CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Spiagge
Sport
Opinioni a cura di Romolo Rossi
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra

45 ignoti serventi
Di Pippo Nostro, Sabato 12 Novembre 2011 - Commenti (0)

Eran 45, eran giovani e forti …
Incredibile! Mi son guardato attorno e non ho visto nessuno. Ho cercato, chiamato … nessuna risposta. La porta era chiusa ed in casa era tutto in ordine, ma dove sono? Eppure son tanti. Come ho fatto a non udire nulla. Niente da fare, ho rovistato dappertutto… scomparsi. Ben quarantacinque dissolti, svaniti.
Un esordio sarcastico per introdurre una sconcertante scoperta fatta su internet. Io ne ero all’oscuro, ma ho appreso mio malgrado che 45 schiavi rendono possibile il mio modus vivendi. Una organizzazione no- profit statunitense “Call+Response”, che combatte da anni l’esistenza ancora attuale della schiavitù ha creato un simpatico sito internet www.slaveryfootprint.org che dà la possibilità immediata di scoprire quante persone lavorano per il nostro benessere. Attraverso un percorso di 11 schede proposte per conoscere come viviamo e cosa utilizziamo, si scopre alla fine quante persone nel mondo lavorano per noi, a nostra totale insaputa. Nel mio caso ne son venuti fuori 45, ma il numero cambia secondo il vissuto personale. Può rappresentare un divertente e curioso passatempo ma, da un esame più attento emergono spunti di riflessione sulla realtà che ci siamo costruiti attorno. Buona parte degli oggetti, dei prodotti, della nostra quotidianità viene realizzata sfruttando illegalmente povera gente, spesso bambini, e di questo quasi sempre si macchiano le grandi multinazionali. Costruendo su questo sfruttamento enormi fortune.
Il progetto tende quindi a sensibilizzare tutti noi fruitori verso un consumo più attento ed informato per smascherare ed emarginare o quantomeno operare un ravvedimento in chi ancora oggi ricorre ad aberranti pratiche di schiavitù per incrementare le proprie fortune.
Opera impervia e difficoltosa visto il nostro approccio frettoloso e distaccato verso il consumismo abitudinario. Un più attento esame di etichette, provenienze e fornitori, consentirebbe una partecipazione più responsabile di tutti noi a questa battaglia di civiltà. Insomma senza sconvolgere irrimediabilmente le nostre abitudini potremmo contribuire al compito di chi cerca di debellare definitivamente qualunque forma di schiavitù.


Fonte foto:

                     




Scrivi

Commenti

Non ci Sono ancora commenti per questa discussione. Riprova pił tardi, Grazie.



Inserisci il tuo Commento

Nome*:
Cognome*:
Mail*:
Sito Web:
Commento*:
( )

*Campi Obbligatori

Il nostro Blog è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul nostro blog

Non sono consentiti: 
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) 
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Informativa art.13 D. Leg 196/2003.
Desideriamo informarla che il D. Leg. N. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della sua riservatezza e dei suoi diritti. Ai sensi dell'art.13 del D.Leg.196/2003 le forniamo, quindi, le seguenti informazioni
1)I dati da lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità; concernenti l'attivitàinformatica del sito
2)Il conferimento dei dati è; facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza
3)I dati da lei forniti non saranno oggetto di divulgazione

Opinionista - Divulgatore
Opinionista - Divulgatore