ci sono tante esenzioni”; ma funziona veramente questo sistema? Ed a quale prezzo? Vale veramente la pena mantenere un sistema sanitario nazionale così “assistenzialista” per poi ritrovarselo spesso solo sulla carta? Giorni fa in un ospedale de “LA CAPITALE” è stata trovata una Signora in coma da giorni, in corridoio, legata con delle lenzuola, mani e piedi, ad aspettare un letto (detta così cruda fa un po’ rabbrividire, ma questo è accaduto); stava lì da giorni ….da giorni….ma ci rendiamo conto? A questo punto mi chiedo, vanno bene i tagli, va bene la carenza di personale, va bene la carenza strutturale dell’ospedale, ma non va bene l’atteggiamento degli addetti ai lavori. No quello no, il comportamento degli addetti ai lavori no, non va bene per niente. Perché non ci si può nascondere dietro i problemi dell’azienda di fronte a questi episodi, non è umanamente concepibile da parte di una persona civile lasciare un essere umano in quelle condizioni per giorni, in un corridoio, incaprettato come un animale; no non è concepibile! Non serve avere le strutture, non serve avere posti letto per essere persone civili, basterebbe piuttosto non abbandonarsi ad un sistema che ti lascia indifferente davanti ad una situazione da terzo mondo. Si, perché vi sembra verosimile che questo sia successo nel “Bel Paese”, quello che tanto si vanta di essere civile, che accoglie gli immigrati, che predica integrazione, misericordia verso i bisognosi, nel paese cristiano per eccellenza, che ospita il Vaticano? Non è importante chi avrebbe dovuto prendere la decisione: infermieri, portantini, dottori, dirigenti, gli addetti alle pulizie; sono tutti colpevoli e se non possono essere tutti condannati dai tribunali italiani, lo saranno dalle loro coscienze……ammesso che ancora ne abbiano una.


Fonte foto:

                     




Scrivi

Commenti



Sono d’accordo, ma fintanto che in Italia si festeggerà per la prescrizione di un reato invece di perseguire la verità…si fa fatica a vedere la luce.

francesco bitto 26/02/2012 16:52



E' forte il senso dell'indignazione. Non vi è dubbio inoltre che l'episodio rientra tra i mille della malasanità. Qualcuno è giusto che paghi; tutti dovrebbero vergognarsi.

antonino dalmazio 25/02/2012 18:38



Inserisci il tuo Commento

Nome*:
Cognome*:
Mail*:
Sito Web:
Commento*:
( )

*Campi Obbligatori

Il nostro Blog è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul nostro blog

Non sono consentiti: 
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) 
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Informativa art.13 D. Leg 196/2003.
Desideriamo informarla che il D. Leg. N. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della sua riservatezza e dei suoi diritti. Ai sensi dell'art.13 del D.Leg.196/2003 le forniamo, quindi, le seguenti informazioni
1)I dati da lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità; concernenti l'attivitàinformatica del sito
2)Il conferimento dei dati è; facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza
3)I dati da lei forniti non saranno oggetto di divulgazione

Opinionista
Francesco Bitto, nato e diplomato a Messina lascia la sua città nel 1991 per lavoro, Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, vive e lavora in provincia di VERONA, dipendente della P.A., ha vissuto e lavorato anche in Toscana e nelle Marche, ama scrivere ed esprimere le proprie idee senza paura per cercare di migliorare l’italia, ma sempre con Messina nel cuore.