CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Sport
Opinioni a cura di Romolo Rossi
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra

I fanti cadono ma il Re rimane sul trono
Di Francesco Bitto, Sabato 26 Luglio 2014 - Commenti (9)

È ormai pressoché giornaliera la sensazione che in Italia ci sia una serie di teste che, cadendo una dopo l'altra, stiano riempiendo questo "cesto della rivoluzione" al fine, almeno apparente, di epurare la politica da chi per anni ha approfittato del proprio status quo per accumulare ricchezza, potere e quant'altro messo a disposizione su piazza (Italia). Galan, Dell'Utri, Matacena e chi più ne ha più ne metta, sbattuti in cella, in prima pagina e poi centrifugati dai media, poi risbattuti in prima pagina, ancora e ancora, come trofei di caccia come pierini messi dietro l'angolo a ripetere "non lo faccio più, prometto". Per carità probabilmente saranno colpevoli, avranno commesso reati, avranno magari anche calpestato chi era meno potente di loro, ma siamo sicuri che non siano vittime di un sistema, il sistema Italia? E poi perché mentre i suoi scudieri vengono messi alla gogna il Re/Cavaliere ritorna in auge, prosciolto dal Rubygate, riabilitato politicamente e con l'intento di ergersi a paladino del centrodestra contro i cattivi di sinistra? Ma non erano gli stessi con i quali sta architettando la nuova legge elettorale fatta in barba alla Corte costituzionale perché ancora una volta non prevede le preferenze? La mia sensazione è che si stia girando sempre lo stesso film cambiando solo gli attori, con il convincimento che si stia cercando di cambiare la trama ma senza perdere il filo conduttore che è sempre lo stesso: porsi al comando per acquisire potere e con l'intento di non mollarlo per il tempo più lungo possibile. Ma quale innovazione? quali riforme? Questo fumo del riformismo ormai ci ha annebbiato così tanto la vista che non vediamo più la disoccupazione che cresce, i poveri che aumentano e le stanze dei bottoni sempre più affollate (con la differenza che non sono più votati ma nominati); ma allora quali sono le riforme che faranno cambiare marcia al paese ? Svegliamoci cari amici, rimbocchiamoci le maniche e continuiamo a ripetere ai nostri figli che ci troviamo in un mondo dove chi ha pensato a se stesso ci ha condotto in una stanza buia senza neanche un fiammifero, senza un tozzo di pane, né un bicchiere d'acqua, intimandogli di non ripetere gli stessi errori e con la speranza così di riuscire a formare un briciolo di coscienza collettiva con l'intento di avere una classe politica e dirigente che possa, non dico tutti i giorni, ma una volta ogni tanto, dire " faccio questo per il mio paese" invece di ragionare sempre sul tornaconto personale, di partito o chissà di quale entità posta alle estremità della società per non farsi scovare ma che trae le risorse nel cuore della stessa: il nostro caro e amato Stato Italiano.


Fonte foto: http://it.wikipedia.org/wiki/Corona_(araldica)

                     




Scrivi

Commenti



Hello!

Pharmg597 Pharmg597 15/03/2017 06:12



Hello!

Pharme354 Pharme354 14/03/2017 00:11



Hello!

Pharme277 Pharme277 12/03/2017 12:07



Hello!

Pharmc500 Pharmc500 11/03/2017 06:55



Hello!

Pharma791 Pharma791 09/03/2017 18:54



Hello!

Pharmd123 Pharmd123 08/03/2017 12:33



Hello!

Pharme789 Pharme789 07/03/2017 06:19



There are some interesting closing dates on this article however gadafebedaddgdeg

Smithd809 Smithd809 06/03/2017 14:18



Superb post but I was wanting to know if you could write a faaddaecadgaabkb

Smithg457 Smithg457 03/03/2017 21:58



Inserisci il tuo Commento

Nome*:
Cognome*:
Mail*:
Sito Web:
Commento*:
( )

*Campi Obbligatori

Il nostro Blog è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul nostro blog

Non sono consentiti: 
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) 
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Informativa art.13 D. Leg 196/2003.
Desideriamo informarla che il D. Leg. N. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della sua riservatezza e dei suoi diritti. Ai sensi dell'art.13 del D.Leg.196/2003 le forniamo, quindi, le seguenti informazioni
1)I dati da lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità; concernenti l'attivitàinformatica del sito
2)Il conferimento dei dati è; facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza
3)I dati da lei forniti non saranno oggetto di divulgazione

Opinionista
Francesco Bitto, nato e diplomato a Messina lascia la sua città nel 1991 per lavoro, Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, vive e lavora in provincia di VERONA, dipendente della P.A., ha vissuto e lavorato anche in Toscana e nelle Marche, ama scrivere ed esprimere le proprie idee senza paura per cercare di migliorare l’italia, ma sempre con Messina nel cuore.