CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Varie di Marina Repetto
Sport
Opinioni a cura di Romolo Rossi
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra

E adesso?
Di Pippo Nostro, Martedì 11 Ottobre 2011 - Commenti (1)

E adesso?
Certo non si può dire di non essere stati avvisati. Ormai da parecchio tempo i “media” ci mettono in guardia con concitazione ed accoramento. Sta arrivando … è arrivata … no, non ancora … ma si, ci siamo dentro … sarà durissima!... Ma chi? Che cosa?  La RECESSIONE!  Si, la recessione. Ce lo dicono economisti, grande finanza, politici, opinionisti, tutta gente di grande rispetto e considerazione. Dobbiamo crederci.  E stanno facendo di tutto per farci sopravvivere, LORO che sono “grandi pensatori”  e  “decisori”  per le nostre esistenze. Hanno provato a spalmare tra ignari anonimi risparmiatori illusioni di ricchezza, hanno inondato banche e Stati con montagne di carta straccia che “produceva utili?!”, hanno provato ad inventare ulteriori contenitori per liberarci da questi prodotti tossici, hanno provato  a  stampare  e  stampare  denaro. Niente! Hanno perfino riesumato l’antica ricetta della nonna. E poi provato col  fritto, il lesso e il microonde. Niente da fare!  Anzi la situazione è peggiorata. Le fabbriche chiudono, i disoccupati aumentano, i giovani non riescono ad immaginare il futuro, chi resiste,   in ogni caso,  si è impoverito.  Ma c’è anche chi immoralmente sta traendo enormi benefici da questo stato di cose.
E la colpa? Un po’ di tutti. Grande finanza, politici, paesi emergenti, materie  prime … e noi tutti che vogliamo,vogliamo, vogliamo sempre di più e subito.
E a questo punto?
Beh, auguriamoci intanto che si risolva tutto presto e bene, sopratutto per chi non ha più o sta per perdere ciò che ha. Per  tutti comunque  è il momento di guardarsi attorno, aspettarsi niente dagli altri e darsi da fare, per quel poco che può fare ognuno di noi “piccoli interpreti della quotidianità”.
Senza voler ledere la suscettibilità di ognuno  e senza rinunciare al sogno (salutare essenza di vita)  si potrebbe rivedere con pazienza e saggezza  il nostro modo di vivere, prima che qualcuno ce lo imponga per legge.
Guardando con attenzione ci accorgeremo di quanto  di effimero e superfluo siamo circondati. Di come siamo appesantiti da cose e pensieri  inutili ed ingombranti.  Di come l’illusione di un bisogno inesistente amareggia il nostro vivere. Socrate passeggiando per Atene si stupiva e compiaceva nel vedere  di quante cose non aveva bisogno. Credo si possa quindi sopravvivere senza avere un telefonino per ogni tasca, un televisore per ogni camera, un’auto per ogni componente della famiglia, un abito  griffato, un sabato di “movida” e così via. Possiamo cominciare a distinguere tra l’essenziale ed il necessario come saggiamente suggeriva Epicuro, pur non rinunciando ai piaceri della vita. Certamente si potrà attingere alla vita senza procurarsi angoscia o accendere un mutuo. Le difficoltà porteranno alla scoperta di nuove strade, nuove opportunità,  daranno nuovi  stimoli a chi oggi si  sente defraudato di tutto.
Non vorrei apparire  come un moralista da tanto al chilo, ma credo che se non ci auto-disponiamo a un  atteggiamento di vita più attenta e selettiva con plasticità, ne saremo successivamente trascinati con rigore, e sarà più triste e duro.  Seneca scriveva all’amico nelle sue “Lettere a Lucilio”: Se vuoi rendere ricco Pitocle non aumentare i suoi averi ma diminuisci i suoi desideri. 
Già allora, circa duemila anni fa,  Seneca ammoniva di non lasciarsi intossicare dalla follia dei consumi. Oggi, tornando tra noi, direbbe: “ … a ridaje!”  


Fonte foto:

                     




Scrivi

Commenti



La penso anch'io così.
Da anni i messaggi martellanti dei media, degli spot, di tutto il consumismo ci dicono cosa comprare a tutti i "costi" altrimenti non siamo alla moda, cosa non deve mancarci affinchè la nostra vita abbia senso.
Le finanziarie poi ci danno la possibilità di avere tutto, anche se non possiamo permettercelo col messaggio "perchè non puoi averlo anche tu?"
Ma quanto ci costa tutto questo?

Giovanni Faraone 11/10/2011 23:57



Inserisci il tuo Commento

Nome*:
Cognome*:
Mail*:
Sito Web:
Commento*:
( )

*Campi Obbligatori

Il nostro Blog è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul nostro blog

Non sono consentiti: 
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) 
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Informativa art.13 D. Leg 196/2003.
Desideriamo informarla che il D. Leg. N. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della sua riservatezza e dei suoi diritti. Ai sensi dell'art.13 del D.Leg.196/2003 le forniamo, quindi, le seguenti informazioni
1)I dati da lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità; concernenti l'attivitàinformatica del sito
2)Il conferimento dei dati è; facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza
3)I dati da lei forniti non saranno oggetto di divulgazione

Opinionista - Divulgatore
Opinionista - Divulgatore