CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Varie di Marina Repetto
Sport
Opinioni a cura di Romolo Rossi
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra

Guardare oltre
Di Pippo Nostro, Giovedė 13 Settembre 2012 - Commenti (0)

Beh, mi son detto. Forse il quadro politico meno virulento e astioso determinatosi con l’allontanamento di Berlusconi, rende le valutazioni oggettive degli accadimenti più serene e vicine alla verità.
Cosa mi ha indotto a questa considerazione? Due titoli del Corriere della Sera.
Il primo, in prima pagina : “L’ANM contro Ingroia: basta politica”, il secondo a seguire: “Operai Alcoa in piazza. Scontri e feriti a Roma. Spintoni al PD Fassina” allontanato subito dopo per evitare il peggio.
L’esclamazione spontanea che sgorga dalle viscere è senza dubbio “Era ora!” Non per rivalsa né tanto mento per vis-polemica, ma per registrare la formulazione di un giudizio più equilibrato degli accadimenti, avulso dal condizionamento politico.
Forse, naturalmente non ho la presunzione della certezza, il fatto nuovo sta nell’annotare l’allentamento di una presuntiva egemonia che il mondo intellettuale di sinistra ha sempre manifestato in alcuni settori quali: il lavoro proletario, la scuola, l’editoria, la magistratura, lo spettacolo… mi spiego ancora meglio. Chi è stato per tanto tempo egemonizzato, comincia a guardare ciò che accade attraverso un’altra ottica. A sinistra si è sempre creduto di avere una visione così giusta delle cose, che tutti quelli che pensavano in modo diverso fossero dei deficienti. Tolleranza zero. Via via la sinistra è stata trasformata dagli interpreti più accorti e spregiudicati, in una sorta di “censore del mondo”. Da una parte tutti gli intelligenti e giusti, naturalmente i pochi “eletti”, dall’altra i deficienti, le masse. Ovviamente se, in quei settori ove ci si è sempre creduti egemoni, spunta una voce dissenziente, portatrice di un sano confronto dialettico, viene immediatamente delegittimata. Fatta scendere dal podio degli intelligenti ove era stata posizionata e declassata al livello di subnormale, ipodotata, oligofrenica.Non sarà difficile poi sentir dire dagli ex compagni: “ … ma io lo sentivo, l’avevo capito che quello lì non era granchè …” ergo, - chi non la pensa come me è un deficiente -.
Tornando ai titoli del Corriere, si può quindi osservare che, finalmente, si guarda ai fatti con distaccato realismo, non concedendo a nessuno diritti di strumentalizzazione o veti a priori. Non mi illudo e non credo sbrigativamente che tutto sia compiuto, ci vuole tempo e tanto ancora ne passerà. E’ troppo radicato in questo Paese un certo modo di vedere le cose. E’ una speranza, una aspettativa fiduciosa che ognuno in cuor suo si augura presto si realizzi. E’, allo stesso tempo, un atteggiamento più costruttivo per affrontare insieme le difficoltà e le turbolenze che ci riserva ancora il prossimo futuro.
Il nostro prodotto interno lordo si stima che scenderà quest’anno di due punti e mezzo, in soldoni, l’azienda Italia nel 2012 avrà un calo produttivo di circa 350 miliardi di euro. Tradotto in termini economici equivale ad aziende che chiudono e chiuderanno con conseguente aumento di disoccupazione, minore circolazione di denaro, minore fruizione di beni e servizi … che riportano ad ulteriore chiusure di aziende. Un circolo vizioso che bisogna spezzarenel più breve tempo possibile e con la massima consapevole condivisione. E’ tempo quindi che ci si scrolli di dosso questa assurda ed ottusa concezione della politica. Finta contrapposizione per il mantenimento perpetuo del potere. E’ tempo di guardare oltre quello che il teatrino politico ci ha propinato fino ad oggi. E’ tempo di respirare aria nuova senza paura o remore di abbandonare interpreti della politica ormai obsoleti. E’ tempo di manifestare il nostro disgusto e la nostra forza in ogni prossima consultazione elettorale. E’ tempo di uscire dalla gabbia mentale che ci siamo costruiti per riappropriarci della nostra storia.


Fonte foto:

                     




Scrivi

Commenti

Non ci Sono ancora commenti per questa discussione. Riprova pių tardi, Grazie.



Inserisci il tuo Commento

Nome*:
Cognome*:
Mail*:
Sito Web:
Commento*:
( )

*Campi Obbligatori

Il nostro Blog è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul nostro blog

Non sono consentiti: 
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) 
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Informativa art.13 D. Leg 196/2003.
Desideriamo informarla che il D. Leg. N. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della sua riservatezza e dei suoi diritti. Ai sensi dell'art.13 del D.Leg.196/2003 le forniamo, quindi, le seguenti informazioni
1)I dati da lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità; concernenti l'attivitàinformatica del sito
2)Il conferimento dei dati è; facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza
3)I dati da lei forniti non saranno oggetto di divulgazione

Opinionista - Divulgatore
Opinionista - Divulgatore